Questing for Economic Utopia, Part 2

La società non serve l'economia. L'economia serve la società.

Ciò sembra ovvio e tuttavia fondamentale per ridisegnare le mappe che ci guidano verso la "prosperità".

Il primo Rinascimento ha dimostrato con forza che il progresso della società è un concetto più grande del progresso economico. Gli storici guardano indietro al secolo Rinascimentale, dal 1450 al 1550, come la rottura dell'Europa dal Medioevo alla prima età moderna. Negli anni 1450, l'Europa rimase indietro rispetto al resto del mondo su molte misure di progresso della civiltà (es. Scienza, esplorazione, navigazione, fabbricazione di ferro e acciaio, armi, agricoltura, tessile e cronometraggio), ma nel 1550 l'Europa stava saltando ogni altra regione e vantava più risorse organizzative ed energetiche di qualsiasi altra civiltà precedente sulla terra.

Ma guardate indietro nello stesso periodo attraverso la lente della crescita economica e, secondo gli storici dell'economia, non è successo nulla . La civiltà occidentale ha raggiunto alcune transizioni storiche: dall'Impero locale a quello intercontinentale, o dal cercare la verità in Apocalisse per trovare risposte nell'osservazione attuale. (Quel cambiamento filosofico ha portato alla fine alla rivoluzione scientifica e all'Illuminismo.) Ma il "PIL pro capite" si è appena mosso. Le statistiche sulla crescita economica non sono riuscite a catturare questi cambiamenti monumentali, per la semplice ragione che l'economia è solo una dimensione della società. Alcuni cambiamenti trascendono la dimensione economica.

Chris Kutarna
Fonte: Chris Kutarna

Le nostre nozioni di "progresso" e "prosperità" devono fare lo stesso.

A tal fine, il Bhutan misura notoriamente il progresso nazionale in base al suo indice di felicità nazionale lorda. Il GNH è un sostituto nazionale del PIL che combina prosperità economica, coesione sociale e sostenibilità ambientale "alla ricerca di una società più equilibrata". Tutti abbiamo sentito parlare dell'indice di felicità del Bhutan nei media, in un momento o nell'altro. Vale la pena dedicare due minuti alle nostre vite occupate a sfogliare le dimensioni specifiche che il governo del Bhutan misura nel suo rapporto sulla "felicità" pubblica, come: equilibrio emotivo, spiritualità, "giornate salutari" (in contrapposizione ai giorni di malattia), abilità artigiane (come la pittura e la tessitura), ore di sonno, vittimismo (da criminalità, abuso o altro), livelli di inquinamento e qualità abitativa. Sembra sensato. Ogni famiglia è classificata in uno spettro da "Infelice" a "Profondamente felice".

I miei amici del Boston Consulting Group, dove un tempo lavoravo, hanno sviluppato un sostituto del PIL chiamato SEDA, la valutazione dello sviluppo economico sostenibile, come un altro modo per spostare l'obiettivo nazionale dalla "ricchezza" (cioè il PIL) al "benessere" "Considera un insieme più ristretto, ma forse più familiare, di indicatori: fattori economici come il PIL, la disoccupazione e la disuguaglianza; infrastrutture pubbliche, salute, istruzione e simili. Come la mia lettera della scorsa settimana, la SEDA sottolinea che, mentre il monitoraggio della crescita economica ha senso, concentrarsi solo sulla crescita non coglie il punto. La conversione della crescita economica in benessere generale non è automatica e si verifica in modo molto diverso da un paese all'altro.

In Cina, il Partito Comunista al potere, che ha fatto della crescita economica il suo obiettivo principale negli ultimi 30 anni, sembra destinato a riformare la sua Costituzione nel suo powwow di una volta ogni cinque anni a metà ottobre per sancire una nozione più ampia di prosperità. Per citare la traduzione ufficiale del testo ufficiale dell'ufficio di propaganda ufficiale: "Il pensiero di sviluppo orientato alle persone dovrebbe essere implementato per risolvere i problemi evidenti affrontati dal paese e … per promuovere un equilibrio economico, politico, culturale, sociale ed ecologico progresso."

La Wake Up Foundation, gestita da un ex caporedattore di The Economist, considera la prosperità meno in termini di progresso e crescita, e più in termini di capacità di recupero in un periodo di rischio florido. Raggruppa 35 democrazie ricche secondo quanto preparate sembrano "affrontare le grandi forze che tutti sappiamo ci colpiranno nei prossimi decenni". La loro posizione considera demografia, istruzione, innovazione, globalizzazione e forza istituzionale. Classificano prima la Svizzera, il 12 ° canadese e il 23 ° americano.

Anche il papa prende parte a questa conversazione. Nella sua seconda enciclica, Laudato Si '(2015), Papa Francesco scrive:

Uno sviluppo tecnologico ed economico che non lasci dietro di sé un mondo migliore e una migliore qualità della vita non può essere considerato un progresso. Spesso, infatti, la qualità della vita delle persone diminuisce – con il deterioramento dell'ambiente, la scarsa qualità del cibo o l'esaurimento delle risorse – nel mezzo della crescita economica.

Dalla macro alla micro

Il mio piano era di cambiare marcia a questo punto, lontano dalla macro questione di "Cosa vuol dire prosperità?" E iniziare a esplorare la microgestione di "Che cosa sembra perseguire qualcosa di diverso dalla crescita all'interno dell'economia?"

Stavo per condividere alcuni dei pensieri della Ellen MacArthur Foundation sul passaggio da un'economia lineare a un'economia circolare. Stavo per condividere alcuni esempi di aziende startup che mirano a profitti stabili a lungo termine piuttosto che a uscite redditizie a breve termine, come Meetup.org o Pando Daily.

Ma ho di nuovo raggiunto il mio limite di parole, quindi … sintonizzatevi la prossima settimana.

Tre link per aiutarti a navigare ora:

  1. Ascolta lo psichiatra di Oxford Ian McGilchrist. In questa intervista alla radio nazionale australiana, ci aiuta a capire meglio il mondo usando il nostro cervello sinistro e destro o, come lui li chiama, il Maestro e il suo emissario.
  2. Segui Max Tegmark. È un fisico del MIT e cerca di rendere accessibili a tutti i problemi presentati dall'Intelligenza Artificiale, in modo che tutti noi possiamo prendere parte alla conversazione al riguardo.
  3. Guarda una clip su Being Abroad in Giappone, del mio amico e professionista YouTuber Chris Broad. Ci siamo incontrati su un lungo volo da Londra a Singapore all'inizio di quest'anno. In una delle sue ultime clip (sono tutte brevi), vive l'esperienza di essere svegliato da un missile nordcoreano che vola sopra la sua testa. Ah, i tempi in cui viviamo.

Solutions Collecting From Web of "Questing for Economic Utopia, Part 2"