Questa elezione non riguarda solo te

Mark O'Connell, LCSW-R
Fonte: Mark O'Connell, LCSW-R

La mattina dopo il secondo dibattito presidenziale mi sono svegliata nauseata e priva di conoscenza. Un candidato ha continuato a dimostrare di essere più che capace di essere un presidente e comandante in capo per conto di tutti gli americani, e l'altro ha continuato a dimostrare di essere un bullo razzista reattivo, misogino, senza interesse per nessuno tranne se stesso. E anche se molte fonti di notizie ammettono che Hillary Clinton è riuscita a essere "l'unico adulto sul palco" e che è sopravvissuta al dibattito con compostezza, presenza di mente e grazia, non abbastanza hanno fornito un contesto sufficiente per l'aggressività e la bassezza che minacciavano di destabilizzarla.

Quindi, per riprendermi, ho scelto di riflettere sullo scorso fine settimana quando mio marito ed io ci siamo impegnati personalmente con una grande varietà di americani, al di fuori della nostra cerchia di amici (o amici di Facebook), nei centri commerciali nel nord di Filadelfia. Eravamo lì per registrare gli elettori prima della scadenza per la registrazione della Pennsylvania l'11 ottobre.

Per quanto fosse gratificante assicurarsi che i cittadini potessero esercitare il loro diritto di voto l'8 novembre, specialmente quelli che avevano bisogno di aiuto per navigare nel sistema, più significativo era il contatto umano che eravamo in grado di fare con così tante persone specifiche e l'opportunità riconoscere come queste elezioni influenzeranno ciascuna di esse.

Non dimenticherò mai la dolce studentessa universitaria che voleva farmi sapere che lui è musulmano e che – ora che è registrato per la prima volta – voterà per Clinton. Le dozzine di afroamericani che sorridevano con orgoglio personale e patriottico mentre spiegavano che avevano votato negli ultimi sessant'anni e che sarebbero stati lì il giorno delle elezioni. L'uomo di origine turca che mi ha guardato negli occhi e mi ha detto, con passione: "Negli ultimi vent'anni sono stato un cittadino, non ci sono state elezioni così importanti come questa." Le innumerevoli donne di varie razze ed etnie che sorridevano e mi dicevano che "non vedo l'ora di tirare la leva". Il giovane omosessuale messicano che è registrato ma che non ha intenzione di votare perché "i politici sono tutti uguali", ma che apprezzava la mia volontà fare domande sulla sua vita, e piani per il futuro, e preoccupazioni per i membri della sua famiglia che potrebbero essere deportati se Trump viene eletto e che ha ascoltato apertamente la mia prospettiva, oltre a quella degli acquirenti e dei dipendenti che ci hanno ascoltato e mi sentii costretto a cantare e … a chi sembrava sinceramente grato per questo scambio. Le molte persone che ci hanno ringraziato per il volontariato, ci hanno portato un caffè e hanno rallegrato la democrazia. E, naturalmente, non meno significative sono state le nostre interazioni con le persone (per la maggior parte bianche, ma non tutte) che erano palesemente disperate e arrabbiate e le cui dichiarazioni che avrebbero votato per Trump – come un modo per "attenersi a Washington" – sembrava essere una fonte di agenzia tra quelle che potrebbero essere fonti limitate nelle loro vite. Così come l'enigmatico e frustrante numero di persone apatiche (per lo più giovani, per lo più bianche ma non tutte) che sembravano pensare che il loro voto non ha alcun valore – e a chi ricordavo che la loro voce conta mentre mi spingevano oltre con un intenso congedo vibrazioni uniche.

Questa elezione riguarda le persone reali con vite reali che costituiscono il nostro paese. Non è un reality show, un videogioco o una partita in gabbia. Il nostro voto non è un'opportunità per scegliere il prossimo animatore, sopravvissuto o prepotente in America. È nostro dovere civico assicurarsi che il nostro paese sia guidato da qualcuno che sia in grado di sostenere i nostri valori fondamentali. L'America parla di libertà e opportunità per tutti, non solo di pochi.

Per favore, pensa a tutti noi quando tiri quella leva a novembre, non solo te stesso. E considera il volontariato, specialmente il giorno delle elezioni o nelle tue vicinanze. Soprattutto quelli di voi che vivono negli stati swing o nelle vicinanze. Per favore, fai tutto il possibile per garantire che tutti quelli che POSSONO votare votino.

#strongertogether #vote #getoutthevote #itsnotjustaboutyou!

Copyright Mark O'Connell, LCSW-R

Mark O'Connell, LCSW-R
Fonte: Mark O'Connell, LCSW-R

Solutions Collecting From Web of "Questa elezione non riguarda solo te"