Quello è il mio bambino! (Oppure My Baby's Baby)

Neurologia cosmetica? Il "Week in Review" del New York Times dedica spazio alla pagina e cita Anjan Chatterjee, professore associato presso l'Università della Pennsylvania, come autorità. L'esempio particolare di miglioramento che interessa il Times è l'uso di stimolanti per migliorare la concentrazione o la rapidità mentale, per sfide come il test a scuola. Ma perché la nuova frase? Non stiamo parlando qui di psicofarmacologia cosmetica?

Quando ho scritto Listening to Prozac , nel 1993, ho usato quell'espressione, chiedendo se le persone potessero essere tentate di prendere "steroidi psichici per ginnastica mentale". Poi ho fatto riferimento a ciò che il filosofo Thomas H. Murray chiamava "libera scelta sotto pressione", il rischio che, se alcune persone dovessero assumere farmaci per migliorare le prestazioni, questo comportamento potrebbe costringere gli altri a fare lo stesso, come l'uso di steroidi negli sport agonistici. Ho anche citato casi – i libri di Jean-Paul Sartre mentre ero in anfetamina – in cui la competizione non era in discussione e la razza umana poteva beneficiare della cosmesi. Questi argomenti sono quelli che il Times discute.

Stasera, posterò quella che considero una voce importante su questo sito, una considerazione della denuncia secondo cui la psichiatria confonde erroneamente la comune tristezza come maggiore depressione. Ma dove è il divertimento nel condurre un blog se non puoi ora fare un reclamo irritabile per conto tuo? Credo di aver coniato l'espressione "psicofarmacologia cosmetica". Sono seccato che quando, un decennio dopo, Chatterjee abbia contribuito con un articolo accademico sull'argomento, ha trascurato di darmi credito. Ha intitolato la sua monografia "Neurologia cosmetica: la polemica sul miglioramento del movimento, della mentalità e dell'umore". Nel suo saggio Chatterjee si è riferito a Listening to Prozac e ha utilizzato l'analogia degli steroidi, ma in nessun caso ha notato la monetazione che precede la sua.

Dovrei aggiungere che, sebbene non ne abbia mai visto nessuno, è possibile che ci siano usi di psicofarmacologia cosmetica che precedono il mio. Ho usato la frase per la prima volta in un saggio che ho pubblicato nel 1990. Ovunque Chatterjee potrebbe tracciare l'introduzione della parola cosmetica (per descrivere interventi medici per alterare il normale, ma non ideale, funzionamento mentale), secondo gli standard di attribuzione accademica, egli dovrebbe, Penso, per averlo citato. E poi il Times , che ha già trattato questo problema, avrebbe potuto fare lo stesso.

Certo, la neurologia è un concetto più ampio della psicofarmacologia. Possiamo immaginare l'ingegneria genetica, la simulazione elettrica e magnetica e la psicochirurgia per rianimare mente e cervello. Ma la neurologia estetica è chiaramente la progenie della psicofarmacologia cosmetica. E per il momento – come nella sezione "Week in Review" – gli interventi in discussione riguardano farmaci che gli psichiatri prescrivono. (Allo stesso modo, la conclusione del lavoro di Chatterjee elenca cinque esempi di neurologia cosmetica, e ognuno comporta un farmaco psicoattivo.) È un caso di psicofarmacologia cosmetica con qualsiasi altro nome e, a seconda dei tuoi giudizi etici, odora di dolcezza.

Solutions Collecting From Web of "Quello è il mio bambino! (Oppure My Baby's Baby)"