È quello che è

Lascia che sia Lascia che sia,
Lascia che sia Lascia che sia.
Sussurrare parole di saggezza,
Lascia fare.
– John Lennon e Paul McCartney (1970)

Ho scritto diversi post di blog su cliché che non mi piacciono. Quindi, nello spirito di essere equo ed equilibrato (di per sé un cliché – mi dispiace Fox News), voglio menzionare un cliché che mi piace: "È quello che è".

Spesso utilizzato negli sport, l'espressione ha un'applicabilità molto più ampia. Recentemente l'ho usato nel mio ruolo in una commissione incaricata di valutare i membri della facoltà per il possesso e la promozione. Il nostro comitato svolge sempre un lavoro coscienzioso, guardando attentamente a ciò che qualcuno ha fatto nei settori di interesse di un'università: insegnamento, ricerca e servizio. Ma a volte ci allontaniamo in altre aree e iniziamo a criticare la gente per quello che non hanno fatto. Questo è appropriato fino a un certo punto (dopotutto, gli insegnanti universitari hanno bisogno di frequentare le loro lezioni), ma quando si trasferisce in ciò che qualcuno non può fare – a seconda di chi lui o lei capita di essere – richiede un'interruzione. Proclamare che "è ciò che è" è un modo per fermare la cascata di controfattuali, compresi quelli che emettono da me.

Se qualcuno viene assunto che è concentrato e cauto, non dovrebbe essere criticato perché in seguito non sarà ampio e provocatorio. È quello che è, e lo sapevamo fin dall'inizio quando questa persona fu assunta. Se qualcuno viene assunto che lavora meglio con i singoli studenti o in classi piccole, lui o lei non dovrebbe essere preso in considerazione per non insegnare a mega classi a recensioni entusiastiche da parte delle masse. Viceversa, un'insegnante che brilla mentre tiene lezioni di grandi dimensioni ma fallisce mentre conduce piccole discussioni non dovrebbe essere castigata. È tutto ciò che è, qualunque esso sia, e dovremmo riconoscere e apprezzare i punti di forza di questi diversi tipi di insegnanti. Se qualcuno viene assunto che non lavora 24-7 (cliché) e ha una vita equilibrata (cliché), lui o lei non dovrebbe essere criticato per aver dedicato del tempo con la famiglia. È quello che è, e in questo caso è probabilmente buono.

Decenni fa, quando per la prima volta mi è stato chiesto di recensire un libro per un diario, ho ricevuto ottimi consigli dall'editor di riviste. Non rivedere il libro che l'autore non ha intenzione di scrivere. Piuttosto, rivedi il libro che è stato scritto. È quello che è.

Il punto: apprezzare ciò che le persone fanno bene e celebrare chi sono, supponendo che facciano quello che fanno bene. Dopotutto, è quello che è.

Il cambiamento è possibile, naturalmente, e vogliamo che gli altri e noi stessi tendiamo a crescere e a crescere (cliché complesso), sul lavoro e nella vita. Ma è quello che è, almeno finché non lo è.

Ho imparato che il punto di un blog di Psychology Today deve essere presentato esplicitamente ai lettori. Davvero esplicitamente Quindi, questo non riguarda la valutazione dei membri di facoltà in un'università. Si tratta di valutare chiunque faccia qualcosa: i leader del nostro paese, i nostri amici, i nostri coniugi, i nostri figli e anche noi stessi. Che cosa viene svolto bene? È quello che è, e se è buono, non è abbastanza buono?

Solutions Collecting From Web of "È quello che è"