Quello che non possiamo sapere sull'economia

L'economia potrebbe non essere più la "triste scienza", lo storico inglese Thomas Carlyle una volta disse che lo era. Così tanti studenti sono attratti oggi e continuano a godere di carriere vivaci e redditizie. Alcuni possono persino diventare celebrità e guadagnare premi Nobel insieme a notevole statura e rispetto. Ma quanta scienza è?

Due economisti che scrivono per Project Syndicate hanno suggerito che si trattava di modelli pseudo-scientifici di comportamento economico e rischio finanziario che hanno contribuito al tracollo finanziario 5 anni fa: "Questi modelli hanno fornito il supporto scientifico alle decisioni politiche e alle innovazioni finanziarie che hanno causato la peggiore crisi poiché la Grande Depressione è molto più probabile, se non inevitabile. "

Spinto dalle pressioni delle banche e di altre istituzioni finanziarie per sfruttare al massimo le loro attività, gli economisti hanno escogitato modelli che pretendevano di prevedere con precisione il rischio che si trovavano ad affrontare. In retrospettiva, secondo Roman Frydman e Michael Goldberg, hanno riposto troppa fiducia nei loro modelli.

C'è un sacco di responsabilità da aggirare: l'industria dei mutui che ha reso i mutui disponibili a coloro che non potevano permetterseli, i regolatori che guardavano dall'altra parte, le agenzie di rating che distribuivano le valutazioni AAA senza capire i derivati ​​che hanno valutato, i legislatori che hanno rimosso salvaguardie, ecc. ecc. Chiaramente la bolla del credito che ha portato allo schianto e la Grande Recessione da cui stiamo ancora lottando per emergere è stata una specie di mania di massa che ha travolto l'intero settore, un processo in cui la concorrenza e l'avidità hanno prevalso sulla realtà.

Ma un beneficio potrebbe essere un apprezzamento più realistico di ciò che gli economisti possono e non possono fare, e la relazione tra i loro modelli e la realtà fiscale. Freydman e Goldberg aggiungono: "Dobbiamo accettare ciò che l'analisi economica non può fornire per trarre beneficio da ciò che può". Ciò significa: "Piuttosto che cercare di colpire obiettivi numerici precisi, sia per l'inflazione che per la disoccupazione, il policy making [dovrebbe] smorzare le fluttuazioni eccessive . Risponde quindi ai problemi reali, non alle teorie e alle regole. "(Vedi" Il capitalismo fallì?)

È interessante notare che ciò lo riporterebbe nel regno della vera scienza, lontano dalla magia che si vedeva essere. I veri scienziati conoscono la differenza tra un modello e la realtà. Ecco perché testano e testano costantemente, sperimentano e osservano. Le vecchie teorie vengono sostituite con nuove, in quanto gli scienziati più di chiunque altro apprezzano il divario tra ciò che pensano e ciò che sanno.

Gli economisti potrebbero imparare a pensare in questo modo e molti già lo fanno. Gli investitori e gli speculatori, ovviamente, colgono ogni vantaggio che possono ottenere per anticipare i mercati. E probabilmente si affretteranno alle conclusioni prematuramente. Quindi potrebbe essere una buona idea etichettare modelli economici, come altri prodotti di consumo: "PU BE ESSERE PERICOLOSO PER LA TUA SALUTE" o "SCADUTI IN SEI MESI".

In questo momento, molti nel settore ricordano ancora la debacle del 2007 e la loro parte in esso. Ma i nuovi banchieri che arrivano non lo faranno, mentre molti vecchi banchieri finiranno per essere convinti che i problemi di affidabilità siano stati risolti. Ancora più importante, la pressione della concorrenza nel settore finanziario non diminuirà.

Come possono ricordare a se stessi che la gestione del rischio è più complicata che vogliono credere?

Solutions Collecting From Web of "Quello che non possiamo sapere sull'economia"