Quello che ho imparato leggendo la rivista My Alumni – Informazioni su College, il mondo e Psicologia

Ho frequentato l'Università della Pennsylvania dal 1963 al 1967 e di conseguenza ricevo la rivista trimestrale Penn Arts & Sciences , che è diretta agli ex-alunni. Mi piace la rivista. Riguarda la ricerca interessante della facoltà di Penn, che ha spesso un taglio umanistico, anche quello nelle scienze e nelle scienze sociali.

Ho imparato molto dall'esaminare il numero di Primavera / Estate, anche dalla semplice lettura della prima cosa che ho incontrato nel numero, la "Dean's Column". Il decano del College of Arts and Sciences, a cui ho partecipato, è Rebecca Bushnell, e la colonna di questo problema si chiama "Faculty Matters".

Resisterò a fare la battuta, "Vuoi dire che è considerato interessante dire agli alumni di Penn che la faccenda è importante per la loro alma mater?" Dean Bushnell dice che "Chiediamo a molti dei nostri professori", elencando i loro ruoli di ricerca, insegnamento e amministrazione (elencato in questo ordine). Considero ciò pro forma: qualsiasi preside di una grande università americana dirà qualcosa di diverso (anche se alcuni, forse, potrebbero elencare prima l'insegnamento)?

Bushnell osserva: "Non abbiamo le risorse per assumere tutti quelli che vorremmo portare qui". Di nuovo, questo vale per ogni università americana. Il fatto che il preside se ne renda conto mi fa pensare: "Le persone si lamentano della facoltà Penn che deve dire questo?

Prima di addentrarci nella colonna, la prima cosa che possiamo notare è l'importanza delle donne amministratori nelle università americane, o certamente nella Penn. Oltre a Dean Bushnell, l'attuale ottavo presidente della Penn è Amy Guttmann, che è succeduto alla settima, Judith Rodin, che è stata la prima presidente donna permanente di un'università della Ivy League. Rodin è un mio contemporaneo che era uno psicologo sociale, ma che si è rivolto a mangiare e fumare ricerca, in altre parole, ha preso una traiettoria simile alla mia.

La seconda cosa che noto è che, insieme al background di Rodin come psicologo, Guttman è uno scienziato politico. Il mio corso di laurea a Penn era in scienze politiche, che immaginavo un maggiore meno attraente al giorno d'oggi. Ho sbagliato, Bushnell mi ha informato che "La scienza politica e l'economia [sono] le nostre major più popolari al momento." Le major universitarie sono un segno dei tempi, e hanno spaziato dalla psicologia quando ero all'università, agli affari, alla letteratura (che era qualche tempo fa) e in un nuovo campo ogni pochi anni o giù di lì.

Perché la scienza politica e l'economia ora? La prima strada da esaminare nello spiegare questi è che conducono alla migliore possibilità di guadagnarsi da vivere. Non sarebbe come economisti o politologi, ma forse nel mondo degli affari o in qualche tipo di lavoro amministrativo. D'altra parte, nella misura in cui gli studenti sono guidati da impulsi intellettuali (che non credo siano veri come quando andavo a scuola – ma ho sbagliato prima), allora forse stanno cercando di fare dove è diretto tutto il nostro attuale casino nazionale.

Bushnell cita poi tre distinti membri della facoltà. Uno è Devesh Kapur, uno scienziato politico che guida il Centro per lo studio avanzato dell'India. Potrei sbagliarmi, ma non credo che ci fosse un tale centro quando ero a Penn. In ogni caso, che il Dr. Kapur è presente suggerisce qualcosa sulla direzione che sta prendendo il mondo.

Un secondo membro della facoltà menzionato è Peter Struck, uno studioso di letteratura e cultura greca. Bene, ancora una volta sono contento. La letteratura greca sta tornando?

Il terzo membro della facoltà menzionata (che in realtà viene nominato per primo) è Sharon Thompson-Schill, "un brillante neuroscienziato che sta attualmente dirigendo il Centro universitario per la neuroscienza cognitiva e che funge anche da cattedra universitaria del dipartimento di psicologia".

Sono stato a conoscenza per qualche tempo che la neuroscienza cognitiva e la psicologia sono state combinate, con il primo (come rappresentato da Thompson-Schill) il partner dominante. Questa è stata LA tendenza principale in psicologia, in contrasto con il periodo in cui il modello di depressione impotente di Martin Seligman era preminente. Come indicato dal "dotto" in "impotenza appresa", Seligman era una visione della cognizione altamente orientata all'ambiente.

Bene, le cose sono cambiate da quando Seligman è stato in cima alla psicologia. Oh, Seligman è ancora a Penn, dove i lettori di PT potrebbero sapere di essere il direttore del Centro di Psicologia Positiva. Ma questo tentativo ora assomiglia al tipo di scherno umanistico, nella mente di alcuni neuroscienziati, che ha caratterizzato gli anni '60, quando Seligman, Rodin ed io eravamo al college.

Seligman, oltre a fare ricerche, ha scritto libri popolari. Le idee neuroscientifiche hanno anche catturato la fantasia del pubblico, ma in un modo diverso. Ora, a differenza degli anni Sessanta, la gente anela – non per liberarsi – ma per essere liberata da una sorta di deux ex machina medica.

Sì, le cose sono cambiate a Penn, nel mondo e in psicologia. Cosa ne pensi: il cambiamento è nel bene o nel male?

Solutions Collecting From Web of "Quello che ho imparato leggendo la rivista My Alumni – Informazioni su College, il mondo e Psicologia"