Quello che avrei dovuto dire

Questa è una risposta al mio stesso post, perché il modo sfortunato in cui ho formulato alcuni dei punti ha portato a un deplorevole fraintendimento di ciò che intendevo comunicare. Mi scuso per questo e per l'angoscia che ha causato; il post avrebbe dovuto essere scritto e modificato con più attenzione.

Le mie spiegazioni imbarazzanti e inadeguate hanno portato alcune persone a credere che io fossi contrario alla convalida e all'empatia. Ciò che ho dato a quest'ultima impressione è particolarmente inquietante. Ho iniziato CompassionPower quasi 30 anni fa come programma per addestrare i violenti autori di reato a usare auto-compassione e compassione per gli altri come risposta incompatibile agli impulsi aggressivi. Nel corso degli anni il programma si è esteso per applicare la stessa strategia ai precursori e ai predittori di violenza, aggressione e abuso, vale a dire diritto e risentimento.

Credo che la mia ricerca personale e la ricerca più rigorosa di molti altri abbiano dimostrato la necessità della compassione nei rapporti familiari. Ho fatto il caso molte volte in questo blog e in tutti i miei libri e la maggior parte dei miei articoli che la compassione è l'emozione più importante nelle relazioni, molto più importante dell'amore. Le relazioni familiari possono prosperare con un amore basso, purché la compassione sia alta. Ma l'amore senza compassione è possessivo, controllante e pericoloso. La compassione è la linfa vitale delle relazioni.

Il post offendente non riguardava le relazioni, sebbene usasse relazioni senza vita, cioè senza compassione, come esempio di sofferenza. Era il secondo di un post in due parti su come fraintendiamo i benefici del dolore come segnale per guarire, riparare e migliorare, e come, quando quel segnale viene ignorato, il dolore si generalizza nel tempo alla sofferenza.

Il dolore è un segnale di azione, una parte cruciale del sistema motivazionale dei mammiferi che ci tiene al sicuro e bene. Ci dice di fare qualcosa , ma non cosa . Cosa fare – oltre la lotta o il volo – deve provenire dalla corteccia prefrontale, dopo aver elaborato il segnale del dolore.

Il sistema di dolore / allarme, come la maggior parte dei componenti dei sistemi biologici, è in qualche modo prova ed errore. Ti fa fare qualcosa, e se il dolore migliora e non ritorna, allora probabilmente hai fatto la cosa giusta. Se il dolore peggiora o migliora per un po 'ma continua a tornare, allora ti sta dicendo di provare qualcos'altro.

Quello che avrei dovuto fare nel primo post in due parti (avrei fatto se si trattava di relazioni) era usare un esempio di dolore che ti diceva di essere più compassionevole – prenditi cura del tuo dolore con una motivazione per renderlo migliore – e una delle cose che potrebbe renderlo migliore è chiedere compassione e convalida a coloro che ami. (Se la relazione è veramente salutare cioè, alimentando la crescita e lo sviluppo di entrambe le parti, non dovresti chiedere, ma non è questo il punto qui.)

Cercare la convalida è un modo per guarire, riparare e migliorare, ma solo se lo si ottiene . (È molto più probabile ottenerlo se lo dai, ma con alcune persone, non importa quanto tu dai, semplicemente non possono restituire, senza un intervento terapeutico.) '

Tutti meritano compassione e convalida, ed è naturale cercarli dagli altri, specialmente i propri cari. Il punto che volevo fare nel secondo post in due parti è che una volta che le persone si convincono che non possono guarire o essere integre se una certa persona non le convalida, tragicamente sottovalutano il loro valore e il loro enorme potere di guarire, migliorare, imparare, riparare e creare valore nelle loro vite.

Vogliamo la convalida, la insistiamo da coloro con i quali abbiamo relazioni strette perché possono arricchire le nostre vite, ma non ne abbiamo bisogno per guarire, migliorare e riparare. È un imperdonabile fallimento della compassione suggerire alle persone che soffrono di non sentirsi valide, integre e bene, a meno che qualcuno non le convalidi, in particolare qualcuno che le abbia ferite.

Infine, alcuni lettori hanno pensato che stavo "incolpando la vittima", nel post. Mi dispiace profondamente di aver dato questa impressione. Da bambina, ho avuto episodi ripetuti di gravi abusi sui minori. Peggio ancora, mentre a malapena uscivo dai pannolini, dovevo assistere a mia madre picchiata in molte occasioni dal mio padre ubriaco. Quell'esperienza mi ha spinto a fare ricerca e lavorare clinicamente con migliaia di vittime e molestatori e a dedicare tutti i miei libri sull'argomento a mia madre. L'ultima cosa che voglio è dare la colpa a qualcuno per essere ferito dai propri cari. Stavo cercando, un po 'goffamente, di dare potere , di rassicurare coloro che soffrono di avere la capacità di guarire, riparare e creare valore nelle loro vite, e di incoraggiarli a riconoscere quando i loro partner non valutano o non possono apprezzare e simpatizzare con loro , che devono lasciare l'edificio in fiamme, perché è quello che il loro allarme del dolore sta dicendo loro di fare.

Solutions Collecting From Web of "Quello che avrei dovuto dire"