Quelli pieni, derisi, invidiati anni tra la fine dell'adolescenza e la fine degli anni venti: di cosa stanno veramente parlando?

Una conversazione con Jeffrey Jensen Arnett

Questo è il blog "Living Single", ma ciò che significa vivere single può essere molto diverso a seconda della fase della vita in cui ti trovi. Oggi, ho invitato un esperto in "età adulta emergente" per dirci cosa è veramente la vita come per le persone di età compresa tra la tarda adolescenza e la fine degli anni '20. Penso che sia un gruppo molto interessante perché è uno che riceve molta attenzione da parte dei media, ma non sempre in modo accurato.

Jeffrey Jensen Arnett è uno dei principali studiosi di questo gruppo. Ha scritto il libro, Emerging Adulthood: The Winding Road dai Late Teens fino agli anni Venti, e l'ho invitato a rispondere ad alcune domande. Sono felice che sia d'accordo.

Bella: C'era una volta, è stato facile dire quando è iniziata l'età adulta – è stato quando ti sei sposato. Uno dei risultati del tuo lavoro che ho trovato più intrigante è che i giovani oggi non usano il matrimonio come criterio per decidere quando, di fatto, diventano adulti. Quali sono i criteri che usano ora?

Jeff: Oggi i criteri sono più individualistici e graduali, in particolare questi 3: accettare la responsabilità per se stessi, prendere decisioni indipendenti e diventare finanziariamente indipendenti. Sono rimasto stupito dal modo in cui gli stessi 3 criteri sono emersi in più di una dozzina di studi da me e da altri, in ogni classe sociale ed etnia americana, e in paesi di tutto il mondo. E non sono solo gli adulti emergenti a mettere questi tre criteri in cima, ma anche gli adolescenti, i giovani e gli adulti di mezza età. Dove diavolo è finito il matrimonio, e hai finito la tua educazione, e hai compiuto 18 o 21 anni? La mia interpretazione è che questi criteri antiquati sono tutti criteri sociali che possono essere misurati e giudicati dagli altri. Penso che nel mondo individualistico di oggi, gli adulti emergenti amano esprimere i propri giudizi sul fatto che abbiano raggiunto o meno l'età adulta.

Bella: Nel primo capitolo del tuo libro, Emerging Adulthood, fai attenzione che l'età adulta emergente NON sia la stessa dell'adolescenza, della giovane età adulta, della transizione all'età adulta o della giovinezza. Puoi spiegare cosa è realmente l'emergente età adulta?

Jeff: Non penso che sia solo "tarda adolescenza", perché non stanno attraversando la pubertà, non sono al liceo e la maggior parte non vive nella casa dei genitori. Non credo che la "giovane età adulta" si adatti perché non sono entrati nei ruoli che associamo all'età adulta, come il lavoro stabile e (per molti ma non tutti) il matrimonio e la genitorialità, e la maggior parte non sono finanziariamente indipendenti. Non penso che "il passaggio all'età adulta" funzioni perché dura così tanto. Dieci anni sembrano un po 'lunghi per una "transizione" all'età adulta. E "la gioventù" è il peggiore di tutti, perché è stata applicata a persone dai 6 ai 40 anni, quindi non ha un significato chiaro. Questa è davvero una nuova fase della vita, quindi ha bisogno di un nuovo nome. Mai nella storia umana abbiamo avuto un divario così lungo tra il tempo in cui le persone raggiungono la fine della pubertà e il tempo in cui si sentono pienamente adulti e hanno assunto l'intera gamma di responsabilità degli adulti. Ho scoperto che "l'età adulta emergente" risuona bene con molte delle persone che si trovano in questo periodo di età. Descrive la loro sensazione di essere sulla strada verso l'età adulta, ma non c'è ancora.

Quindi cos'è "l'età adulta emergente"? È un periodo per farti strada gradualmente verso la costruzione di una vita adulta, nell'amore e nel lavoro. Nel mio libro descrivo che l'età adulta emergente ha 5 caratteristiche che la rendono distinta: è l'era delle esplorazioni identitarie, l'età dell'instabilità, l'età focalizzata su se stessi, l'età del sentimento intermedio e l'età delle possibilità. Queste caratteristiche non iniziano o finiscono necessariamente nell'età adulta emergente, ma penso che sia quando sono più importanti.

Bella: questo è un blog sui single, quindi sono interessato a come vedi i single in relazione all'età adulta emergente. Da un lato, tu dici che il matrimonio non è un criterio importante per l'età adulta, ma dall'altro, usi il matrimonio come uno dei "ruoli adulti" che segnano la fine dell'età adulta emergente e l'inizio della giovane età adulta.

Jeff: Penso che i giovani oggi raggiungano l'età adulta secondo i 3 criteri soggettivi e individualistici che ho descritto sopra, quindi possono o meno sposarsi e diventare genitori. La maggior parte delle persone, circa il 75% degli americani, si sposa e diventa genitori entro i 30 anni, ma penso che i criteri soggettivi siano più importanti per segnare la fine dell'età adulta emergente e l'inizio della giovane età adulta. Come hai descritto così bene, ci sono ancora molti pregiudizi contro i single, specialmente dopo i 30 anni, questo senso ridacchiante che non crescono mai veramente, ma non penso che sia vero.

Bella: Una delle mie missioni nella ricerca e nella scrittura di singoli è quella di separare gli stereotipi ei miti dalle verità. Un'affermazione relativamente nuova è che le persone oggi sperimentano una "crisi del quarto di vita". Puoi spiegare cosa si intende con quel termine e dove pensi che cada sulla dimensione del mito o della verità?

Jeff: Penso che tu abbia fatto un ottimo lavoro per combattere gli stereotipi sui single, in "Singled Out" e nel tuo blog. Ho provato a fare lo stesso per gli adulti emergenti. È incredibile per me quanti miti poco lusinghieri ci sono su di loro: sono pigri, sono egoisti, sono infelici, sono depravati. Li ho trovati abbastanza meravigliosi nelle mie interviste, in generale. Adoro la loro energia e il loro ottimismo. Sono molto meno sessisti, razzisti e omofobi dei loro genitori o nonni, le indagini nazionali lo dimostrano. Fanno anche molto più lavoro di volontariato, in organizzazioni come Peace Corps e Teach for America. E sono più consapevoli della sofferenza delle persone nel resto del mondo rispetto ai giovani di sempre, e più determinati a fare qualcosa al riguardo. Quindi, penso che dovremmo celebrarli invece di abbatterli.

Penso che ci sia qualcosa nella rivendicazione "crisi del quarto di vita", anche se è stata esagerata. Pochi di loro sono tremanti masse di ansie, ma la maggior parte di loro sperimentano stress nell'età adulta emergente, perché stanno affrontando i problemi di identità di chi sono e che tipo di vita da adulti vogliono fare per se stessi, e perché la maggior parte non ha soldi . Ma il loro senso di stress coesiste con le loro grandi speranze. Lottano nell'emergere dell'età adulta, la maggior parte di loro, ma quasi tutti credono che alla fine la vita sorriderà. Ecco perché lo chiamo "l'era delle possibilità". Trovo toccante sentirli parlare delle loro grandi speranze, perché so che i sorrisi della vita sono concessi molto più con parsimonia di quanto si rendano conto.

Bella: Jeff, la prima volta che ho saputo di avere le tue idee rappresentate in questo blog è stato quando ho visto una recensione di un nuovo libro intitolato Guyland: The Perilous World Where Boys Become Men. Devo confessare che prima di leggere persino una parola della recensione o del libro, ho avuto un brutto presentimento. Questo era a causa di un'immagine gigante che è stata stampata insieme alla recensione. Mostrava un gruppo di giovani donne formose, attraenti, in bikini, che bevevano bibite e si divertivano in piscina con le loro controparti maschili, una delle quali stava pompando un pugno. Parla di stereotipi! Inoltre, per renderlo ancora peggio, la didascalia diceva che questa "festa senza fine" era, per alcuni, la "nuova normalità per ragazzi". Ora so meglio di credere a tutto ciò che ho letto, quindi questa avrebbe potuto essere una questione di un giornalista che sbaglia. Dal momento che hai letto il libro, e la tua esperienza accademica su questi argomenti è probabilmente impareggiabile, perché non ci dici cosa ne pensi.

Jeff: Ho letto il libro, ed è stato deludente. Ancora un'altra calunnia contro gli adulti emergenti, stereotipi ancora più negativi. Certo, ci sono ragazzi che si ubriacano molto, si comportano come cretini nei confronti delle donne e hanno una visione superficiale della vita. Ma l'errore dell'autore è di affermare che tutti i giovani oggi sono così e che sono peggio che mai. Nessuna di queste affermazioni è vera. Ciò che colpisce è quanto meno giovani ragazzi sessisti, razzisti e omofobici siano ora in passato. La maggior parte vuole un partner uguale in una relazione romantica e sessuale, non solo qualcuno che servirà loro. La maggior parte ha amici che appartengono a diversi gruppi etnici, e la maggior parte ha amici gay o lesbiche e non ne fanno un grosso problema. Inoltre, le percentuali di ogni tipo di "problema con i ragazzi" sono diminuite drasticamente negli ultimi 30 anni tra gli adulti emergenti, tra cui l'uso di alcol, il crimine e il sesso non protetto. Quindi l'asserzione che il tipico giovane ragazzo di oggi sia un potenziale stupratore porno-pazzo ubriaco è un'assurdità. È falso e ingiusto. [Nota di Bella: Ecco un esempio di Guyland di Paul Raeburn, un altro blogger di Psychology Today.]

Bella: Durante la stessa settimana in cui è apparsa la recensione di Guyland, c'era una storia di singoli uomini nel New York Times. L'interpretazione dei singoli uomini in questo articolo non avrebbe potuto essere più diversa. Il Times stava scrivendo sulla crescente tendenza dei single uomini che allevavano bambini, e sulla grande devozione alla paternità che molti di loro mostrano. Uno degli uomini nella storia era un avvocato, che aveva una culla installata nel suo ufficio. Il giornalista ha sottolineato che molti di questi uomini single sono simili alle donne single che hanno un lavoro che paga bene e permettono loro di mantenere se stessi e alcuni bambini. Hai pensato che l'articolo fosse accurato? Se questa è una tendenza reale e non solo una montatura pubblicitaria, ne vedi un significato?

Jeff: Non ho visto l'articolo, ma sembra esagerato nella direzione opposta. Dubito che ci siano molti avvocati con presepi nei loro uffici. Gli uomini single sono ancora una percentuale molto piccola di genitori single, solo il 10% circa. La genitorialità è un'area che è ancora davvero diseguale tra i sessi. Anche quando ci sono due partner ed entrambi lavorano a tempo pieno, le donne finiscono per fare la maggior parte della cura dei figli e del lavoro domestico. Ma spero che cambierà quando gli adulti emergenti di oggi entreranno in genitorialità. I giovani dicono di voler essere dei padri coinvolti, e penso che lo vogliano sul serio.

Bella: cosa hai imparato sull'importanza degli amici delle persone nell'emergere nell'età adulta? Hai un senso di come il ruolo degli amici sia diverso oggi rispetto a quello dei 20 ventenni del passato? Ad esempio, atteggiamenti come le preferenze politiche hanno meno probabilità di essere trasmessi di generazione in generazione, e più probabilmente influenzati dagli amici, rispetto a prima?

Jeff: Questa è un'area affascinante, qualcosa che voglio approfondire. Non c'è ancora molta ricerca su di esso. La mia sensazione è che, poiché più persone ora restano single più a lungo, gli amici sono più importanti che mai durante l'emergere dell'età adulta. Tuttavia, molto dipende dal fatto che abbiano un partner romantico attuale. Quando non sono coinvolti con nessuno, guardano ai loro amici per compagnia e supporto, ma quando sono innamorati, il partner d'amore viene prima di tutto.

Per quanto riguarda le preferenze politiche, è stato certamente sorprendente come le elezioni di Obama siano state guidate così tanto dagli adulti emergenti. Non solo hanno votato per Obama con il margine più ampio di qualsiasi fascia d'età, decine di migliaia di loro hanno lavorato per lui in tutto il paese. Gli adulti emergenti hanno la libertà di alzarsi e andare in un modo che le persone non possono, una volta che hanno un lavoro stabile e responsabilità familiari, così sono stati in grado di andare in Ohio, Virginia, in Florida, ovunque fossero necessari. Obama è una figura stimolante, ma sono sicuro che il cameratismo di lavorare con altri adulti emergenti e fare amicizia è stato anche parte del sorteggio per coloro che hanno lavorato per lui. Sono sicuro che coloro che sono stati ispirati da lui hanno presto influenzato i loro amici, che sono anche diventati ispirati a lavorare per lui.

Bella: So che hai studiato il modo in cui le relazioni delle persone con i loro genitori cambiano durante l'emergere dell'età adulta. Qualcuna di queste relazioni diventa vera amicizia in quel periodo? Dovrebbero?

Jeff: Sono rimasto colpito dal modo in cui gli adulti emergenti pensano ai loro genitori e quanto bene vanno d'accordo con loro. Certo, è più facile andare d'accordo con qualcuno una volta che non vivi con loro, e gli adulti emergenti che si spostano vanno di pari passo con i loro genitori rispetto a quelli che rimangono a casa. Ma è più di questo. Gli adulti emergenti arrivano davvero a rispettare e ad apprezzare i loro genitori come amici. Non posso dirvi quanti adulti emergenti mi hanno detto che si pentono di aver trattato male i loro genitori da adolescenti, e che ora vedono i loro genitori come persone in un modo che non avevano prima. Penso che sia una grande cosa per entrambe le parti. Gli adulti emergenti traggono vantaggio dall'avere un genitore che agisce come un amico solidale e solidale e, naturalmente, il cambiamento è gratificante per i genitori, per essere più amato e rispettato. L'emergere dell'età adulta è il grande guadagno della genitorialità, dopo tutti gli anni di stress e sacrificio.

Molte grazie, Jeff. È stato bello da parte tua condividere il tuo lavoro importante con noi. Per i lettori che vogliono saperne di più sul lavoro di Jeffrey Jensen Arnett sull'età adulta emergente, visitare il suo sito Web.

Solutions Collecting From Web of "Quelli pieni, derisi, invidiati anni tra la fine dell'adolescenza e la fine degli anni venti: di cosa stanno veramente parlando?"