Quattro modi per spiegare tutto … Ma non tutto per tutti

Un collega e io abbiamo appena fatto un'interessante chiacchierata in corridoio su ciò che costituisce una spiegazione soddisfacente. Ci siamo concentrati sulle differenze disciplinari – la psicologia contro la storia – concludendo, forse, che questi due campi spesso si ignorano a vicenda perché ciò che costituisce una spiegazione soddisfacente differisce tra loro.

Ho continuato a pensare a questo argomento più in generale e ho ricordato un libro provocatorio scritto decenni fa dal filosofo Stephen Pepper intitolato World Hypotheses. Il libro ha discusso diversi modi di spiegare qualsiasi cosa, alcuni ritenuti inadeguati da Pepper (es. Animismo, misticismo) e altri quattro presumibilmente più fattibili. Ha chiamato queste metafore della radice.

Il formismo spiega in termini di collocare qualsiasi cosa cerchiamo di spiegare in una categoria (modulo). Perché il mio vicino ha suonato la sua musica alle 2:00 AM? Perché lui è un ** buco!

Il meccanismo spiega in termini di cause: eventi che precedono regolarmente qualsiasi cosa cerchiamo di spiegare. Perché il mio vicino ha suonato la sua musica alle 2:00 AM? Perché ha passato tutti i suoi esami finali!

L'organicismo spiega in termini di dispiegamento della natura intrinseca di qualsiasi cosa cerchiamo di spiegare. Perché il mio vicino ha suonato la sua musica alle 2:00 AM? Perché è un giovane che si è appena trasferito nel suo appartamento!

Il contestualismo spiega in termini dell'interazione tra ciò che stiamo cercando di spiegare e il suo contesto più ampio. Perché il mio vicino ha suonato la sua musica alle 2:00 AM? Perché era sabato sera e questa è una città universitaria!

Molti psicologi sono meccanici (ad esempio, comportamentisti) o formisti (ad esempio, i teorici dei tratti), sebbene gli psicologi dello sviluppo nelle tradizioni freudiana o piagetiana possano essere organisti. Gli storici, penso, possono spesso essere contestualisti. A seconda del proprio approccio disciplinare , il dialogo è o non è possibile perché vengono utilizzati criteri diversi per giudicare l'adeguatezza di ogni tipo di spiegazione.

In modi più oscuri, gli stessi punti si applicano alle nostre spiegazioni più casuali di eventi quotidiani, da simpatie e antipatie a eventi nei notiziari (ad esempio, la decisione di LeBron James di giocare a basket a Miami).

Sebbene ogni tipo di spiegazione sia nel repertorio della maggior parte delle persone, possono esistere stili (cfr. Laird, 1976). A parità di condizioni, alcuni di noi sono tipicamente formisti e altri di noi tipicamente meccanici. E così via.

Una parte importante della tesi di Pepper è che ogni approccio alla spiegazione ha i suoi punti di forza e di debolezza.

Un altro punto importante è che i tentativi di combinare le metafore, che sembra tentare di fare, invariabilmente falliscono: metafore miste sono esattamente questo.

Quindi, ci sono un certo numero di modi per spiegare qualsiasi cosa, ma non c'è modo di spiegare tutto a tutti. Potremmo non riuscire ad andare d'accordo perché usiamo metafore diverse per dare un senso al mondo.

Ci deve essere un importante "e allora?" Qui su come ottenere la buona vita. Ma sospetto che ce ne siano molti.

Vive la differenza!

Riferimenti

Laird, JD (1976). Ipotesi del mondo. Documento presentato alla Riunione dell'Associazione Psicologica Sociale del New England. Hannover, NH.

Pepper, SC, (1942). Ipotesi del mondo: uno studio di evidenza Berkeley: University of California Press.

Solutions Collecting From Web of "Quattro modi per spiegare tutto … Ma non tutto per tutti"