Quattro libri per cambiare la tua vita quest'estate

Nello spirito dell'estate, mi piacerebbe condividere un numero di libri che ho letto di recente che mi hanno ispirato a coltivare abitudini di vita più sane e che penso che sarebbero anche grandi aggiunte alle liste di letture estive. Quindi eccoli qui, le mie quattro letture estive suggerite potrebbero potenzialmente trasformare la tua vita in modi positivi per il 2017.

The Happiness Project, di Gretchen Rubin (2009). Ho raccolto questo gioiello di un libro per un capriccio, pensando che mia madre si sarebbe divertita. Lo stesso giorno l'ho dato a lei per la festa della mamma di quest'anno, ho iniziato a leggere l'introduzione e il primo capitolo mentre passavamo del tempo insieme e siamo stati risucchiati. In vera mamma, mia madre mi ha offerto di "prendere in prestito" il Prenota da lei, insistendo che lei lo leggesse dopo di me. Ho ribattuto che lei l'ha tenuto e che l'avrei letto quando ha finito, ma mi sono ritrovato a pensare ai giorni del libro dopo che ci siamo separati e abbiamo finito per comprarne una copia. Ora sono in missione per condividere le copie con tutti quelli che conosco, poiché ho trovato il libro accessibile, perspicace e sorprendentemente divertente. Ha davvero il potere di essere un catalizzatore di cambiamenti positivi per coloro che sono ricettivi al messaggio.

La premessa è semplice: l'autore, Gretchen Rubin, intraprende una ricerca di un anno per migliorare la sua felicità e quella di coloro che le stanno intorno, concentrandosi su un tema diverso per ogni mese del viaggio di 12 mesi. Combinando la ricerca scientifica e la sua esperienza aneddotica, riflette sui modi in cui il suo viaggio influisce sulla sua stessa coscienza, e sì, sul suo senso soggettivo di benessere, oltre a documentarne gli effetti sul marito e sulle due figlie. Il suo approccio è sorprendentemente semplice e potente, concentrandosi su nozioni come praticare la gentilezza, resistere all'impulso di lamentarsi o spettegolare, coltivare una maggiore pazienza con i suoi figli e il marito, e trovare momenti di giocosità e leggerezza nel quotidiano di giorno per giorno. vita. Rubin naviga attraverso secoli di mantra, letteratura, scienza e "buon senso" riguardo alla felicità, identificando che il progetto che sviluppa per se stessa non necessariamente si generalizza a tutti, ricordando costantemente a se stessa e al lettore "Be Gretchen" e segui la sua stessa beatitudine . Per chiunque abbia mai fatto domande sia grandiose (ad es. Il significato della vita) che banali, questo libro è parte di come guida, memorie e compagno di intrattenimento.

Stuffocation, di James Wallman (2013). Come suggerisce il nome, Wallman offre una critica allo spiedo della nostra cultura sempre più consumata, sfidando i lettori a riflettere sui valori materialistici con cui siamo stati indottrinati e sul fatto che stiano servendo o meno le nostre vite in modo positivo. Forse è stato il momento in cui mi sono imbattuto in questo titolo in biblioteca che ha attirato il mio interesse, come è successo subito dopo aver completato il libro di Rubin. Rubin si è concentrato presto sul suo progetto di felicità sul ruolo che il disordine eccessivo e le cose potrebbero aver giocato nel distruggere la sua energia. In effetti, un tema dominante della sua ricerca della felicità era quello di concentrarsi sulla pulizia del disordine dalla sua casa e dallo spazio ufficio, e lei scoprì un tale entusiasmo e senso di realizzazione nel rinunciare agli oggetti materiali dalla sua vita che iniziò ad offrire per aiutare gli amici e la famiglia ripulire e ripulire i loro armadi e altri spazi di cose in eccesso.

Allo stesso modo, Wallman si concentra sull'ossessione americana dell'accumulo di beni materiali, presentando statistiche inquietanti che suggeriscono che piuttosto che portarci più felicità o sicurezza, l'incessante ricerca di cose potrebbe effettivamente lasciarci tutti noi oberati di lavoro, stanchi e ansiosi.

Pixabay/pixel2013
Fonte: Pixabay / pixel2013

Certo, molti americani probabilmente hanno nutrito per anni il sospetto che i beni materiali non sono probabilmente la strada migliore per raggiungere la felicità o la soddisfazione, ma Wallman fa un lavoro eccellente nel prendere ulteriormente questa nozione identificando i punti di svolta storici in cui la nostra cultura è passata da uno di frugalità e sotto-consumo per il nostro attuale, gonfio, sovra-saturo, di cospicuo consumo. Inoltre, fa collegamenti impressionanti tra i valori materialistici e l'emergere di patologie, cambiamenti climatici e altre conseguenze catastrofiche per la cultura e la comunità globale in generale. Attualmente sto leggendo il libro ora, quindi non so ancora quali consigli egli offre come la gestione o l'orientamento di questa tendenza nella nostra più ampia cultura; tuttavia, mi trovo in grado di riflettere e applicare molto di ciò che scrive nella mia vita e persino nei corsi che sto insegnando nelle scienze sociali.

Love Warrior, di Glennon Doyle Melton (2016). Con l'approvazione di Oprah, certamente Doyle Melton non ha bisogno di ulteriore sostegno, tuttavia, nonostante avessi letto questo alcuni mesi fa, mi sento ancora obbligato a includerlo in questa lista per quei lettori che non hanno ancora incontrato questo titolo. Questo memoriale è straziante, empowering, emotivo, indimenticabile e veramente stimolante. Doyle Melton traccia come pensava che la sua vita e il suo matrimonio rappresentassero una cosa e come il suo intero sé si fosse imploso dopo aver scoperto la vera natura del suo matrimonio e l'uomo a cui aveva dedicato la sua vita e la sua famiglia. Il livello di resilienza che Doyle Melton è in grado di mantenere e sviluppare mentre attraversa francamente la peggiore paura di ogni donna sposata è semplicemente stupefacente. Come l'autore trova opportunità di crescita nel mezzo della sua sofferenza, opportunità di spiritualità e un nuovo modo di vivere e di avvicinarsi alla sua relazione e sì, anche il suo matrimonio, ti lascerà incantato. Uno di quei libri non ho potuto smettere di raccomandare mentre lo leggevo, soprattutto a tutte le donne della mia vita che hanno capacità e riserve simili di forza e potenzialità di crescita.

Reclaiming Conversation, di Sherry Turkle (2015). La preparazione per l'insegnamento di un corso di laurea specialistica (Psicologia dei media sociali) ha portato nelle mie mani questo libro penetrante e ben studiato. Descritto dal New York Times come "una voce singolare nel discorso sulla tecnologia" (Franzen, 2015, para 1). Turkle è un ricercato ricercatore tecnologico e psicologo clinico che è diventato scettico riguardo al ruolo sempre più importante che la tecnologia ha avuto nelle nostre vite. In questo libro, lei racconta non solo le sue ricerche su come la tecnologia sta alterando le nostre vite e i processi di socializzazione – in particolare tra i giovani e gli studenti universitari di oggi – ma anche più semplicemente quali competenze stanno erodendo man mano che ci immergiamo nelle nostre vite digitali.

Come suggerisce il titolo, Turkle (2015) sta sostenendo un ritorno alla comunicazione faccia a faccia, attribuendo un ruolo preminente alla conversazione come vitale per i processi di socializzazione e le interazioni interpersonali. È interessante notare che le sue ricerche suggeriscono che anche i giovani sono stufi del fatto che la tecnologia del pedaggio sta prendendo le loro vite, eppure, allo stesso tempo, sembrano essere sottomessi alla sua potente presa. Incisivo, completo, ben studiato e tempestivo, questo libro, oltre a intrattenerti, probabilmente ti costringerà anche a prendere una pausa dallo schermo e ad interagire con le persone intorno a te in tempo reale. Data la promessa che arriva con i mesi estivi, se non hai ancora avuto l'opportunità di leggere questo libro, potrebbe andare bene in questa stagione.

In effetti, l'estate è spesso un momento di relax. Sia che si tratti di una lunga vacanza, di un periodo di riposo per studenti e docenti, di avere almeno venerdì con orari estivi più flessibili negli uffici, o qualcosa in mezzo, spesso questa stagione è anche associata a un rinnovato interesse per la lettura. Suggerisco che oltre alla normale tariffa dell'ora legale che potrebbe occupare spazio sul comodino, i lettori considerano uno o più di questi titoli come parte di un piano più ampio per migliorare il benessere e praticare abitudini di vita positive in questa stagione. Oltre ai numerosi libri di narrativa che spero di completare, i seguenti due libri sono sulla mia lista da leggere per questa estate: The Urban Monk di Pedram Shojai (2016), e You are the Universe di Deepak Chopra e Menas Kafatos (2017 ). Restate sintonizzati per altre gemme che spero di incappare mentre mi avvio nella mia ricerca della felicità in questa stagione.

Copyright Azadeh Aalai 2017

Solutions Collecting From Web of "Quattro libri per cambiare la tua vita quest'estate"