Quasi tutti gli uomini del presidente

Di Ken J. Rotenberg 1

È stato oltre 40 anni fa che Watergate è esploso sui nostri televisori e altri media, negli Stati Uniti e in tutto il mondo. La sequenza di eventi includeva: (1) l'installazione di apparecchiature di intercettazione presso la sede del Comitato Nazionale Democratico presso l'hotel e il complesso di uffici Watergate a Washington DC (28 maggio 1971), (2) la pubblicazione del Pentagono Papers (13 giugno, 1971), (3) riferisce che il procuratore generale aveva un fondo repubblicano segreto usato per finanziare operazioni di raccolta di intelligence diffuse contro i democratici (9 settembre 1972) e (3) le udienze del senato Watergate (17 maggio 1973). ). Dopo una vasta e faticosa copertura mediatica, il presidente Richard Nixon si dimise il 9 agosto 1974. Mentre l'estensione della colpevolezza del presidente continuerà a essere discussa, è ragionevole dire che quello fu un giorno triste per la politica americana. La ricerca ha infatti dimostrato che c'è stato un calo di fiducia nei politici e negli Stati Uniti negli anni '60 (Hetherington e Rudolph, 2008). (Useremo i termini politici e governo in modo intercambiabile in questo Blog, sebbene siano certamente differenze tra i due).

È un problema globale! È sbagliato dare la colpa al declino della fiducia nei politici semplicemente sugli eventi che circondano l'amministrazione Nixon. Altri governi, anche democraticamente eletti, sono stati coinvolti in scandali dagli anni '60 in poi. I ricercatori hanno confermato che la fiducia politica è in declino dalla metà degli anni '60 in molti paesi democratici (Blind, 2006). Questo è considerato un fenomeno globale (vedi Cheng et al., 2012). Come insightfully affermato da Mishler e Rose (1997), non esiste un governo che "goda della fiducia assoluta dei suoi cittadini" (p.418).

Se non erano quasi tutti gli uomini del presidente (e l'ex presidente), allora chi o cosa è responsabile del declino della fiducia nei politici? Uno studio di Hetherington e Rudolph (2008) aiuta a fornire alcune risposte a questa domanda. Questi autori hanno effettuato un'analisi delle serie temporali dal 1976 al 2006 dei fattori che hanno influito sulla fiducia nei politici negli Stati Uniti (vale a dire, la convinzione che il governo di Washington farà ciò che è giusto). Gli autori hanno scoperto che la fiducia nei poliziotti aumentava quando il pubblico considerava le questioni internazionali come vitali (ad es. Terrorismo, sicurezza nazionale, guerra e Medio Oriente). Quando il pubblico pensava che c'erano problemi con l'economia (cioè un periodo di depressione), la fiducia nei politici diminuiva. Gli autori hanno scoperto che gli effetti della preoccupazione economica erano asimmetrici in quanto relativamente poche persone considerano l'economia altrettanto buona anche nei periodi migliori. Di conseguenza, gli effetti positivi di una buona economia sulla fiducia nei politici sono relativamente deboli e quindi non sono riusciti a compensare gli effetti delle cattive economie. Di conseguenza c'è un movimento verso il basso nella fiducia nei politici nel tempo. Coerentemente con Watergate, tuttavia, Hetherington e Rudolph hanno scoperto che gli scandali governativi (ad esempio gli atti di impeachment di Clinton) predissero cali di fiducia nei politici. Gli effetti non sono stati altrettanto sostanziali, come gli effetti delle questioni economiche e internazionali sulla fiducia nei politici.

La fiducia nei politici conta davvero? C'è un dibattito continuo sul significato della fiducia nel governo / politici per il pubblico (vedi Martin, 2010). La scarsa fiducia nei politici implica una mancanza di volontà a votare? La scarsa fiducia nei politici implica una mancanza di approvazione della democrazia? La scarsa fiducia nei politici implica la volontà di protestare? Sebbene i risultati siano contrastanti, alcuni studi forniscono risposte affermative a queste domande (vedi Martin, 2010). È stato riscontrato che la fiducia nei politici è: (1) positivamente associata ad atteggiamenti positivi nei confronti della democrazia, (2) associata positivamente al voto quando non è obbligatoria, e (3) associata negativamente a esprimere la frustrazione attraverso forme di attività stimolanti (es. , impegnandosi in proteste). Guidati dalla nostra stessa ricerca, è mia opinione che la fiducia nei politici sia davvero importante.

Approccio quadro fiduciario interpersonale di base, di dominio e di destinazione h. Negli ultimi tre anni, i miei colleghi ed io abbiamo intrapreso un programma di ricerca progettato per esaminare la fiducia nei politici utilizzando il nostro approccio di base, dominio e obiettivo. Abbiamo sviluppato con successo una scala per valutare le convinzioni degli individui che i politici mostrano affidabilità (ad esempio, mantenere le promesse), mostrare affidabilità emotiva (ad esempio, mantenere le informazioni riservate quando richiesto) e mostrare onestà (ad esempio, dire la verità piuttosto che mentire e impegnarsi in comportamenti guidati da intenzioni benigne piuttosto che maliziose). Questa linea di ricerca è appena agli inizi, ma abbiamo scoperto che le persone che vivono nel Regno Unito e che hanno credenze alte piuttosto che basse nell'onestà dei politici erano inclini a votare per il partito laburista.

Una qualità positiva del quadro di fiducia interpersonale BDT è che si tratta di un approccio flessibile per esaminare la fiducia nei politici. Permette l'esame della fiducia generalizzata nei politici (come abbiamo fatto) ma consente anche l'esame delle credenze di fiducia nei singoli politici. Inoltre, ci consente di esaminare se i politici dimostrano o meno tutte le forme di affidabilità, affidabilità emotiva e onestà. Ciò significa che le persone hanno credenze di fiducia diverse nell'ex presidente Nixon di quanto non abbiano negli altri funzionari governativi coinvolti nello scandalo Watergate (cioè, non sono ugualmente colpevoli e inaffidabili). Allo stesso modo, quando una persona decide di votare, può credere che un candidato politico è più affidabile dell'altro candidato politico su una base di fiducia (vale a dire, mantiene le promesse più frequentemente) ma che l'altro candidato è più affidabile su un'altra base di fiducia (vale a dire, è più incline a dire la verità). Cosa deve fare un elettore?

Affiliazioni e riconoscimento

1 Prof. Ken J. Rotenberg, Scuola di Psicologia, Keele University, Keele, Newcastle -Under-Lyme, Staffordshire, Regno Unito, ST5 5BH, e-mail: kjrotenberg@keele.ac.uk

Riferimenti

Blind, PK (2006). Costruire la fiducia nel governo nel ventunesimo secolo: revisione della letteratura e questioni emergenti. 7 ° Forum globale su Reinventare il governo, 1-31.

Cheng, H., Bynner, J., Wiggins, R. e Schoon, I. (2012). La misurazione e la valutazione degli atteggiamenti sociali in due studi di coorte britannici. Consiglio per la ricerca sociale, 107, 351-371.

Hetherington, MJ & Rudolph, TJ (2008). Priming, performance e dinamiche di fiducia politica. Journal of Politics, 70, 498-512.

Leigh, A. (2002). Spiegare la sfiducia: atteggiamenti popolari verso i politici in Australia e negli Stati Uniti, a Burchell, D. & Leigh, A. (2002). I vestiti nuovi del principe: perché gli australiani non amano i loro politici? Sydney: UNSW Press.

Martin, A. (2010). La fiducia politica è importante? Esaminando alcune delle implicazioni di bassi livelli di fiducia politica in Australia. Australian Journal of Political Science, 45, 705-712.

Mishler, W. & Rose, R. (1997). Fiducia, sfiducia e scetticismo: valutazioni popolari delle istituzioni civili e politiche nelle società post-comuniste. The Journal of Politics, 59, 418-451.

Solutions Collecting From Web of "Quasi tutti gli uomini del presidente"