Quasi infami: i consumatori di celebrità e le loro controparti sconosciute

Dobbiamo supporre che Charlie Sheen sia innocente delle accuse di violenza domestica contro di lui nel giorno di Natale, almeno fino a quando il sistema di giustizia criminale non seguirà il suo corso. Eppure, il suo arresto solleva ancora una volta la domanda sul perché così tanti intrattenitori e atleti famosi cadano in una trappola di abusi domestici in una forma o nell'altra.

Come risultato di un paio di libri e di molte apparizioni televisive su temi di abuso e rabbia, ho avuto l'opportunità di trattare diverse celebrità e atleti arrestati per violenza domestica, molti altri che sarebbero stati arrestati, i loro partner hanno chiamato la polizia, e molti altri che si sono resi colpevoli di abusi emotivi e verbali. (Gli ultimi due gruppi includono alcuni noti politici). Incredibilmente, ho trovato che essi non erano diversi dai poveri, picchiati clienti ingiustamente giudicati da quelli che trattano anch'io.

Sebbene siano diversi per esperienza, ricchezza e posizione sociale, i violentatori sono notevolmente gli stessi nella motivazione a ferire i propri cari. Famoso o no, le seguenti qualità di abusi sono di solito evidenti solo nelle loro relazioni intime. La maggior parte di noi può mostrare al mondo una certa faccia. Ma i nostri rapporti più stretti espongono il nostro senso più profondo di inadeguatezza e vulnerabilità. Ecco perché facciamo sempre del male a quelli che amiamo.

Gli abusatori tendono ad avere:

Ego fragile – Sono facilmente insultati.

Scarsa autoregolamentazione: non riescono a rallegrarsi o a calmarsi, il che li rende dipendenti dai loro partner (o sostanze o comportamenti compulsivi) per regolare gli stati interni.

Diritto – Hanno il diritto di sentirsi bene; se non lo fanno, qualcuno deve pagare.

Visione binoculare compromessa : la capacità di vedere altre prospettive accanto alla propria. (Questo non è lo stesso del narcisismo: la maggior parte degli autori di abusi è in grado di capire le prospettive dei loro partner, possono persino passare da una parte all'altra e viceversa, il che conferisce loro una qualità di Jekyll e Hyde, ma non possono vedere entrambe le parti contemporaneamente). Si sentono ingiustamente senza vedere i propri errori, che, nelle loro menti, giustifica la rappresaglia.

Compassione bassa – Anche questo è difficile, perché possono empatizzare, cioè simpatizzare con le vulnerabilità che possono identificare o sperimentare. Ma falliscono nella compassione per le vulnerabilità che non condividono. Questo punto è evidente nell'esaminare le trascrizioni dell'aggressione verbale, che, sebbene di per sé dannosa, è spesso un precursore della violenza. Quei violentatori che sono spinti ad evitare la vergogna (per lo più uomini) non riescono a ottenere la paura dei loro partner di danni, isolamento e privazione, e così banalizzano gli effetti del loro comportamento sui loro partner: "Non avrei paura se ciò accadesse a me così non dovrebbe essere neanche lui. "

Gli abusanti guidati per evitare la paura del danno (per lo più donne) sentono spesso che stanno cercando di motivare i loro partner a migliorare invocando la vergogna, in particolare come fornitore, protettore, amante o genitore: "Ho avuto più orgasmi con il mio ultimo ragazzo. Ricorda, non hai vinto quel premio o hai perso quei soldi. Puoi essere un genitore schifoso a volte. Perché non posso sentirmi al sicuro con te? "

La caratteristica più saliente che i consumatori di celebrità hanno in comune con le loro controparti più anonime è la loro propensione a spararsi ai piedi, sovvertendo la funzione motivazionale delle proprie emozioni. Incolpano i loro sentimenti vulnerabili – disagio fisico, senso di colpa, vergogna o ansia – nei loro partner, che li condanna a ripetere gli stessi errori ancora e ancora.

Ciò che tutti i violentatori, famosi o meno, non capiscono è che i sentimenti vulnerabili ci motivano – non i nostri partner – a fare qualcosa che guarirà o migliorerà. (Il dolore nella vescica ti sta dicendo – non il tuo partner – di andare in bagno e il dolore nel tuo cuore ti sta dicendo – non il tuo partner – di essere più compassionevole.) Naturalmente, nessuno può guarire o migliorare svalutare o danneggiare le persone che amano.

Coloro che si sentono in dovere di incolpare i loro sentimenti negativi su qualcun altro rischiano di violare i loro valori più profondi, anche se si fermano prima di abusi. Charlie Sheen potrebbe essere innocente delle accuse legali che gli sono state mosse, ma è quasi certamente colpevole di abusare dei suoi valori più profondi. Sono sicuro che sarebbe d'accordo sul fatto che non fosse la persona o il partner che più desiderava essere nelle prime ore della mattina di Natale.

Il trattamento per i violentatori richiede attenzione ai loro valori più profondi, che includono quasi sempre di essere compassionevoli verso le persone che amano. Quando imparano l'abilità di farlo sotto stress, succede qualcosa di meraviglioso a loro. Non hanno più bisogno di ego gonfiati e fragili per proteggerli da sentimenti di inadeguatezza. Così liberati, non hanno più bisogno di rabbia e aggressività per proteggere l'ego gonfiato e fragile. Poi, finalmente, possono sentirsi autentici, amabili e amorevoli.

CompassionPower

Solutions Collecting From Web of "Quasi infami: i consumatori di celebrità e le loro controparti sconosciute"