Quanto sei umile?

"Sii sempre umile e gentile", dice il testo di Tim McGraw. Leggi questa frase e pensi di essere umile e gentile significa essere uno zerbino? Connota le idee di mettere gli altri al primo posto e non ottenere mai niente per te stesso? Uno studio di ricerca delineato in Scienze psicologiche ha fornito questa visione della definizione di umiltà:

"A livello intrapersonale, l'umiltà implica una visione accurata del sé. A livello interpersonale, l'umiltà implica una posizione che è orientata verso l'altro piuttosto che focalizzata sull'auto. "L'umiltà, con questa definizione, porta alla forza, come vediamo in questa citazione di Lao Tzu:

"Conoscere gli altri è intelligenza;
conoscere te stesso è vera saggezza.
Padroneggiare gli altri è forza;
dominare te stesso è il vero potere. "

La maggior parte delle persone trascorre molto tempo cercando di capire gli altri – "Cosa intendeva con questo?" "A cosa stava pensando?" "Perché avrebbe fatto quella scelta, contro un'altra scelta?" La gente fa questo e pensa a è come "conoscere gli altri". Potresti dire: "Ottengo le persone – sono saggio". Ma conoscere se stessi conduce alla padronanza di se stessi, ed è qui che risiede il vero potere.

Per raggiungere questo potere, l'umiltà è un passo da compiere. Se, come affermano gli autori dello studio, si tratta di una visione accurata del sé, come si ottiene una visualizzazione accurata? Sfortunatamente, molte persone sono cresciute con qualcuno – genitori o altri adulti – che hanno trasmesso il senso di "non ne vale la pena". Avere una visione accurata del sé richiede energia e disciplina. Le voci nella tua testa potrebbero raccontare una storia che non ti appartiene. L'umiltà non è prendere queste voci e usarle come un'opportunità per sconfiggerle. Significa vedere la tua stessa umanità, sapendo di avere sia punti di forza che aree di miglioramento, ed essere equo ed equilibrato con te stesso. È solo quando si vede il proprio sé con precisione che la seconda parte dell'equilibrio dell'umiltà, come lo descrivono i ricercatori, può accadere. Essere "orientato verso l'altro", in modo umile, significa vedere la connessione tra tutte le cose. Significa riconoscere che l'altra persona è anche un essere umano fallibile e, sapendo questo, avere compassione per loro. Può significare che piuttosto che promuovere la propria agenda (essendo "auto-focalizzato"), si passa il tempo a capire l'altra persona.

Non è facile. L'umiltà è probabilmente uno degli stati più elusivi. Non sembra venire naturalmente alla maggior parte delle persone, ma i premi sono ricchi. Se vuoi la fiducia e il "vero potere" e la forza che provengono dall'essere una persona più umile, prova questi sei passaggi:

  1. Esci da te stesso di volta in volta in relazione con gli altri. Cosa significa questo? Le persone entrano in una routine, o in un ballo o in un groove, nel modo in cui operano con altre persone. Il tuo coniuge dice questo e tu rispondi immediatamente con quello. Senti la voce di tua madre mentre inizia a dire qualcosa e sai solo cosa dirà e sei pronto a reagire. Invece di reagire nel modo meccanico che fai sempre, fermati. Esci dalla situazione e osserva cosa sta succedendo. Diventa più obiettivo nei tuoi rapporti con gli altri. Potresti essere pronto a filtrarli, ma quale ruolo giochi nello scambio? Basta osservare e vedere cosa puoi imparare.
  2. Ascolta. Invece di ascoltare parlare, metti la tua attenzione sull'altra persona. Non limitarti ad ascoltare le parole; ascolta cosa c'è sotto. Di cosa hanno bisogno da te nel momento in cui stanno parlando? Concentrati sull'altra persona.
  3. Guarda le tue emozioni e capisci le tue abilità innescate. Quando ti arrabbi – cosa provoca la rabbia? Quando sei triste – cosa stimola l'emozione della tristezza? Quando ti senti gioioso, cosa contribuisce alla tua gioia? Diventa interessato alla tua risposta emotiva. Invece di rispondere solo la prossima volta, considera la tua risposta e a cosa si connette. Ogni emozione ha un apprendimento al suo interno.
  4. Donare con gioia. Molte persone danno senso di colpa o responsabilità o una connessione ad essere "una brava persona". Ciò può portare a risentimento e frustrazione quando gli altri non ti danno, o pensi di dare troppo. Quando dai, lascia andare e dai con l'abbandono – sii un donatore allegro.
  5. Ricominciare ogni giorno Alla maggior parte delle persone non viene insegnata l'umiltà. Può essere confuso semplicemente mettendo l'ego di lato, o dando così tanto a se stessi che ne rimane poco! La vera umiltà è sapere chi sei e avere la calma fiducia in te stesso che sei in grado di essere focalizzato sull'altro, senza sacrificare tutto ciò che conta per te. Non è facile. Ci vuole pratica Cerca modi ogni giorno per praticare "essere umile e gentile".

Solutions Collecting From Web of "Quanto sei umile?"