Quanto sei libero? Liberi come decidi di essere

Uno dei temi principali degli approcci intellettuali moderni è stato quello di togliere autonomia e libertà dagli esseri umani. Dalla sociologia alla filosofia, dalla psicologia alla neuroscienza, un tema comune è stato cercare di dimostrare che la libertà umana o il "libero arbitrio" sono limitati o inesistenti e che abbiamo molto meno controllo sulla nostra vita come ci piace credere .

In psicologia, questa era una delle credenze centrali del comportamentismo. Potresti sentirti un essere umano libero, prendere le tue decisioni e le tue scelte, ma in realtà tutto ciò che fai, o pensi o senti, è il risultato di influenze ambientali. Il tuo comportamento è solo l'output o la risposta all '"input" o agli stimoli che hai assorbito. Anche la psicologia freudiana enfatizzava la mancanza di libero arbitrio. Ha suggerito che il sé cosciente è solo una piccola sfaccettatura dell'intera psiche – la punta dell'iceberg – e che la sua attività è determinata dalla mente inconscia, comprese le pulsioni istintive e biologiche.

Nel frattempo, in sociologia, i teorici sostenevano che il tuo senso di sé è una "costruzione sociale", e che è impossibile che l'identità – e per estensione, il libero arbitrio – esista al di fuori di un nesso di influenze sociali che determinano le nostre vite. I teorici linguistici sostenevano che la nostra realtà è creata dal linguaggio e che non possiamo vedere il mondo al di fuori della struttura delle strutture semantiche e grammaticali che abbiamo assorbito dai nostri genitori e dalle nostre culture.

La psicologia umanistica ha tentato di reclamare il sé, insistendo sul fatto che noi abbiamo il libero arbitrio e abbiamo il potere di cambiare le nostre vite in meglio e di procedere verso l'autorealizzazione. Il moderno movimento di psicologia positiva – derivato dalla psicologia umanistica – sottolinea gli stessi punti.

Teoria genica e neuroscienze

Tuttavia, la moderna teoria dei geni e la neuroscienza negano l'autonomia e la libertà in un modo molto più diretto. Secondo i teorici dei geni, noi esistiamo come "portatori" per i nostri geni, per consentire loro di sopravvivere e replicarsi. Tutto ciò che facciamo è determinato da o per conto dei nostri geni. Il nostro comportamento è o il risultato di tratti "avanzati" che sono stati sviluppati dai nostri antenati perché hanno fornito qualche vantaggio in termini di sopravvivenza, o il risultato del nostro desiderio di aumentare il nostro successo riproduttivo. Ad esempio, secondo Steven Pinker, il motivo per cui troviamo paesaggi lussureggianti di campagna è bello perché per noi rappresentava un'abbondante offerta di risorse per favorire la sopravvivenza. Mentre la ragione per cui alcuni di noi si sentono "spinti" a ottenere successo in campi come la politica e la creatività è perché il successo ci rende più attraenti per il sesso opposto, e così aumenta le nostre possibilità riproduttive.

In termini di neuroscienza, l'attività cerebrale – o le reti neuronali e le sostanze chimiche del cervello – svolgono un ruolo causale simile ai geni. I tuoi stati d'animo, i tuoi desideri e il tuo comportamento sono determinati dai livelli di varie sostanze chimiche del cervello (come la serotonina o la dopamina) o da "reti neuronali" che possono predisporre a determinati impulsi o tratti. Se ti senti depresso, è a causa di un basso livello di serotonina. Se sei uno psicopatico, è perché le aree della corteccia prefrontale ventromediale sono meno attive del normale. Se sei nato di nuovo cristiano, è perché hai un ippocampo più piccolo del normale (le ultime due sono teorie attuali che sono state suggerite).

Sia la teoria dei geni che la neuroscienza sono quelli che potrebbero essere chiamati approcci "non possono aiutare". Non possiamo aiutare "essere depressivi, psicopatici, religiosi, razzisti, poligami (se sei un maschio) e così via, perché i nostri geni ci hanno programmato per essere, o perché siamo gravati biologicamente dalla chimica del cervello associata a questo comportamento.

Si è tentati di rispondere a questi assalti su se stessi e sul libero arbitrio nello stesso modo in cui l'autore del 18 ° secolo, Doctor Johnson, ha risposto alle affermazioni del filosofo Berkeley che la materia in realtà non esisteva. "Lo confuto così!" urlò, mentre prendeva a calci una pietra. Il dottor Johnson avrebbe potuto usare lo stesso metodo per illustrare la capacità del libero arbitrio. È difficile per qualsiasi filosofo o scienziato sostenere che non abbiamo il libero arbitrio, quando la nostra esperienza quotidiana è che ci sono sempre una varietà di possibili scelte di azione di fronte a noi – come un mazzo di carte che noi dobbiamo raccogliere – e sentiamo di avere la libertà di sceglierne uno e di cambiare idea in qualsiasi momento. Dopotutto, ogni volta che leggi un libro o ascolti una lezione sostenendo che non esiste il libero arbitrio, sei sempre libero di chiudere il libro o di gettare un pomodoro al docente.

Uno dei problemi è che gli scienziati e i filosofi tendono spesso verso l'assolutismo. I teorici del gene spesso sostengono che il comportamento è completamente determinato dai nostri geni, i neuroscienziati sostengono che il comportamento è completamente determinato dall'attività cerebrale, i costruzionisti sociali e i comportamentisti sostengono che le forze sociali e ambientali determinano completamente il nostro comportamento e così via. Dal mio punto di vista, è molto più sensato essere democratici che assolutisti. È probabile che tutti questi fattori abbiano una certa influenza sul nostro comportamento. Ci colpiscono tutti in una certa misura, ma nessuno di loro è completamente dominante. E credo che lo stesso sia vero per il libero arbitrio. Il nostro libero arbitrio è un'altra forza, tra questa coalizione caotica di influenze diverse. Il sé cosciente non è certamente un dittatore autoritario, ma neanche uno schiavo. Non importa quali forze sociali e ambientali mi abbiano influenzato, non importa quali siano i geni o la struttura cerebrale che ho ereditato dai miei genitori, anch'io sono qui e posso decidere se dare un calcio alla pietra o no.

Aumentare il nostro libero arbitrio e autonomia

Direi che uno dei compiti più importanti della nostra vita è sviluppare maggiore libertà e autonomia. Uno dei modi principali in cui possiamo sviluppare positivamente e iniziare a vivere in modo più significativo è quello di trascendere l'influenza del nostro ambiente e diventare più orientati verso chi siamo autenticamente. C'è sempre una parte di noi con potenziali e caratteristiche innate che è indipendente da fattori esterni – anche se quella parte di noi può essere così oscurata da non riuscire a vederla. Ma il nostro compito dovrebbe essere quello di permettere a quella parte di noi di esprimersi più pienamente, il che spesso significa prevalere su influenze ambientali e sociali.

Questo vale anche per i geni e la chimica del cervello. Possono predisporci a determinati tipi di comportamento, ma possiamo usare la nostra autonomia per resistere a quelle influenze, per controllare e persino riformare il nostro comportamento. Non è affatto facile, ma possiamo superare la nostra programmazione. Non dobbiamo seguire ciecamente le istruzioni ambientali, genetiche e neurologiche con cui siamo nati. Possiamo aumentare il nostro quoziente di libero arbitrio e autonomia nella misura in cui diventa più potente della genetica, della neurologia o dell'ambiente. (Stranamente, nonostante il suo rigido determinismo genetico, Richard Dawkins è d'accordo con questo, affermando che gli esseri umani sono gli unici esseri viventi che hanno il potere di ignorare i dettami dei loro geni e interessanti sviluppi recenti nella scienza, come la neuroplasticità e l'epigenetica, suggeriamo che, potenzialmente almeno, possiamo effettivamente esercitare un certo controllo sulle nostre strutture neurologiche e genetiche).

Forse ci sono alcune persone – molte, persino – che sembrano essere in gran parte i prodotti dei loro ambienti e della loro eredità biologica. Ma direi che qualunque sia il termine "grandezza", di solito è manifestato da persone che hanno esercitato la loro autonomia in larga misura e si sono ampiamente liberate dalle influenze esterne. Di solito sono persone dotate di una forte forza di volontà, e l'hanno usata per imbrigliare e affinare le loro abilità naturali, finché non hanno sviluppato un alto livello di abilità e competenza. Hanno usato la loro autonomia e autodisciplina per espandersi, per attualizzare il loro potenziale innato e diventare più della somma delle loro influenze ambientali.

In un certo senso, questa è solo un'estensione di ciò che ogni essere umano idealmente procede dall'infanzia all'età adulta: sviluppare più autocontrollo e autonomia. Con l'aiuto dei nostri genitori, mentre ci muoviamo attraverso l'infanzia, si spera che iniziamo a controllare i nostri impulsi e desideri. Iniziamo a imparare che non possiamo avere tutto esattamente quando lo vogliamo, così impariamo a ritardare la gratificazione, sviluppando un po 'di autocontrollo. Poiché abbiamo bisogno di meno cura e attenzione da parte dei nostri genitori, diventiamo più autonomi, impariamo a prendere più decisioni per noi stessi e a seguire i nostri interessi e i nostri obiettivi intrinseci. In questo senso, lo sviluppo umano è un processo per diventare meno vincolato dalle influenze biologiche e ambientali – un processo per ottenere più libero arbitrio e autonomia. E idealmente, questo processo dovrebbe continuare per tutta la vita.

Lo sviluppo spirituale può essere visto come un processo per ottenere maggiore libertà e autonomia. Molte tradizioni spirituali danno una grande enfasi all'autodisciplina e all'autocontrollo – il controllo del proprio comportamento, così da non causare più danni agli altri; controllo dei nostri desideri, così da non desiderare più i piaceri fisici; controllo dei nostri pensieri, in modo che possiamo calmare la mente attraverso la meditazione, e così via. In alcune tradizioni, lo sviluppo spirituale è visto come un processo di "addomesticamento" del corpo e della mente, e questo è, naturalmente, possibile solo attraverso un'intensa autodisciplina e autocontrollo. Anche se a volte può accadere improvvisamente e spontaneamente, la profonda serenità e la consapevolezza intensificata del risveglio spirituale è solitamente il culmine di un lungo processo di aumento del nostro innato "quoziente" di libertà personale e autonomia al punto in cui questo diventa dominante tra tutte le altre influenze . Quando le persone "risvegliate" vengono chiamate "padroni", ciò potrebbe facilmente riferirsi a loro che sono padroni di se stessi.

Quindi tutti possediamo un grado di libertà e la libertà non è una qualità statica. Tutti noi abbiamo la capacità di estendere il grado di libertà con cui siamo lasciati, di diventare meno dominati dai nostri geni, dalla nostra chimica cerebrale e dall'ambiente o dalla società in cui siamo nati. Siamo potenzialmente molto più potenti di quanto siamo stati portati a credere – fino al punto di controllare o alterare le forze che dovrebbero controllarci completamente. Come detto sopra, questo si applica alle nostre strutture cerebrali, al nostro patrimonio genetico – e anche, naturalmente, al nostro ambiente e alla nostra società. E in larga misura, il nostro benessere, i nostri risultati e il senso del significato nella vita dipendono da questo. Più esercitiamo e aumentiamo la nostra libertà, più significativa e appagante sarà la tua vita.

Solutions Collecting From Web of "Quanto sei libero? Liberi come decidi di essere"