Quanto sei bravo a trovare un rilevatore di bugie?

Molto è stato scritto sulla natura della menzogna o rilevamento. Programmi di formazione completi per il personale delle forze dell'ordine e lo sviluppo della tecnologia per rilevare bugie, hanno esaminato vari approcci che vanno da cambiamenti galvanici della pelle o movimenti oculari a modelli linguistici.

Ma ora una nuova ricerca sostiene che la rilevazione di menzogne ​​e inganni può essere in realtà un processo inconscio .

A differenza di Pinocchio, la maggior parte dei bugiardi non fornisce segni rivelatori di essere disonesti. Al posto di un naso in crescita, c'è un modo per distinguere le persone che stanno dicendo la verità da quelli che non lo sono?

In uno studio pubblicato su Psychological Science nell'interesse pubblico, Aldert Vrij dell'Università di Portsmouth, Anders Granhag dell'Università di Göteborg e Stephen Porter dell'Università della British Columbia suggeriscono che i metodi verbali di rilevamento degli inganni sono più utili dei metodi non verbali comunemente creduto di essere efficace, e che ci sono differenze psicologiche tra bugiardi e truth-tellers che possono essere sfruttati nella ricerca della verità.

Intercettare un bugiardo non è sempre facile, sostengono gli autori. Le bugie sono spesso incorporate nelle verità e le differenze comportamentali tra bugiardi e truth-teller sono in genere molto piccole. Inoltre, alcune persone sono molto brave a mentire. I rilevatori di bugie fanno abitualmente gli errori comuni di enfatizzare eccessivamente i segnali non verbali, trascurando le variazioni intrapersonali (cioè, come una persona agisce quando dicono la verità rispetto a quando mentono), e sono eccessivamente fiduciosi nelle loro capacità di rilevamento della menzogna.

Questa ricerca ha implicazioni importanti in una varietà di contesti, scrivono gli autori, tra cui l'aula di tribunale, interviste alla polizia, screening e identificazione di individui con intenti criminali, come potenziali terroristi.

Leanne ten Brinke e i suoi colleghi dell'Università della California, Haas School of Business di Berkley hanno pubblicato uno studio in Scienze psicologiche , in cui concludono che la consapevolezza cosciente può ostacolare la nostra capacità di scoprire se qualcuno sta mentendo, forse perché tendiamo a cercare comportamenti che sono presumibilmente stereotipati di bugiardi, come occhi evitati o irrequieti.

Ma quei comportamenti potrebbero non essere così indicativi di una persona inaffidabile.

"La nostra ricerca è stata motivata dalla scoperta sconcertante ma coerente che gli umani sono rivelatori di bugia molto poveri, con una accuratezza di circa il 54% nelle tradizionali attività di rilevamento della bugia", spiega Brinke. Non è affatto meglio che se i partecipanti indovinassero semplicemente se una persona mentisse. Ed è una scoperta che sembra in contrasto con il fatto che gli esseri umani sono in genere abbastanza sensibili a come gli altri si sentono, a cosa stanno pensando ea come sono le loro personalità.

Gli autori hanno concluso che risultati apparentemente paradossali possono essere spiegati dai processi inconsci: "Abbiamo deciso di verificare se la mente inconscia potesse cogliere un bugiardo, anche quando la mente cosciente ha fallito", dice.

I risultati del loro studio hanno mostrato che i partecipanti avevano maggiori probabilità di associare inconsciamente parole legate all'inganno ( non veritiere, disoneste, ingannevoli ) con i sospetti che stavano mentendo. Allo stesso tempo, i partecipanti avevano più probabilità di associare parole veritiere ( oneste, valide ) con sospetti che in realtà stavano dicendo la verità. Un secondo esperimento ha confermato questi risultati, fornendo la prova che le persone possono effettivamente avere un certo senso intuitivo, al di fuori della nostra consapevolezza cosciente, che rileva quando qualcuno sta mentendo.

"Questi risultati forniscono una nuova lente attraverso la quale esaminare la percezione sociale, e suggeriscono che – almeno in termini di rilevazione di bugie – le misure inconsce possano fornire ulteriori informazioni sull'accuratezza interpersonale", secondo la Brinke.

Un altro studio, condotto da Brinke e Stephen Porter dell'Università della British Columbia, ha analizzato film di bugiardi e di narratori di verità da conferenze stampa di alto profilo in cui le persone si sono appellate per i parenti scomparsi o hanno affermato di essere state vittime di crimini. "La nostra precedente ricerca con questi film suggerisce che ci sono differenze significative nel comportamento dei bugiardi e degli scrutatori di verità", ha osservato la Brinke. "Tuttavia, il presunto modello rivelatore dei movimenti oculari non è riuscito a emergere."

Lie Detectors 2.0

La tecnologia è sufficientemente avanzata per aiutare a scoprire bugie? Sì, secondo uno studio di Ifeoma Nwogu, professore assistente di ricerca presso il Centro di Biometria e Sensori unificati dell'Università di Buffalo (CUBS); i colleghi Nisha Bhaskaran e Venu Govindaraju; e il professore delle comunicazioni dell'Università di Buffalo, Mark G. Frank, che ha presentato le loro scoperte alla conferenza IEEE del 2011 sul riconoscimento automatico di volti e gesti.

Nel loro studio di 40 conversazioni videoregistrate, un sistema automatizzato che analizza i movimenti oculari ha identificato correttamente se i soggetti mentivano o dicevano la verità l'82,5% delle volte. Si tratta di un tasso di precisione migliore di quello che gli esperti interrogatori umani ottengono in genere in esperimenti di valutazione della menzogna. (Gli interrogatori esperti sono in media più vicini al 65 percento.)

"Quello che volevamo capire", ha detto Nwogu, "era se ci sono cambiamenti di segnale emessi dalle persone quando mentono, e le macchine possono rilevarli?"

In passato, i tentativi di automatizzare il rilevamento dell'inganno hanno utilizzato sistemi che analizzano i cambiamenti nel calore corporeo o esaminano una sfilza di espressioni facciali involontarie. Il sistema automatizzato utilizzato dalla squadra di Nwogu seguiva un diverso movimento del tratto-occhio e impiegava una tecnica statistica per modellare come le persone spostavano i loro occhi in due situazioni distinte: durante una conversazione regolare e mentre mettevano in campo una domanda progettata per provocare una bugia.

Le persone il cui schema dei movimenti oculari è cambiato tra il primo e il secondo scenario sono stati considerati mentendo, mentre quelli che hanno mantenuto un movimento oculare coerente si presumevano che dicessero la verità. In altre parole, quando veniva posta la domanda critica, una forte deviazione dai normali schemi di movimento degli occhi suggeriva una bugia. Precedenti esperimenti in cui i giudici umani codificavano i movimenti facciali trovavano differenze documentabili nel contatto visivo nei momenti in cui i soggetti esprimevano una bugia di alta posta in gioco.

I bugiardi non possono seguire tutte le persone, sempre

I ricercatori che studiano i volti di persone che si trovano in situazioni di posta alta hanno buone notizie per gli esperti di sicurezza: un altro studio recente ha scoperto che sebbene i bugiardi possono ridurre le azioni del viso rivelatrici quando sono sotto controllo, non possono sopprimerle tutte e le microespressioni in faccia possono indica che una persona è ingannevole. Lo studio di Mark Frank e Carolyn Hurley, pubblicato sul Journal of Nonverbal Behaviour , ha esaminato se i soggetti potessero sopprimere azioni facciali come movimenti di sopracciglia o sorrisi a comando mentre erano sotto esame da un bugia. Si scopre che i soggetti potrebbero, in una certa misura, ma non completamente e non sempre.

I risultati sono stati ricavati dalla codifica fotogramma per fotogramma dei movimenti del viso filmati durante gli interrogatori in cui ai partecipanti – alcuni mentendo e alcuni dicendo la verità – è stato chiesto di sopprimere parti specifiche delle espressioni facciali. Hurley e Frank scoprirono che queste azioni potevano essere ridotte, ma non eliminate, e che le istruzioni ai soggetti per sopprimere un elemento di espressione portavano alla riduzione di tutti i movimenti facciali, indipendentemente dalle loro implicazioni per la veridicità. "Le contromisure comportamentali", secondo Frank, "sono le strategie messe in atto dai bugiardi per controllare deliberatamente il comportamento del viso o del corpo per ingannare i coglioni." Fino a questo studio, la ricerca non aveva dimostrato se i bugiardi potessero sopprimere elementi della loro espressione facciale contromisura. "Come strategia di sicurezza", afferma, "c'è un grande significato nell'osservare e interpretare il comportamento non verbale durante un'intervista investigativa, specialmente quando l'intervistato sta cercando di sopprimere certe espressioni.

"Sebbene questi movimenti facciali non siano necessariamente segni di inganno", dice Frank, "la soppressione dell'espressione – indipendentemente dalla sua validità come indizio dell'inganno – è chiaramente una delle strategie più popolari usate dai bugiardi per ingannare gli altri. Quello che non sapevamo era quanto bene le persone possono fare questo quando mentono o quando dicono la verità.

"Abbiamo correttamente previsto che negli interrogatori in cui l'inganno è una possibilità, le persone sarebbero in grado di ridurre significativamente la velocità e l'intensità dei movimenti sorridenti e delle sopracciglia quando richiesto, ma sarebbero in grado di farlo in misura minore quando si dice un menzogna. E poiché la faccia inferiore (e in particolare il sorriso) è più facile da controllare rispetto alla faccia superiore, abbiamo previsto che i nostri soggetti avrebbero ridotto di molto il loro tasso di sorrisi, rispetto al loro tasso di movimento delle sopracciglia, quando richiesto di sopprimere queste azioni " lui dice. "Anche questo è stato il caso. Possiamo ridurre i movimenti del viso quando proviamo a sopprimerli ma non possiamo eliminarli completamente ".

Chi sono i migliori rilevatori di Lie?

Alcuni tipi di persone o tipi di personalità sono più adatti a individuare le bugie? Questa è una domanda che Nancy Carter e Mark Weber della Rotman School of Management dell'Università di Toronto hanno chiesto nel loro studio, pubblicato su Social Psychological and Personality Science. Affidarsi agli altri non può farti venire l'asino, hanno scoperto; potrebbe effettivamente essere un segno della tua intelligenza.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con un alto livello di fiducia erano più accurate nel rilevare i bugiardi: più persone mostravano fiducia negli altri, più erano in grado di distinguere una bugia dalla verità. Più fiducia nei loro compagni umani avevano, più volevano assumere gli intervistati più onesti ed evitare bugiardi. Contrariamente allo stereotipo, le persone a basso tasso di fiducia erano più disposte ad assumere bugiardi e meno probabilità di essere consapevoli che quelle persone erano bugiarde.

"Sebbene le persone sembrino credere che i detentori di fiducia bassi siano migliori rivelatori di menzogne ​​e meno creduloni di alti fidati, questi risultati suggeriscono che è vero il contrario", scrivono Carter e Weber. "Gli alti fidati erano migliori rivelatori di menzogne ​​di quelli che erano bassi fidati; hanno anche formato impressioni e intenzioni di assunzione più appropriate. Le persone che si fidano degli altri non sono Pollyannas pie-in-the-sky; la loro precisione interpersonale può renderli particolarmente bravi nell'assumere, reclutare e identificare buoni amici e validi partner commerciali. "

Le indicazioni linguistiche chiave possono aiutare a rivelare anche la disonestà, sia che si tratti di un'omissione deliberata di informazioni, sia di una menzogna completa, secondo le ricerche di Lyn M. Van Swol, Michael T. Braun dell'Università del Wisconsin e Deepak Malhotra della Harvard University, pubblicate nella rivista Discourse Processes.

"La maggior parte delle persone ammette di aver mentito nei negoziati, e tutti credono di aver mentito in questi contesti", dice Malhotra. "Potremmo essere in grado di migliorare la situazione se possiamo fornire alle persone la capacità di individuare e scoraggiare il comportamento non etico degli altri".

Precedenti studi hanno esaminato le differenze linguistiche tra bugie e affermazioni veritiere. Ma questo fece un ulteriore passo in avanti, considerando le differenze tra le menzogne ​​piatte e l'inganno per omissione: l'evitamento intenzionale di divulgare informazioni importanti, cambiando argomento o dicendo il meno possibile.

I ricercatori hanno reclutato 104 partecipanti per giocare "il gioco dell'ultimatum", uno strumento popolare tra gli economisti sperimentali. Scoprirono che i bugiardi tendevano a usare molte più parole dei veri scrutatori, presumibilmente nel tentativo di conquistare riceventi sospetti. I ricercatori chiamavano questo "l'effetto Pinocchio". Al contrario, le persone che si impegnavano nell'inganno per omissione usavano meno parole e frasi più brevi dei veri scrutatori. I bugiardi usavano più parolacce dei veri scrutatori, e più pronomi in terza persona che veri scrutatori o omelette. Alla fine, i bugiardi parlavano con frasi più complesse che con scrutatori di verità.

Siamo sempre più di fronte a questioni di menzogna e inganno nei confronti di leader politici e dirigenti d'azienda. Sarà interessante vedere se questa ricerca ci offre strumenti migliori per affrontare il problema.

Solutions Collecting From Web of "Quanto sei bravo a trovare un rilevatore di bugie?"