Quanto è saggio: Volontariato per rimanere in contatto con la gioia di dare quando sei stato sradicato


QUANTO È SAGGIO: VOLONTARIO DA RITENERE IN CONTATTO CON LA GIOIA

DI DARE QUANDO SEI STATO AVANZATO

 

www.stephengpost.com/hiddengifts

 

Possiamo essere ovunque, purché aiutiamo gli altri e li prendiamo cura di loro. Questa è probabilmente l'unica fonte di stabilità nelle nostre vite di cui possiamo veramente fare affidamento, e quindi alla fine non siamo mai veramente fuori luogo. Alla giusta dose, contribuire in piccoli modi alla vita degli altri è una vitamina quotidiana per corpo e anima. Ho attinto a questo negli ultimi anni, mentre la mia famiglia e io abbiamo navigato le vette e le valli di un grande trasferimento da Cleveland, dove avevo insegnato per vent'anni nella scuola medica della Case Western Reserve University, alla Stony Brook University di New York (www .stonybrook.edu / bioetica).

Pochi mesi dopo il nostro arrivo qui, uno psichiatra ricercatore e amico a New York mi ha raccontato la storia dell'isolamento sociale e una grande mossa che porta al suicidio. In uno dei suoi casi, un paziente pieno di rimorsi di nome Dave riferì che sua moglie di vent'anni si era suicidata con un'overdose di sonniferi mentre era via per un viaggio di lavoro. Solo pochi mesi prima del suicidio, questa coppia senza figli si era trasferita in una città dove non avevano né parenti né amici. Il matrimonio di Dave era difficile perché era un forte bevitore. Il suo capo pensava che una mossa potesse dargli una nuova prospettiva. (In realtà, le mosse non risolvono questi problemi, li hanno appena trasferiti). Evidentemente lui e sua moglie avevano litigato amaramente nei giorni immediatamente precedenti il ​​suicidio. Presumibilmente, si risentiva di essere sradicata a causa in parte delle abitudini alimentari del marito. (Stavo riflettendo su questo incontro alcuni mesi fa mentre stavo facendo alcune conferenze nel sud-ovest. Uno dei miei vecchi amici ha detto che quando lui, sua moglie e i bambini si trasferirono da una città nel nord-est a una piccola città remota, sua moglie così perse tutti i suoi amici e social network che in realtà divenne clinicamente depressa per la prima volta nella sua vita.)

E se la moglie di Dave avesse avuto la possibilità di essere coinvolta subito in qualche attività di aiuto, come il volontariato per un'organizzazione che trovava particolarmente significativa? Questo l'avrebbe salvata? Probabilmente avrebbe aiutato, come spesso accade per i "coniugi finali", essere maschi o femmine. Entro certi limiti, ovviamente, un buon modo per liberarsi dalle emozioni più oscure è uscire e aiutare le persone facendo "agli altri" in un'organizzazione di volontariato che fornisce supporto sociale nel processo di servizio agli altri. Generalmente le emozioni seguono le azioni e si muovono in direzioni positive come risultato dell'aiuto. Le indagini scientifiche su questi benefici si concentrano su attività relativamente modeste: poche ore di volontariato una volta alla settimana.

Suppongo che, ovunque ci troviamo dopo un grande trasferimento, siamo ancora a casa se possiamo rimanere in contatto con la gioia del dare. Le grandi mosse non si limitano a "acclimatarsi" in un nuovo ambiente, anche se non c'è dubbio che non ci sentiamo a nostro agio fino a quando le cose intorno a noi non diventano familiari e iniziamo a sentirci a casa. Noi umani siamo creature di "relazioni oggettuali" e viviamo nei "simboli" visivi e sonori del nostro ambiente così come vivono in noi. Ma più seriamente, tirare su le radici sconvolge le relazioni, non importa quanto cerchiamo di rimanere connessi in un modo dai gadget elettronici. Ad un certo livello, come ha scritto il filosofo, "fuori dalla vista, lontano dalla mente". Le persone a casa passano a nuove relazioni nel mondo reale delle interazioni faccia a faccia.

Quindi perdiamo ciò che Robert Putnam e altri sociologi chiamano in questi giorni "capitale sociale" e dobbiamo ricostruirlo il prima possibile per la nostra salute mentale e fisica. La ricostruzione è più facile per alcune persone che per altre, a seconda dei tipi di personalità, età, resilienza e se una mossa si sentisse obbligata a causa di difficoltà come perdita del lavoro, preclusione a casa o malattia. Muoversi lungo il cammino della vita può essere glorioso negli anni più giovani dopo un'esperienza scolastica stabile. I più giovani amano esplorare il mondo e provare qualcosa di nuovo. Ma per coloro che sono nella loro vita di mezzo o in ritardo, lasciare un posto dove sono state investite tanta energia e cuore nel corso degli anni nella costruzione di relazioni e comunità apre le porte a tutti i tipi di sfide psicologiche. L'epidemiologia è chiara: i tassi di depressione aumentano un po 'quando le persone cominciano a sentire profondamente la perdita di amici, conoscenti e la familiarità di fondo che tendono a dare per scontata. Aumentano i tassi di suicidi, un fatto che Emile Durkheim ha colto bene nella sua analisi sociologica dell'aumento del suicidio nel mondo moderno a causa della perdita di cummunitas stabile e del conseguente malessere di anomia. Gli uomini che si spostano a metà della vita hanno tassi di cardiopatia notevolmente più alti. Senza dubbio lo stress di dover ricominciare e ricreare la vita è molto da sopportare e può essere estremamente stressante per sé e la famiglia. Cosa potrebbe contribuire di più all'epidemiologia di quello che lo psicologo James Lynch ha chiamato "il cuore infranto" di una grande mossa sgradita che squarcia una persona dal mondo in cui sono stati, come scrive il filosofo Ed Casey, "implacabile". alcuni anni per ricreare ciò che è stato perso. È più facile per le famiglie militari perché tutti sono in movimento, e la cultura della vita sociale militare e dell'adeguamento è più normale, anche se non è ancora un modo facile di vivere.

Questo mi riporta a un tema preferito: il "principio della terapia di supporto" può salvarti la vita nei momenti difficili. Ho sentito parlare per la prima volta di qualcosa come "terapia di supporto" dalla mia madre irlandese. Durante i miei noiosi "giorni di riposo" da bambina, Molly Magee Post mi ha detto, "Stevie, perché non esci e fai qualcosa per qualcuno?" No, non ha detto, "Stevie, vai a leggere un libro, "O" Stevie, vai a pulire la tua stanza. "Ho letto molto comunque e ho tenuto una stanza ordinata. Dirigendosi dall'altra parte della strada darei al vecchio Mr. Muller una mano che rastrellava le foglie, o aiuterei il signor Lawrence a riparare il suo albero. Mi sentivo sempre bene. Tale semplice azione, ma riunisce la psicologia spirituale, morale e della salute in un coro comune, e potrebbe essere una delle poche cose che costituisce la verità universale.

In una nuova comunità, il volontariato è un buon modo per ricreare i social network. Le persone che fanno volontariato tendono a riportare una salute migliore, una maggiore felicità, livelli di ansia più bassi, un significato più profondo e persino dormire un po 'meglio. Aiutare è un tampone contro l'impotenza e un'affermazione di autoefficacia: posso farlo! Trova qualcosa da fare che sia significativo, attingi talenti e punti di forza per sentirti efficace, e abbi fede che, anche se all'inizio non sei del tutto ispirato, alla fine la tua capacità di gioia raggiungerà le tue azioni. Come sottolinea Putnam nel suo nuovo libro, American Grace (2010), una grande quantità di ricostruzione dei social network avviene all'interno e attraverso le comunità di fede. Quindi, se sei una persona di fede, una delle cose migliori da fare dopo aver atterrato in un nuovo posto è trovare una congregazione di compagni di fede. In questi giorni abbiamo così tanti ricercatori che concludono che il cervello è essenzialmente un organo sociale con le sue cellule e percorsi collegati per l'empatia, per sperimentare le gioie e le sofferenze degli altri come se fossero le nostre. Inibire dare e inibire la fioritura.

Abraham Lincoln ha attraversato un sacco di malinconia. Ha detto: "Quando faccio del bene, mi sento bene; quando faccio male, mi sento male. "No, non c'è certezza di ripagare, e Lincoln non stava mantenendo il punteggio. Ma la sua generosità e il suo comportamento d'aiuto gli hanno dato la pace interiore e la forza per superare una storia di depressione. L'idea qui è di aiutare gli altri e fare del bene perché questo è solo il modo più felice e più sano di vivere la propria vita; è anche il modo di vivere che è il più interiore appagante, indipendentemente dal fatto che si ottenga qualcosa dagli altri. La virtù, come dice il proverbio, è la sua stessa ricompensa. Pagalo avanti, non c'è bisogno di ripagarlo, e spera di ispirare gli altri a "andare e fare allo stesso modo." Ma nel dare c'è un bagliore, un beneficio interiore per il donatore che può essere visto in galleggiabilità ed effervescenza, e questo è qualcosa su cui possiamo contare abbastanza bene; la reciprocità, al contrario, non è mai affidabile, per quanto dovremmo tutti essere dei buoni destinatari quando gli altri cercano di restituire la gentilezza. Dobbiamo liberarci dalle mentalità "tit for tat" che richiedono una risposta in natura. Questa legge ferrea di reciprocità è appesa al nostro collo come una spada di Damocle, trattenendoci dalla libertà interiore dell'amore senza limiti.

Aiutare gli altri raramente si trova da solo. Gli studi dimostrano che porta con sé una libertà interiore, un senso di azione significativa, gioia, speranza e pace. In questo senso, aiutare l'amore ci porta in una famiglia di emozioni così fortemente e strettamente collegate che si fondono in un unico stato d'essere armonioso. È impossibile immaginare l'amore non dando origine a una spontaneità e alla liberazione da tutte quelle emozioni che ci appesantiscono; è impossibile immaginare di amare senza gioia e gioia nell'amato; è impossibile immaginare di amare senza avere speranza in loro e per loro; ed è impossibile immaginare di amare in qualsiasi modo sostenuto senza una pace interiore e gratificazione che per sua natura nega la violenza nelle emozioni, nelle parole, nelle intenzioni o nelle azioni.

Il sondaggio Do Good Live Well Survey del 2010 , pubblicato da United Healthcare e VolunteerMatch (www.VolunteerMatch.org), ha coinvolto 4.500 americani americani. Il 41 percento degli americani offriva volontariamente una media di 100 ore all'anno. Il 68% di coloro che si sono offerti volontariamente nell'ultimo anno hanno riferito che il volontariato li ha resi fisicamente più sani. Inoltre,

  • L'89% riferisce che "il volontariato ha migliorato la mia sensazione di portare bene"
  • Il 73% concorda sul fatto che "il volontariato ha abbassato i miei livelli di stress"
  • Il 92% concorda sul fatto che il volontariato abbia arricchito il senso dello scopo nella vita
  • Il 72% si definisce "ottimista" rispetto al 60% dei non volontari
  • Il 42% dei volontari riferisce un senso di significato "molto buono" nelle loro vite, rispetto al 28% dei non-volontari

Quanto è saggio fare ciò che si può per contribuire in modo benevolo agli altri!

Questa "luce del donatore", come la definisco, ha proprietà curative. Interezza interiore, nirvana, vera pace – queste sono tutte legate all'attività dell'amore che si dà da sé. Una bacchetta magica è un tubo di plastica traslucido contenente sostanze che, una volta combinate, emettono luce attraverso una reazione chimica. Dopo che la capsula di vetro nell'involucro di plastica è rotta, si illumina. La frattura è parte del processo. Dare e crescere, dare e splendore.

Solutions Collecting From Web of "Quanto è saggio: Volontariato per rimanere in contatto con la gioia di dare quando sei stato sradicato"