Quanto è empatico il tuo terapeuta? Ask An Algorithm

Ambro/FreeDigitalPhotos.net
Fonte: Ambro / FreeDigitalPhotos.net

Ti senti come il tuo terapeuta ti sta giudicando? O è lui o lei tra i migliori ascoltatori della tua vita? L'empatia è alla base della terapia, ma ciò non significa che tutti i terapeuti lo facciano bene. La nuova scienza afferma che gli algoritmi potrebbero essere in grado di rilevare quanto sia empatico il tuo terapeuta.

Nella ricerca appena pubblicata su PLOS One [1], gli scienziati hanno esaminato le trascrizioni di 1.000 sessioni di terapia. Hanno usato questo per costruire un algoritmo che ha analizzato la lingua per assegnare un punteggio di empatia. Questo permette loro di classificare i terapeuti come ad alta empatia o bassa empatia.

Il processo inizia con esperti umani che analizzano tali trascrizioni e etichettano i terapeuti come un'empatia alta o bassa. L'algoritmo studia il linguaggio, impara dalle etichette umane e costruisce un modello di come appare il dialogo empatico.

L'algoritmo cercava frasi che indicavano empatia. Frasi come "suona come", "pensi" e "quello che sto ascoltando", segnalavano un'alta empatia. Dire cose come "domanda successiva", "devi" e "nel passato" finiscono per essere segnali di scarsa empatia.

I risultati sono stati molto buoni. I ricercatori hanno confrontato l'output dell'algoritmo con i punteggi che gli esperti umani hanno dato ai terapeuti. In questo tipo di lavoro, l'accuratezza è calcolata con un valore chiamato punteggio F1. (Qui, otterremo un po 'di tecnica) Essenzialmente, è una combinazione della precisione (quale percentuale di terapeuti era correttamente etichettata come "alta empatia da tutti etichettata come alta empatia") e ricordo (quale percentuale di terapeuti era correttamente etichettata come empatia tra tutti i terapeuti altamente empatici). Quel valore era 0,85 su un possibile punteggio massimo di 1 – un risultato molto buono.

Le implicazioni di questa ricerca per la terapia potrebbero essere significative. Al momento, l'unico modo per valutare i terapeuti è quello di avere una terza persona seduta nella sessione o rivedere una trascrizione. Questo non è eccezionale per il paziente, che potrebbe non voler avere discussioni personali di fronte a un estraneo o le cui preoccupazioni sulla privacy potrebbero impedire la revisione di una trascrizione. La revisione influisce anche sul modo in cui i terapeuti si comportano; se sanno di essere osservati, possono trattare diversamente un paziente. Con questa tecnologia, le sessioni possono essere analizzate su una scala molto più ampia poiché nessun essere umano ha bisogno di essere coinvolto. Le trascrizioni verrebbero tenute private da qualsiasi altro essere umano, ma potrebbero essere analizzate dagli algoritmi rapidamente e su larga scala. Ciò, a sua volta, può aiutare i terapeuti a imparare a essere più empatici o indicare a un terapeuta con empatia debole una revisione e una formazione più approfondite basate sull'uomo.

[1] "Vota il mio terapeuta": rilevamento automatico dell'empatia nella consulenza in materia di droga e alcol tramite elaborazione vocale e linguistica
Bo Xiao, Zac E. Imel, Panayiotis G. Georgiou, David C. Atkins, Shrikanth S. Narayanan http: //journals.plos.org/plosone/article? Id = 10.1371 / journal.pone.0143055

Solutions Collecting From Web of "Quanto è empatico il tuo terapeuta? Ask An Algorithm"