Quanto è buono l'acuità visiva di un cane rispetto alle persone?

SC Psychological Enterprises Ltd
Fonte: SC Psychological Enterprises Ltd

L'acuità visiva è una misura di quanto piccolo possa essere un dettaglio visibile e comunque identificato da una persona. Il modo più comune di testare la visione è usare una mappa oculare, (il tipo che si vede in un ufficio di un optometrista con la E grande nella riga in alto). Questo è noto come grafico Snellen Eye, perché è stato progettato da Hermann Snellen alla fine del 1800. Usa simboli che sono formalmente noti come "ottotipi". Questi hanno l'aspetto di stampatello e sono intesi per essere visti e letti come lettere. Non sono, tuttavia, lettere dalla collezione di font di un normale typographer. Hanno una geometria particolare e semplice in cui le dimensioni delle linee, degli spazi vuoti e degli spazi bianchi sono attentamente determinati in modo che se non riesci a vederli abbastanza chiaramente, le lettere diventano confuse e difficili da leggere. Le lettere (e gli spazi bianchi e gli spazi vuoti che li definiscono) si riducono progressivamente man mano che ci si sposta verso il basso nel grafico. La linea con le lettere più piccole che puoi leggere è una misura della tua acuità visiva o, più specificamente, la capacità di risoluzione dei dettagli dell'occhio.

Il numero effettivo assegnato per misurare la tua acutezza si basa sul modo in cui ti confronti con una persona nota per avere un'acuità visiva normale. Se sei testato a una distanza di 20 piedi e puoi leggere la stessa riga di lettere che una persona con visione normale può leggere a 20 piedi, allora la misura della tua visione di Snellen è 20/20 (o 6/6 se stai misurando la distanza in metri). Se la tua visione non è così buona, allora avrai bisogno di lettere stampate molto più grandi per leggerle a quella distanza. Quindi se le lettere che riesci a leggere a malapena correttamente a 20 piedi sono abbastanza grandi da consentire a una persona con una visione normale di leggerle a 40 piedi, la tua visione è 20/40 (o 6/12).

Ovviamente non possiamo ottenere che un cane legga righe di lettere per noi, quindi usiamo un'altra tecnica per determinare la sua acutezza. In questo test vogliamo che il cane ci dimostri che può vedere i dettagli che definiscono un modello. Lo schema che usiamo per i cani è una semplice griglia composta da strisce verticali bianche e nere di uguale dimensione. Abbiamo messo questo modello accanto a un modello grigio uniforme. Se la visione del cane è abbastanza buona, allora può scegliere il motivo a strisce e se lo fa ottiene una sorpresa. Se prende il grigio non ottiene nulla. Poi lo testiamo con strisce che diventano sempre più strette. Questo equivale a rendere le lettere sulla mappa degli occhi sempre più piccole. Alla fine le strisce saranno così sottili che l'acuità visiva del cane non gli permetterà di vedere che sono lì. A questo punto le strisce si sfocano e sbavano negli occhi e la carta con le strisce apparirà uguale alla carta con il campo uniforme di grigio. Quando le dimensioni delle strisce arrivano a questo punto, abbiamo raggiunto i limiti dell'acuità visiva del cane. La dimensione delle strisce che il cane può vedere può essere convertita nella stessa misura di acutezza di Snellen che otteniamo da una mappa a occhio usata per testare le persone.

Il miglior insieme di misure che abbiamo finora su questo tipo di misura di acuità proviene da un barboncino dedicato, testato ad Amburgo, in Germania. Tuttavia la sua acutezza era piuttosto scarsa e lui era in grado di distinguere modelli con strisce che sono quasi sei volte più ampie del minimo che gli umani possono distinguere. Convertendo questo risultato nelle misure più usuali il cane sembra avere un'acuità visiva di soli 20/75. Ciò significa che un modello che un cane riesce a malapena a riconoscere a 20 piedi (6 metri) è effettivamente abbastanza grande da consentire a una persona con una vista normale di identificarsi a una distanza di 75 piedi (23 metri). Per darti un'idea di quanto sia scarsa questa visione, dovresti sapere che se la tua acutezza visiva è peggiore di 20/40 fallirai il test standard di visione dato quando applichi una patente di guida negli Stati Uniti e ti sarà richiesto di indossare occhiali. La visione di un cane è notevolmente peggiore di questa.

Non lasciare che questi numeri ti ingannino, comunque. Sebbene l'acuità visiva del cane sia considerevolmente inferiore a quella di un essere umano normale, molte informazioni arrivano ancora dai suoi occhi al suo cervello, anche se l'attenzione è "morbida" e non sarà in grado di distinguere molti dettagli. L'effetto è qualcosa di simile a guardare il mondo attraverso una garza a rete sottile, o un pezzo di cellophane che è stato spalmato con un leggero strato di vaselina. I contorni generali degli oggetti sono visibili, ma molti dettagli interni saranno sfocati e potrebbero persino andare persi.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Modern Dog, Why Do Dogs Wet Noses? Le impronte della storia, come pensano i cani, come si parla il cane, perché amiamo i cani Facciamo, cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani, perché il mio cane agisce così? Comprensione dei cani per i manichini, i ladri del sonno, la sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione.

Solutions Collecting From Web of "Quanto è buono l'acuità visiva di un cane rispetto alle persone?"