Quantificare l'impegno nei modelli di educazione all'autismo

TS Elliot ha scritto: "Ho misurato la mia vita con cucchiaini da caffè". Nelle scuole per individui con autismo e altre abilità diverse, molti programmi misurano il successo e l'apprendimento con schede gettone, rinforzi commestibili, salite graduali lungo le carte di sviluppo sfumate e riconoscimento di Comportamenti "disadattivi". Cosa manca qui? Modi per misurare l'iniziazione, l'impegno, la motivazione e l'interesse. Se solo potessimo usare la nostra ricerca per informare le nostre pratiche e non solo la nozione in bianco e nero che i nostri metodi sono perfetti e gli studenti riescono o falliscono all'interno di questi confini. È tempo di misurare le nostre metodologie, i nostri affetti e la presentazione dei materiali, nonché l'equilibrio tra il nostro output e la loro capacità di elaborazione di ricevere l'input. Oserei dire, possiamo usare la ricerca per creare un approccio integrato e VERAMENTE personalizzato all'educazione, al coinvolgimento e al livello più alto e una comunicazione più significativa tra noi ei nostri studenti, i vostri figli? Lo voglio.

Entrando in questo articolo mentre sto partecipando alle mie sessioni con gli studenti, l'esperienza di stare insieme mi guida in COME porto il messaggio inteso. DEVO considerare il mio pubblico (gergo, appropriatezza, livello di intelletto e sofisticazione in coppia con il rimanere fedele a se stesso e integrità personale) e sono certo che avrò un momento o due in cui le tangenti sono in agguato, le seguo e mi attengo a solo il tema di questo articolo? Consentire commenti interessanti che possano arricchire l'esperienza? Quanto di questo articolo è semplicemente la scintilla di un pensiero, di insegnare fatti, e quanto è la spinta personale come autore e insegnante a fare la differenza e cercare di esporre i cambiamenti fondamentali nella capacità delle persone di riflettere su se stessi e le tecniche attuali di modelli educativi che stanno solo cominciando a dare un tocco alla superficie del vero apprendimento, della generalizzazione e del rispetto dei profili di apprendimento individuali degli studenti. Le definizioni più avanti in questo post sono elencate in modo che possiamo decidere cosa significano per noi e per i nostri studenti. In che modo queste parole risuonano in te personalmente e in che modo ti influenzano come genitori, terapeuti o insegnanti?

Ho chiesto a diversi esperti nel campo dell'educazione speciale, della parola, dell'ABA e della ricerca di affrontare il ruolo dei dati nella creazione di affermazioni significative sui metodi di insegnamento, sulla crescita dello sviluppo di scaffold e sulla creazione di opportunità più rispettose per interazioni significative con gli individui nello spettro. È tempo di smettere di guardare attraverso una lente d'ingrandimento e agire in base a ciò che vediamo realmente accadendo di fronte a noi nei tentativi del nostro studente di linguaggio, comportamenti passivi e aggressivi e ritiro da certe attività e persone. Smettiamola di assumere che il problema è tutto loro e vedere cosa dobbiamo fare in modo diverso per aiutare veramente. Dobbiamo anche smettere di pensare in modo così sequenziale che neghiamo agli studenti le abilità di scheggia perché non sono stati costruiti in un modo a cui siamo abituati. Sperimentando le aree di livello più elevato, potremmo trovare più eccezionalità nei nostri studenti che possono essere estese e sfruttate per aumentare la fiducia e le competenze degli studenti invece di costringerli semplicemente a salire la scala passo dopo passo. Se salgono tre gradini alla volta, e allora? Facciamo in modo che i dati ci informino per consentire agli studenti il ​​loro percorso di apprendimento e relazioni. Sareste sorpresi di quanto devono mostrarci!

Le definizioni:

Autismo (secondo Wikipedia):

un disturbo dello sviluppo neurale caratterizzato da un'interazione sociale compromessa e dalla comunicazione verbale e non verbale e da un comportamento limitato, ripetitivo o stereotipato. I criteri diagnostici richiedono che i sintomi diventino evidenti prima che un bambino abbia tre anni. [2] L' autismo influenza l'elaborazione delle informazioni nel cervello alterando il modo in cui le cellule nervose e le loro sinapsi si connettono e si organizzano; come ciò avvenga non è ben compreso. È uno dei tre disturbi riconosciuti nello spettro autistico (ASD), gli altri due sono la sindrome di Asperger, che non ha ritardi nello sviluppo cognitivo e nel linguaggio, e il disturbo dello sviluppo invasivo, non diversamente specificato (comunemente abbreviato come PDD-NOS), che viene diagnosticato quando non viene soddisfatta la serie completa di criteri per l'autismo o la sindrome di Asperger.

Istruzione (secondo Merriam-Webster):

a : l'azione o il processo di educazione o di educazione; anche : una fase di tale processo; la conoscenza e lo sviluppo risultanti da un processo educativo Ricerca: (secondo Dictionary.com) 1.digitale e sistematica indagine o indagine su un soggetto in ordine per scoprire o revisionare fatti, teorie, applicazioni, ecc.: ricerca recente in medicina. Apprendimento: (secondo Merriam-Webster) l'attività o il processo per acquisire conoscenze o abilità studiando, praticando, insegnando o facendo esperienza di qualcosa: l'attività di qualcuno che impara

Prenditi un minuto e analizza ciò che questo ha significato per te nelle impostazioni scolastiche e nella vita. Quali esperienze hanno avuto un impatto maggiore sui fatti e quali fatti ti hanno aiutato ad avere esperienze più grandi? Lascia che la risposta informi le tue interazioni con i tuoi studenti e il tuo obiettivo fissato per loro conto.

Gli esperti:

RICERCA – Amanda Leeder è dottoranda nel programma di psicologia applicata allo sviluppo della Fordham University. Ha conseguito il Master in psicologia generale presso la New York University e oltre 6 anni di esperienza nell'implementazione e nella ricerca di interventi terapeutici di ASD a casa e a scuola.

Qual è il ruolo attuale della ricerca nell'educazione per il disturbo dello spettro autistico?

"Per gli interventi terapeutici e educativi, i campi dell'istruzione e della psicologia si basano sull'integrità della ricerca scientifica per convalidare l'efficacia dei programmi. Anche se non sorprende che il termine "pratica basata sull'evidenza" abbia molto peso, la valutazione degli interventi educativi per la popolazione ASD è ancora nelle fasi iniziali, in parte a causa della sfida di quantificare le pratiche di implementazione e gli obiettivi per questi studenti “.

Che cosa deve essere messo in atto per una migliore definizione degli obiettivi, la validità della raccolta dei dati e l'attuazione o la generalizzazione dei risultati?

"Al fine di educare adeguatamente la popolazione ASD, è fondamentale che valutatori e ricercatori rispettino e si concentrino sull'eterogeneità della sintomatologia, dei punti di forza, delle debolezze e degli interessi inerenti all'autismo. Rispettando i profili individuali di questi studenti e misurando efficacemente le pratiche educative progettate per loro, sarà possibile misurare in modo affidabile e valido l'efficacia degli interventi per i sottogruppi della popolazione. I punti di trasmissione dei programmi sono ampiamente trascurati negli attuali focolai di autismo interventi. Un programma può essere estremamente "efficace" in termini di promozione di determinate abilità, ma bisogna stare attenti se questo esclude altri obiettivi che potrebbero essere più importanti per alcuni studenti. Una considerazione degli obiettivi realistici per il discente dovrebbe includere l'input dell'individuo, dei suoi familiari, così come terapeuti e insegnanti. "

In che modo le tendenze attuali nella ricerca guidano o distruggono le famiglie? Cosa consigliate di fare nella ricerca della migliore programmazione?

"Molte famiglie di individui con autismo assumono che un particolare approccio avrà successo per il loro bambino, sulla base di prove aneddotiche, studi di casi o perché un approccio è basato su prove". Mentre tra venti anni questo termine sarà un indicatore affidabile di quali genitori scolastici dovrebbero iscrivere i loro figli, lo stato attuale della ricerca sull'educazione all'autismo non consente questo approccio.

La ricerca non si concentra sufficientemente sull'eterogeneità all'interno della popolazione autistica, né considera la variazione significativa nell'implementazione di un particolare intervento da parte del terapeuta. La soluzione migliore per le famiglie in questo momento è quella di ricercare in modo completo quali terapie e approcci educativi sono disponibili e provare a cercare professionisti ed esperti nel campo che forniscano risposte imparziali sull'educazione all'autismo. "

SPEECH – Nicole Kolenda: MS, CCC-SLP, PC, è un patologo linguistico con licenza in uno studio privato nell'Upper East Side di Manhattan. Ha conseguito un Master presso la Columbia University. Nicole ha supervisionato e insegnato in numerosi corsi di laurea a Manhattan e Long Island, tra cui il Teacher's College, la Columbia University, la New York University, il Marymount Manhattan College e la Hofstra University. È esperta nello sviluppo del linguaggio e del linguaggio e ha collaborato con i pediatri dello sviluppo più votati di Manhattan. Nicole ha scritto per numerose riviste di genitori e siti web, tra cui Parent Guide e Modern Mom. Ha oltre 15 anni di esperienza pediatrica con bambini diagnosticati con una serie di disabilità dello sviluppo, tra cui i disturbi dello spettro autistico (ASD). Il suo obiettivo principale è nel trattamento di bambini con diagnosi di problemi di pianificazione motoria e Aprassia della parola infantile (CAS); ha recentemente contribuito alla ricerca in questo settore. Nicole crede in un approccio individualizzato alla terapia e prepara un piano di trattamento personalizzato per ogni cliente sul suo carico di lavoro.

Qual è il ruolo del coinvolgimento degli studenti nella valutazione della capacità, del potenziale e dell'intenzionalità, specialmente nel contesto della parola e della comunicazione?

"Il prerequisito più basilare dell'apprendimento è riuscire a mantenere l'attenzione. I nostri corpi, al fine di lavorare in modo ottimale, devono essere in uno stato di omeostasi, in modo che possiamo permettere agli altri di coinvolgerci. Quando supervisiono gli studenti universitari che stanno studiando per essere futuri patologi del linguaggio del linguaggio, la prima cosa che dico loro di fare è guardare all'ambiente di apprendimento. La sedia e il tavolo sono appropriati per il loro cliente (se una sedia è troppo alta, un bambino di solito si affonda o dondola le gambe nello sforzo di "trovare" il pavimento per sentirsi "a terra", ma questo movimento inibisce l'apprendimento , in quanto sta portando via l'attenzione dello studente dal compito in corso). La stanza è troppo fastidiosa? Troppo forte? Forse troppo luminoso? Sono cose con le quali non vuoi competere perché sono così facili da sistemare.

Come creiamo l'ambiente di lavoro ideale in cui valutare le "vere conoscenze e abilità", nonché a mantenere l'apprendimento e gli obiettivi appropriati?

"Sono le distrazioni interne a cui abbiamo maggiori difficoltà durante il trattamento perché sono molto difficili da identificare e non facili da risolvere. Quindi, una volta che sai che il bambino può prestare attenzione … come fai a mantenere la loro attenzione o, tenerli attivamente impegnati in modo che ora possano accettare la lingua in arrivo e elaborarla con facilità? Devi assicurarti di lavorare nella "linea di apprendimento", dove sei in grado di mantenere l'attenzione dello studente e che stanno elaborando e imparando. Il modo più semplice per accertarlo è stato il linguaggio espressivo di uno studente, che è una finestra sul repertorio ricettivo di un bambino. È importante notare che alcuni studenti hanno bisogno di movimento per partecipare, il che può spesso sorprendere quando si aspetta che un bambino non abbia sentito quello che ha detto, ma risponde a una domanda con facilità. Direi che l'elaborazione del linguaggio e l'attenzione / il coinvolgimento hanno una speciale relazione simbiotica che si manifesta in modo molto diverso in ogni persona e che può apparire in modo molto diverso all'interno di ciascuna interazione comunicativa. "

E qual è, almeno, un contesto che vorresti vedere per la ricerca nelle terapie di autismo per assistere meglio con la partecipazione e / o l'elaborazione del linguaggio?

"Mi piacerebbe vedere più ricerche sul ruolo della scrittura [lingua] per facilitare l'elaborazione."

ABA – Kathleen Bradler è una BCBA (Board Certified Behaviour Analyst) che si è laureata presso la Penn State University. È un appaltatore indipendente e ha lavorato sia a casa che a scuola.

1) Come si è evoluta l'ABA per affrontare una maggiore generalizzazione delle competenze?

"ABA sta per analisi del comportamento applicato . Ciò significa che la nostra analisi si concentra su comportamenti di rilevanza sociale per un individuo. Si dice che i comportamenti abbiano validità sociale se influenzano la vita di una persona in modo positivo e significativo. ABA insegna abilità e forma comportamenti che sono significativi per l'individuo, e quindi sono più propensi a generalizzare durante la vita dell'individuo. Programmiamo la generalizzazione in quanto insegniamo un'abilità attraverso le impostazioni, attraverso le persone e attraverso più esemplari di materiali. Una volta che un obiettivo è stato raggiunto, può essere ampliato e incluso nel prossimo obiettivo, nel quadro generale. Non possiamo abbandonare un obiettivo una volta che è stato appreso, o smettere di insegnare un'abilità, o potrebbe essere dimenticato. Questa "programmazione per la generalizzazione" consente all'individuo di generalizzare ciò che hanno imparato nella loro vita di tutti i giorni. "

2) Qual è la rilevanza dei dati raccolti per informare la crescita di ogni programma per bambini?

"La raccolta dei dati è una parte integrante dell'analisi del comportamento applicata e di qualsiasi pratica basata sull'evidenza oggi. Senza la raccolta dei dati, l'insegnante, il genitore o l'analista comportamentale non avrebbero una visione obiettiva dei progressi dell'individuo, e quindi non saprebbero quando aggiungere o rimuovere un prompt, quando un obiettivo è stato padroneggiato e quando devono essere aggiunti nuovi obiettivi. Ad esempio: (Un insegnante che viene a lavorare potrebbe dire) "Sto vivendo una giornata fantastica. Il mio barista di Starbucks mi ha dato un caffè gratis, non c'era traffico (o la metropolitana arrivava puntuale), ei miei capelli sembravano perfetti. Sono anche emozionato per il fine settimana! Anche il mio alunno con autismo ha avuto una giornata fantastica a scuola oggi! Ha piagnucolato un po 'ed è stato un po' non conforme, ma tutto sommato è stata una buona giornata. "Versus:" Ho perso il treno. Sta piovendo secchi. E sto scendendo con un raffreddore. Per completare il tutto, il mio studente ha avuto una giornata terribile a scuola. Ha piagnucolato tutto il giorno ed è stato così non conforme per tutto il giorno! "Lo studente potrebbe essere stato coinvolto negli stessi comportamenti in entrambi i giorni. Ma l'umore dell'insegnante ha notevolmente influenzato la sua prospettiva sul suo comportamento. Senza una raccolta obiettiva dei dati, non avremmo una visione chiara di come lo studente stia davvero facendo. Solo la prospettiva dell'insegnante su come sta andando. "

APPRENDIMENTO MULTI-STRATEGICO – Alison Berkley, MS, ha conseguito la laurea in psicologia presso la New York University dove si è laureata alla Dean's List ed è stata premiata con una borsa di studio del Dean per completare il suo MsT alla Pace University. Alison ha insegnato nelle scuole ABA e DIR / Floortime con una vasta e intensa esperienza in diverse metodologie educative. È co-direttore del centro di formazione Emerge & See a Manhattan. (Www.emergeandsee.net)

Qual è il ruolo della connettività e dell'impegno nel processo di apprendimento e nella ricerca / valutazione?

"Penso che il ruolo dell'impegno quanitifying sia incredibilmente importante nell'incorporare approcci multi-strategici per insegnare agli studenti sullo spettro! La natura individuale dell'autismo di ogni studente e i suoi unici stili di apprendimento rendono la quantificazione difficile, ma non impossibile. Abbiamo bisogno di attuare con attenzione le nostre misure per essere osservabili e misurabili, proprio come qualsiasi altro intervento guidato dai dati. Tuttavia, dobbiamo consentire che la raccolta dei dati stessi provenga da interazioni fluide e dinamiche. "

Perché è utile piegare approcci multi-strategici?

"Qualsiasi grande approccio multi-strategico incorpora intrinsecamente molti obiettivi e aspetti diversi nell'istruzione in modo motivante per gli studenti. Pertanto, quando guardiamo qualcosa di concreto come il contatto visivo, possiamo ancora prendere dati! Potremmo non essere seduti di fronte allo studente a una scrivania o un tavolo con il clicker in mano che dà a Sd "Mi guarda" e riempiendo la nostra tabella. Forse prendiamo quel grafico, lo schiaffiamo su un blocco per appunti, poi andiamo in palestra a giocare a basket e prima che chiediamo al ragazzino di passare, diciamo "guardami" e quando lo fanno, segniamo il plus e quando loro non registriamo il meno. Alla fine del gioco della bb-ball, tracciamo i dati proprio come qualsiasi altro programma. Gli Sd, gli obiettivi, gli obiettivi e gli obiettivi dovrebbero essere chiaramente definiti in anticipo. In questo modo, l'insegnante magistrale che utilizza l'approccio multi-strategico può incorporare fluidamente quegli obiettivi nel loro ambiente dinamico e più naturale. Il mio più grande mentore e miglior amico, Amanda lo paragona sempre a "piegare i piselli nel purè di patate"! Un grande insegnante impara rapidamente come far fare ai propri studenti un duro lavoro, ma rende così divertente che lo studente pensi che tutto ciò che stanno facendo sia suonare. Come pensi che questo impatti gli insegnanti in generale nella loro percezione degli studenti, il processo di insegnamento e il raggiungimento di obiettivi concreti, rendendo l'istruzione accessibile e piacevole? "Sento fortemente che l'educazione progressiva si sta muovendo velocemente verso approcci multi-strategici, interventi individualizzati e apprendimento dinamico che coinvolge tutti e 5 i sensi. L'apprendimento cinestetico ed esperienziale sarà dilagante in ogni classe stellare. È tempo di tenere traccia di ciò che i maestri stanno facendo in modo che i dati possano dimostrare in modo conclusivo non solo che gli studenti stanno imparando competenze specifiche, ma in modo che possano anche plasmare l'apprendimento futuro e affinare gli interventi in modo che siano il più efficaci possibile. (Se) Amanda potrebbe ottenere qualsiasi ragazzino a mangiare le loro verdure. Forse è ora che dia un morso agli insegnanti !!?! ?? "

Le domande:

Chi è affamato di istruzione e impegno per essere ugualmente rispettato, riconosciuto e prioritario nella ricerca, nelle aule scolastiche, nei programmi a casa e nei programmi diurni? Come lo facciamo? Lascia un commento e facci sapere cosa verrà dopo!

Solutions Collecting From Web of "Quantificare l'impegno nei modelli di educazione all'autismo"