Quanti umani ci vuole per fare arte?

Con una lampada a olio per pigmenti chiari e grezzi (carboncino e ocra), i creatori dell'arte paleolitica strisciavano nell'oscurità delle profonde caverne e disegnavano ogni sorta di animali e segni sulle pareti rocciose e sui soffitti. Alcuni antropologi hanno postulato che l'arte fosse fatta come una sorta di "magia della caccia" (attirarli e verranno); altri suggeriscono che molte delle opere facevano parte dei rituali sciamanici, un'indicazione che i nostri antenati avevano già sviluppato concetti spirituali e un senso del meraviglioso. Il mitologo Joseph Campbell suggerisce che ai primi umani le caverne erano come grembi, la fonte da cui provenivano tutti gli animali. Credeva anche che le gallerie sotterranee stessero cacciando "santuari" usati per avviare i ragazzi alle pericolose cacce che erano essenziali per la sopravvivenza della tribù.

Alcune delle linee d'arte più insolite delle pareti della Grotte Chauvet in Francia. Scoperto nel 1994, l'arte della caverna descrive circa 300 rappresentazioni di animali, tra cui rinoceronti di lana, leoni, cavalli, mammut, biosn, orsi, renne, stambecchi e una pantera. Ci sono anche molti disegni geometrici, simili alle immagini trance-indotte di stati di coscienza alterati.

I ricercatori Jean Clottes e David Lewis-Williams propongono che la grotta di Chavet sia stata usata come passaggio per il mondo degli spiriti. Gli animali raffigurati sulle pareti della grotta fungevano da guide. Nei rituali, i membri della tribù scendevano nella caverna, senza luce, ma con una lampada a olio o una torcia. Mentre scendevano, le loro lampade tremolanti illuminavano le bestie dipinte e le facevano sembrare muoversi, ondeggianti come animali che respiravano. La grotta si animò; il mondo degli spiriti divenne reale.

L'arte rupestre di questo stesso periodo nella storia umana è stata trovata in Africa, Sud America, Asia e Australia. "È molto importante", scrive l'archeologo Peter Bogucki, "che la spettacolare arte glaciale dell'Europa sudoccidentale non sia vista isolatamente, come una sorta di florescenza locale. Sebbene sia vivido nella raffigurazione degli animali, fa parte di un modello globale nell'espressione umana. "

Questa effusione di creatività verso la fine del Paleolitico (circa 30.000 anni fa) è talvolta chiamata "esplosione creativa", un periodo in cui gli esseri umani hanno fatto un balzo in avanti in un sofisticato pensiero simbolico. Ma, secondo gli articoli pubblicati questa estate sulla rivista Science, non è così facile.   Gli articoli della Scienza suggeriscono che compiti complessi, tra cui l'arte, sembrano essere emersi molto prima delle pitture rupestri del Paleolitico. I ricercatori indicano evidenze di arte dall'Africa, forse già 90.000 anni fa. Ma poi scompare dal   record archeologico, riemergendo sporadicamente fino a quando finalmente si radicano con le famose pitture rupestri.

Perché l'espressione artistica non si è incollata la prima volta che è emersa? Perché dovrebbe apparire un'abilità e poi scomparire per poi riaffiorare di nuovo? Secondo gli scienziati è una questione di numeri. Pensano che le prime popolazioni africane non fossero abbastanza grandi perché i processi simbolici venissero mantenuti culturalmente ed è per questo che si estinsero. Devi avere abbastanza membri di un gruppo che sanno come fare le cose, in particolare i comportamenti difficili, per farne parte dell'evoluzione culturale. Se solo pochi individui sanno come dipingere un rinoceronte, per esempio, non ci può essere nessuno che continui a dipingere i rinoceronti una volta che i pittori muoiono.

Ma pensateci, che chiunque dipingesse e scolpisca le immagini 90.000 anni fa, significa che i nostri antenati stavano pensando simbolicamente molto prima che qualcuno lo immaginasse. Siamo rimasti sintonizzati.

Solutions Collecting From Web of "Quanti umani ci vuole per fare arte?"