Quanti amici hai bisogno?

La rete – sia dal vivo che attraverso i social media – è oggi la rabbia. E i contatti di rete vengono spesso definiti "amici". Gli eventi di networking, i meetup e gli affari specializzati nella promozione di questi stanno crescendo a macchia d'olio. Le persone spesso si vantano di quanti "amici" possono avere nella loro rete reale o online. Suono e furia non significano niente, o vere connessioni umane che portano benefici?

La risposta potrebbe trovarsi nella ricerca di un antropologo e biologo evoluzionista Robin Dunbar.
La nostra capacità di gestire connessioni sociali complesse – amare vite, colleghi di lavoro, amici d'infanzia e conoscenti – spiega perché abbiamo un cervello così grande? La risposta è sì, secondo almeno un biologo evoluzionista, Robin Dunbar.

Dunbar, un antropologo britannico e biologo evoluzionista, sostenne nel 1998 che esiste un limite cognitivo al numero di relazioni che ogni primato può mantenere. Nel suo nuovo libro, Quanti amici ha bisogno di una persona, Dunbar sostiene che è possibile mantenere amicizia con 150 persone in qualsiasi momento, perché "questo limite è una funzione diretta della dimensione della neocorteccia, e questo a sua volta limita la dimensione del gruppo dove relazioni interpersonali stabili possono essere mantenute. "Dunbar dice che il suo numero di 150" si riferisce a quelle persone con le quali hai una relazione personalizzata, una che è reciproca e basata su obblighi generali di fiducia e reciprocità ".

Dunbar sostiene che il numero non è cambiato molto nel corso della storia e si applica allo stesso modo ai social media sul web nello stesso modo in cui lo fa nella vita reale. Si spinge perfino a dire che chiunque affermi di avere più di 150 vere amicizie è "sospetto", poiché la qualità delle relazioni si deteriora man mano che il gruppo sociale si espande.

Il circolo di 150 non è un gruppo sociale omogeneo, spiega Dunbar, ma piuttosto consiste di quattro strati chiamati Circles of Acquaintanceship, che si scontrano l'un l'altro per un fattore di tre (un nucleo interno di 5 intimi, e quindi strati successivi di 15, 50 e 150). Con ogni cerchio successivo, il numero di persone incluse aumenta ma diminuisce l'intimità emotiva.

Ciò che può influire sulle inclusioni o sull'esclusione nel gruppo dei 150 può essere il concetto di utilità. Mark Vernon, psicologo e autore di The Philosophy of Friendship, sostiene che a tutti piace essere utile ai propri amici, ma sentire che un amico ti sta usando è il primo segno del declino della relazione.

La ricerca di Dunbar potrebbe essere stata notata dai social media come Facebook. Secondo i dati ufficiali, il membro medio di Facebook ora ha circa 130 "amici".

Quindi le persone che affermano di avere una cerchia di centinaia di "amici" sia in diretta che online potrebbero fare l'affermazione che vola di fronte alla ricerca di Dunbar, o farlo per gonfiare il loro senso di importanza.

Solutions Collecting From Web of "Quanti amici hai bisogno?"