Quando vogliamo che le persone cambino

Recentemente ho sentito da uno dei miei amici la sfida di trattare con un quindicenne che usava le parolacce al ritmo di due frasi. La mia amica, chiamiamola Jenny, era molto addolorata per questo, e voleva il mio aiuto per capire come fermare questo comportamento.

Questo mi ha fatto pensare. Mi è stato subito chiaro che se lo stesso comportamento veniva dal suo partner, avrebbe risposto in modo diverso, e in modo ancora più diverso se si trattava di un vicino, un collaboratore, un supervisore o una persona dello staff che supervisiona. Ciò che varia, ho capito, è la natura della relazione, non l'effetto del comportamento stesso. In ogni tipo di relazione abbiamo qualche convinzione sul fatto che abbiamo o meno il "diritto" di aspettarci un cambio di comportamento dall'altra persona.

Jenny mi conosce bene, compreso cosa aspettarsi da me in termini di filosofia genitoriale, quindi sapevo che sarebbe stata aperta a sentire le mie idee molto radicali sulla genitorialità. Così ho condiviso con lei i miei ricordi, fin dall'inizio, di come volevo crescere i bambini che pensavo di avere (prima di decidere a 17 anni che avere figli non era per me). Sono stato sia benedetto che maledetto per avere ricordi vividi e acuti di com'era essere un bambino in un mondo di adulti. Ho pensato allora, e continuo a pensare ora, che nessuno chiede ai bambini se vogliono nascere o se vogliono vivere con i genitori molto particolari che hanno con le loro preferenze molto particolari. L'idea che i bambini "non avessero" qualcosa dai loro genitori non aveva mai avuto senso per me. Non da bambino e neanche da adulto. Eppure so che molti genitori hanno il senso della responsabilità e del diritto di influenzare il comportamento dei loro figli.

Cosa c'è di diverso tra i nostri partner e i nostri figli?

Quando Jenny e il suo compagno decidono di trasferirsi insieme, una parte di questo tipo di scelta comporta di solito un accordo (spero esplicito, di solito implicito) di buona volontà reciproca, una volontà basilare di considerare il benessere dell'altro e adattarsi di conseguenza. Se qualcosa che il suo partner fa non è per i gusti di Jenny, entrambi hanno un contesto per impegnarsi in un dialogo. All'interno di quel dialogo spero, sempre, che entrambi possano esaminare insieme cosa sta portando il partner al comportamento che a Jenny non piace, e cosa c'è dentro Jenny che risponde come fa lei. Insieme, possono quindi scegliere come procedere: il partner offrirà di cambiare il comportamento? Jenny offrirà supporto per questo? Jenny si offrirà di lavorare con la sua risposta e accettare l'atteggiamento del partner? Il partner offrirà supporto con questo? Finché sono insieme in questo processo, lo capiranno, perché hanno una responsabilità condivisa per il loro reciproco benessere. Questa è la natura di una relazione di lavoro tra i partner; proprio quell'impegno fondamentale per il benessere reciproco.

Con suo figlio, un tale accordo non avrebbe mai potuto essere garantito. Ogni tentativo di creare cambiamenti nel comportamento di un bambino, specialmente un adolescente che ha già le stesse dimensioni di lei, è molto probabile che sia vissuto come un'intrusione o un tentativo di controllo. I bambini, in generale, non si assumono mai l'impegno di sostenere il benessere dei loro genitori come parte della convivenza. Come esseri umani, in un modo del tutto simile agli adulti, i bambini sono naturalmente interessati al benessere dei loro genitori. Tuttavia, l'aspettativa fondamentale, che inizia presto, che un bambino è fare ciò che gli adulti dicono loro di fare, interferisce con il flusso naturale di generosità e cura. Dall'adolescenza, la combinazione dell'insistenza sull'indipendenza per quanto riguarda i bisogni emotivi e il contrasto dell'autonomia rispetto alle scelte di vita lascia ai bambini un accesso molto minore alla loro cura e generosità essenziali di quanto potrebbero altrimenti. Ecco perché ho suggerito a Jenny di adottare un atteggiamento di gentile esplorazione con il figlio piuttosto che un'aspettativa di cambiamento. Jenny potrebbe avvicinarsi a suo figlio e fargli sapere che questo comportamento è impegnativo per lei e che è molto aperta a lavorare sul suo fine di apprendimento per accettarlo. Quindi, una volta che sa che non sta per esercitare una pressione sottile o diretta su di lui sotto forma di punizione, ritiro della connessione o accesso ridotto alle risorse, può chiedergli se ha interesse a cambiare il comportamento per i suoi stessi motivi che ha a che fare con chi vuole essere. Lo stiramento spirituale arriva quando non esprime alcun interesse per il proprio comportamento nel cambiare il comportamento. Questo è abbastanza probabile, almeno le prime volte, se le interazioni precedenti sono state coercitive, anche se in modo subdolo. Conosco molto bene dalla memoria ciò che mi viene detto che posso fare tutto ciò che volevo e poi scoprire il silenzio e la rabbia quando ho fatto la scelta che chiaramente non è stata approvata. Jenny può fare questa forma di giustizia genitoriale solo se è veramente aperta a tendersi dalla sua parte per accettare le scelte di suo figlio.

Altri contesti

I bambini e i compagni di vita non sono le uniche persone che fanno cose che non ci piacciono. Da quando ho avuto quella conversazione con Jenny, ho pensato ai diversi contesti in cui ciò accade. La maggior parte della gente si dice, ad esempio, che "ha" da sopportare comportamenti spiacevoli da parte di un capo. Lo so, perché lavoro con le persone nelle organizzazioni e l'idea di offrire un feedback a un capo è completamente nuova per loro, persino spaventosa. Ho visto un io-mai-pensato-di-questa-come-una-opzione-sconcertata-e-non-penso-voglio-guardare anche i volti dei migliori dirigenti quando suggerisco loro di far sapere al loro capo delle loro sfide con il comportamento del capo. Viceversa, il personale è spesso nella stessa posizione dei bambini, in quanto i loro capi si aspettano che cambino comportamento solo perché non gli piace, se il comportamento è rilevante o meno per le responsabilità lavorative.

In altri tipi di relazioni, le persone prendono le distanze o addirittura escono da una relazione piuttosto che nominare un comportamento che non gli piace. L'impegno verso il benessere degli altri, o l'aspettativa di ciò, non è incorporato in molte delle nostre relazioni e, in sua assenza, generalmente lo riempiamo con la nostra convinzione che ne abbiamo il diritto nella particolare relazione, o che recediamo da esso quando non abbiamo una tale credenza e rimaniamo meno fortemente legati alla relazione.

Sto continuando a pensarci. So che non ho finito, perché le domande e le permutazioni rimangono molte. Sono particolarmente curioso di ascoltare l'esperienza degli altri in questo settore. Ricordo di aver ascoltato da Marshall Rosenberg le sue esperienze nel creare giochi di ruolo scritti immaginari durante i seminari sui genitori, uno con un vicino adulto e uno con il proprio figlio, sullo stesso comportamento indesiderato. Entrambi i dialoghi saranno pubblicati senza che la gente sappia chi era chi, e invariabilmente hanno tutti valutato il dialogo con un vicino immaginato come più amorevole di quello fatto con il bambino. Cosa succederebbe se facessimo un esercizio simile in molti tipi di relazioni? Cosa ci impedirebbe di essere pienamente amorevoli, aperti, flessibili e pronti a tenere i nostri e gli altri bisogni con cura in tutte le nostre relazioni?

Solutions Collecting From Web of "Quando vogliamo che le persone cambino"