Quando Vincere è Peanuts e Cracker Jacks

Domenica scorsa, ho portato mio figlio di tre anni in una partita dei Red Sox. Dato il suo fascino per i cappelli e le T-shirt Red Sox e per i giocatori di baseball in generale, ero certo che questa sarebbe stata una grande occasione per lui. Mentre salivamo sulla rampa e intravedevamo il campo verde perfettamente curato al Fenway Park, sentimmo: "Batting third, design hitter, David Ortiz" seguito dal ruggito della folla. Ho pensato a me stesso: "Wow, ricorderà questo giorno per il resto della sua vita".

Ma lui ha tre anni. Sapevo che non sarebbe stato in grado di seguire il gioco e tanto meno vederlo dai nostri posti nel campo giusto. Pensavo che potesse essere affascinato dai giocatori o forse vedere un vero baseball dal vivo. Ma a lui potrebbe interessare di meno. L'unica cosa che lo affascinava, oltre ai simpatici ragazzi più grandi seduti accanto a noi, e la musica erano le noccioline e i cracker che avevo comprato per lui. Era perfettamente felice facendo spuntini ma non impressionati da tutte le sfaccettature del gioco. E non aveva idea del punteggio.

Alcuni sostengono che quando i bambini raggiungono l'età di quattro o cinque anni, iniziano a diventare competitivi. Molti genitori riferiranno questo anche sui loro figli. Dicono che i loro figli piangono quando perdono e quindi devono davvero preoccuparsi di vincere e perdere. I ricercatori indicano che i bambini diventano consapevoli dei compiti competitivi all'età di quattro e cinque anni, ma i bambini capiscono davvero di vincere e perdere? Le lacrime dopo aver perso davvero sul gioco o su chi le sta guardando giocare? O forse questi bambini sono semplicemente frustrati nella loro spinta a imparare una nuova abilità.

Recentemente, stavo parlando con un allenatore che era un ex atleta del college. Mi ha raccontato una storia di come sia lui che la sua migliore amica credevano che le loro squadre a T fossero imbattute, nonostante giocassero in squadre diverse nello stesso campionato. Ma ai loro occhi, erano effettivamente imbattuti. Devono colpire la palla e correre alla prima base. Hanno celebrato i loro piccoli successi mentre sviluppavano un conforto nel gioco. Questo stava vincendo.

Quindi quando un bambino capisce veramente di cosa si tratta? Alcuni specialisti dello sport sostengono che i bambini non comprendono appieno il significato di vincere e perdere finché non raggiungono l'adolescenza quando sono capaci di pensare astrattamente. Se questo è vero, pensa a quanti bambini non sono adatti agli ambienti intensamente competitivi in ​​cui giocano.

Negli ultimi anni, i nuovi movimenti si sono sviluppati in tutto il paese dove non è stato mantenuto alcun punteggio, dove il tifo non è permesso. Ma il problema non è il punteggio, né il tifo o la competizione. Chiunque lavori con i bambini nello sport riconosce che, mentre la maggior parte dei bambini può mantenere il punteggio, l'esito del gioco è scomparso dalla loro mente poco dopo la fine del gioco. Dopo l'ultima uscita, le loro preoccupazioni si trovano nei piani con i loro amici e un viaggio al loro gelato preferito. Non così con gli adulti. L'esito del gioco spesso gioca con le nostre ambizioni e le paure sullo sviluppo dei nostri figli come atleti e persone felici. Vogliamo assicurarci che si sentano bene con se stessi e vincano nel processo. Per molti di noi è difficile concentrarsi sullo sviluppo delle abilità e sulla gioia del gioco quando i nostri figli perdono. Ogni partita è un passo avanti verso la creazione della squadra successiva, rafforzando l'autostima dei nostri figli e aumentando la probabilità che lo sport diventi un veicolo per l'accettazione universitaria lungo la strada.

Il problema risiede in noi e nella nostra cultura. Siamo influenzati dalla convinzione che dobbiamo iniziare presto e spesso con i nostri figli nello sport – dobbiamo spingerci e sfidarli. E nei nostri sforzi per fornire ciò che è meglio per i nostri figli, li impegniamo prematuramente in compiti eccessivamente competitivi e impegnativi che non si adattano alla loro predisposizione allo sviluppo per giocare e competere. Mi è stato ricordato questo fatto quando ho portato mio figlio al gioco. Senza dubbio, si è assolutamente divertito. Eppure, vincere non è stato il modo in cui i Red Sox hanno giocato o se ha visto Jason Varitek. Vincere riguardava le noccioline e i cracker e il tempo da solo con suo padre.

Solutions Collecting From Web of "Quando Vincere è Peanuts e Cracker Jacks"