Quando una relazione ti fa male

Twinsterphoto/Shutterstock
Fonte: Twinsterphoto / Shutterstock

Isolato. Degradato. Manipolato. Minacciata. Pedinato. E a volte soggetto a violenza fisica o sessuale. Non c'è da meravigliarsi se le relazioni di alcune persone li rendono malati.

Il controllo coercitivo è una strategia che alcune persone usano per dominare i loro partner intimi, soprattutto uomini su donne. Non è solo prepotenza; è il dominio. Col passare del tempo, le persone trattate in questo modo perdono la loro autonomia, autostima e senso di benessere. Tra gli atti diretti di controllo e forse la violenza, le persone in queste relazioni vivono nella paura di fare qualsiasi cosa che possa far arrabbiare i loro partner. Il disagio è in corso, anche durante i periodi che sembrano tranquilli. Inoltre, alcune persone che controllano deliberatamente indeboliscono i loro partner fisicamente, facendoli perdere il sonno, limitando il loro accesso al cibo e alle cure mediche, costringendoli ad avere gravidanze indesiderate, spingendoli a usare alcol o droghe, picchiandoli o aggredendoli sessualmente. In un caso recente, un uomo in Inghilterra è stato condannato per controllo coercitivo e violenza domestica: ha costretto sua moglie a correre su un tapis roulant e le ha impedito di mangiare qualcosa di diverso dalle barbabietole e dal tonno per settimane, tutto nel tentativo di farla sembrare "più calda".

Ecco alcuni esempi di come il controllo delle persone può interferire direttamente con la salute del partner o degli ex partner:

  • Il marito di Gita non l'avrebbe lasciata andare da nessuna parte senza essere accompagnata. Ha insistito per partecipare alle sue visite mediche, spiegando al personale della clinica che questo era "culturale".
  • Il ragazzo di Cindy ha insultato il suo aspetto ed ha eroso la sua autostima. Odiava che qualcuno la guardasse e riuscisse a malapena a vedersi allo specchio. Cindy sviluppò un disordine alimentare – abbuffarsi in segreto ma a malapena mangiare qualcosa intorno agli altri.
  • Il fidanzato di Sam lo ha trasformato in una vita eccitante di clubbing e droghe. Quando Sam si stancò delle ultime notti e disse che voleva andare al college, il suo ragazzo gli disse di scendere dal suo cavallo e insistette perché continuassero a usare la droga insieme.
  • La moglie di Shanique la fece annullare il suo appuntamento di consulenza, dicendo che era sleale per voler dire agli altri le loro questioni private.
  • Quando Grace ha partecipato a un controllo di routine, il suo fornitore ha notato che i suoi seni e le sue braccia erano ammaccati. Grace ha detto che il suo ragazzo lo ha fatto ed è stato "niente". Il fornitore era allarmato ma non sapeva cosa chiedere per determinare se Grace fosse al sicuro.
  • Dopo il divorzio, l'ex moglie di Tommy, Sandra, lo perseguitò. Lo chiamava a tutte le ore del giorno e della notte. È apparsa, non gradita, sul posto di lavoro e in luoghi che amava socializzare. Sembrava sapere dov'era in ogni momento. Temendo di aver installato un GPS sul suo computer o sui suoi telefoni, ne acquistò di nuovi. Sebbene l'ordine del tribunale fosse chiaro sulle visite, lei lo obbligò a tornare in tribunale ogni due mesi su questioni banali riguardanti i loro figli condivisi. Tommy ha sofferto di emicranie debilitanti, insonnia e problemi digestivi.
  • Il personale medico ha notato che Carmen doveva controllare con il suo fidanzato di tutto, quali esami potevano dare a lei, dove doveva prendere le sue prescrizioni, quali medicine avrebbe dovuto assumere e come referenze agli specialisti. L'hanno sentita spiegargli dal suo telefono dalla sala d'aspetto che era in ritardo dal dottore e che sarebbe tornata a casa presto. La videro scattare una foto della sala d'aspetto, come per provare la sua posizione.
  • Il marito di Janelle limitava severamente i suoi movimenti ma spesso usciva a tarda notte senza spiegazioni. Si rifiutò di lasciarle usare i contraccettivi e talvolta "ispezionò" la sua vagina, cercando "segni" che lei fosse infedele. Era sconvolta quando il suo medico le diagnosticò l'herpes e la sifilide, che suo marito aveva apparentemente contratto e dato a lei.
  • Tammy stava passando alla vita da donna, assumendo ormoni e impegnandosi in interventi chirurgici per rendere il suo aspetto più in linea con quello che sentiva dentro. Tammy dipendeva dal suo ragazzo per pagare i farmaci e le procedure. Occasionalmente nascondeva le medicine di Tammy come una "punizione" quando sentiva che Tammy non era stato sufficientemente sottomesso. Fermare gli ormoni dal tacchino freddo in questo modo ha fatto sentire Tammy malinconico e malato.

Le persone i cui partner li maltrattano vivono con ansia e paura quasi costante; questo causa anche cambiamenti fisici. Le vittime del controllo coercitivo sperimentano frequentemente problemi medici, inclusi problemi cardiaci; dolori alla testa, alla schiena e allo stomaco non specifici; e difficoltà a dormire e mangiare. I pazienti spesso non realizzano che la loro relazione è la causa dei loro disturbi. Essere controllati da un partner può anche contribuire a sintomi psicologici come depressione, ansia, abuso di sostanze e sentimenti suicidi. I fornitori a volte prescrivono farmaci, test e consulenze agli specialisti per un problema che ha radici nella relazione intima dei pazienti.

Liz Bannish, used with permission
Fonte: Liz Bannish, usato con permesso

Violenza fisica e controllo coercitivo si rafforzano a vicenda. Anche piccoli atti di violenza fisica rendono più facile controllare un partner e intensificare gli effetti di insulti e minacce. Allo stesso modo, le persone che si sentono intrappolate e isolate diventano più spaventate dai colpi fisici. L'abusante usa lo strumento che sembra avere più senso in un determinato momento, compresi gli atti d'amore, per rendere il partner più rispettoso.

"Sex on demand" è una regola comune nelle relazioni di controllo coercitivo. Una vittima che cerca di rifiutare il sesso può essere accusata di non amare un partner o tradire lui o lei, o può semplicemente essere spinto fino a che non cede. Se il partner usa la forza fisica per fare sesso anche una volta, la vittima sa che non ha una vera scelta.

La linea tra violenza e sicurezza può essere particolarmente sfocata durante il sesso. Se un violentatore insiste su attività sessuali che una donna dice di non volere, o la manipola sessualmente in un modo che ha detto che non vuole, o la fa ubriacare o troppo alta, così farà cose che non vuole fare, quindi lui la sta vittimizzando sessualmente. Una donna spesso darà al suo partner il beneficio del dubbio se si verificano atti dolorosi durante il sesso. Decide di definire le azioni come passione piuttosto che come violenza; questo le consente di evitare uno scontro rischioso.

Le persone che usano il controllo coercitivo contro i partner possono fare di tutto per sembrare affascinanti e utili per gli altri. La persona che viene controllata, nel frattempo, lotta per mantenere le apparenze, paura di parlare di ciò che sta realmente accadendo nella loro relazione. Anche le vittime tendono a incolpare se stesse: se solo potesse "essere migliore", pensa, forse il suo partner non la degraderebbe o la ferirebbe. Se tenta di porre fine alla relazione o richiede cambiamenti, le minacce aumentano.

Il controllo coercitivo può essere difficile da riconoscere. È importante fare un bilancio dei modi in cui si viene controllati. A volte chi abusa può cambiare; tuttavia, più comunemente, la presa di un molestatore si irrigidisce nel tempo e la persona che viene controllata diventa sempre meno libera. I sostenitori della violenza domestica aiutano le persone controllate a sviluppare piani di sicurezza, anche se non subiscono abusi fisici e scelgono di rimanere nella relazione. È fondamentale ricordare che è possibile il recupero fisico, psicologico e sociale. Le relazioni possono rendere le persone più forti e nessuno dovrebbe rimanere in una relazione che li rende malati.

  • Per informazioni sul controllo coercitivo nelle relazioni tra persone dello stesso sesso, clicca qui.
  • Coloro che desiderano sostenere che le donne hanno le stesse probabilità di abusare e controllare coercitivamente gli uomini sono invitati a leggere questo articolo: Stark, E. (2010). Agire violentemente equivale a un abuso? Risolvere il problema della parità di genere / dilemma di asimmetria. Ruoli sessuali, 62, 201-211.
  • Per ulteriori informazioni sul controllo coercitivo, consulta Catene invisibili: superare il controllo coercitivo nella tua relazione intima .

Solutions Collecting From Web of "Quando una relazione ti fa male"