Quando una femminista non è una femminista?

Sydney Opera House
Fonte: Teatro dell'Opera di Sydney

Sebbene questo post sia una risposta alla mia richiesta alle donne di contestare le narrative scientifiche di sinistra, le opinioni riflettono quelle di Paula Wright, l'autore. Posso essere d'accordo o in disaccordo con alcuni o con la maggior parte. I post degli ospiti precedenti in questa serie includono Sexism in Science and Feminism conservatore.

Questo post è un blog ospite di Paula Wright. Paula è una ricercatrice indipendente in studi di sesso e sesso basati sull'evidenza fondati su biologia evolutiva, psicologia, antropologia, ecologia. Per brevità, si riferisce a questo è studi di genere darwiniano. Ha lasciato la scuola a 16 anni con qualifiche zero e una raccomandazione dal suo consulente di carriera per ottenere un lavoro sul banco dei formaggi a Wal Mart. Dopo essere stata diagnosticata con la sindrome di Asperger da adulta, ha continuato a laurearsi e, a causa della mancanza di fondi, ha continuato la sua ricerca come studiosa indipendente. Di recente è coautore di due articoli pubblicati su The Journal of Evolutionary Behavioral Sciences e ha lavorato con Roy Baumeister. I mentori del passato includono Griet Vandermassen, Helena Cronin e Daniel Nettle. Le è stato offerto un posto in un programma post-laurea del 2016 alla Durham University nel Regno Unito.

Se desideri contribuire a questo fondo, vai qui.

Il suo blog è qui: https://porlawright.wordpress.com/ e puoi trovarla su Twitter a: @SexyIsntSexist

———————————–

Paula Wright

"Femminismo: la difesa dei diritti delle donne sulla base dell'uguaglianza dei sessi".

"Egualitarismo: la dottrina secondo cui tutte le persone sono uguali e meritano pari diritti e opportunità".

Le due citazioni sopra sono ricavate dal dizionario di Oxford. A prima vista, il femminismo e l'egualitarismo sembrano convergere. In effetti, non è raro che le femministe si appellino a questa definizione del dizionario ogni volta che vengono sfidate. Chiamerò questa difesa "persona ragionevole", ad esempio, quale persona ragionevole potrebbe non essere d'accordo? Essendo il punto, non possono. Non se vogliono rimanere ragionevoli agli occhi degli altri,

Ma allo stesso modo, quale persona ragionevole potrebbe non essere d'accordo con l'egualitarismo? Entrambi i locali sono altamente ragionevoli. Ma come numerosi studi e sondaggi hanno dimostrato, la maggioranza delle persone sostiene i valori egualitari ma non si identifica come femminista. [1] [2] [3] [4] Cosa sta succedendo? Queste persone sono confuse, ignoranti o entrambe ?!

Nessuno dei due.

Sembra che la maggioranza egualitaria non femminista (non anti-femminista) conosca o presagisca intuitivamente una differenza cruciale tra gli obiettivi dell'egualitarismo e del femminismo. Sfortunatamente, cercare le definizioni del dizionario non ci aiuta a capire quali siano queste differenze.

Una visita alla Stanford Encyclopedia of Philosophy ci fornisce una descrizione più dettagliata di entrambi i concetti. Il preambolo di apertura del capitolo egalitario [5] si integra perfettamente con la definizione del dizionario di cui sopra. Il capitolo femminista, tuttavia, si discosta rapidamente dalla definizione del dizionario, scappando in vari filoni in cui il tema chiave è il disaccordo interno al femminismo su ciò che è il femminismo. Ci vogliono poco più di 3000 parole prima che appaia il termine patriarcato, ma quando lo fa, non è né problematico né contestato.

"Il femminismo, come lotta per la liberazione, deve esistere separatamente e come parte della più ampia lotta per sradicare il dominio in tutte le sue forme. Dobbiamo capire che il dominio patriarcale condivide un fondamento ideologico con il razzismo e altre forme di oppressione di gruppo, e che non c'è speranza che possa essere sradicato mentre questi sistemi rimangono intatti. Questa conoscenza dovrebbe costantemente informare la direzione della teoria e della pratica femminista. (ganci 1989, 22) "[6]

Ecco il primo indizio di ciò che differenzia il femminismo dall'egualitarismo. Noterai che non c'è menzione dell'uguaglianza con i ganci; l'obiettivo è la "liberazione" dalla "dominazione patriarcale".

Chiedi a una femminista cosa significhi femminismo e probabilmente otterrai una delle due risposte. La difesa della "persona ragionevole" è una, mentre l'altra è quella che chiamerò "schivata atomistica". Ciò implica che la femminista afferma che il femminismo non è un movimento monolitico, i cui obiettivi sono troppo complessi da definire [7]. Questa posizione personifica il femminismo intersezionale. Nota come le descrizioni si contraddicono a vicenda. È facile perdersi in questo equivoco labirinto.

Quindi, piuttosto che cercare di discernere le differenze tra le fazioni femministe, ho chiesto cosa avevano in comune. I risultati ci aiutano a vedere la differenza tra egualitarismo e femminismo.

Nel 1963, la femminista liberale Betty Friedan pubblicò un libro su un "problema senza nome". Sette anni dopo, le femministe radicali lo chiamarono "patriarcato". Il patriarcato fu concepito come la struttura sottostante che facilitava l'oppressione degli uomini da parte delle donne; "Un sistema caratterizzato da potere, dominio, gerarchia e competizione, un sistema che [non poteva] essere riformato ma solo strappato radice e ramo." [8]

Questo momento ha segnato un cambiamento fondamentale nella strategia quando le femministe sono passate da una politica liberale di raggiungimento dell'eguaglianza attraverso la riforma, a una strategia radicale di tentativo di smantellare il patriarcato. In quel periodo, Friedan fu espulso senza cerimonie dall'organizzazione che aveva fondato perché non era abbastanza radicale [9]. Da quel momento, il patriarcato è rimasto centrale in tutte le successive ondate di femminismo. Mentre è vero che le diverse fazioni dei femminismi hanno concezioni leggermente diverse del patriarcato, concordano tutti su quanto segue:

Il patriarcato è un fenomeno socialmente costruito che applica nozioni di sesso e genere che equivalgono alla supremazia maschile e all'inferiorità femminile [10] [11].
Il patriarcato è il meccanismo con cui tutti gli uomini opprimono istituzionalmente tutte le donne [12].
Tutti i femminismi sono uniti nella lotta contro il patriarcato (se non altro) [13].

Ma cos'è il patriarcato? Esiste anche? C'è una mancanza di ricerca sulle premesse femministe che valorizza il pensiero critico rispetto alla teoria critica, sebbene questo stia iniziando a cambiare. [14] Sia l'esistenza che l'origine del patriarcato sono assunte dalle femministe piuttosto che esplorate, eppure la logica imperfetta e circolare delle tre premesse sopra rappresenta il fondamento ideologico di tutti i femminismi – dall'attivismo di "giustizia" radicale a quello intersezionale e sociale oggi.

Il concetto femminista di patriarcato è impreziosito dall'osservazione antropologica secondo cui in molte culture gli uomini sembrano detenere più "potere" sociale, economico e politico rispetto alle donne. Le femministe assumono che gli uomini comprendano potere e risorse per dominare le donne perché le odiano (misoginia). La mia ricerca suggerisce che il patriarcato è molto più complesso di quanto le femministe abbiano mai immaginato e che le donne abbiano altrettanta influenza nella struttura e nella manutenzione degli uomini. Come notato da Mary Wollstonecraft:

"Le signore non hanno paura di guidare nelle loro carrozze fino alle porte degli uomini astuti". [15]

Il patriarcato è un sistema che può opprimere e liberare, sia maschi che femmine. È il panorama della fitness umana.

Paula Wright
Fonte: Paula Wright

E qui si trova lo strofinamento per i femminismi di oggi. Uomini e donne eterosessuali sono attratti l'un l'altro proprio a causa dei loro tratti sessuali stereotipati. In realtà, non sono stereotipati, sono archetipici. Gli umani sono una specie sessualmente riproduttiva. Uomini e donne si sono formati l'un l'altro fisicamente e psicologicamente per milioni di anni attraverso il processo di selezione sessuale. A nostra volta, creiamo la cultura come il nostro panorama di fitness. C'è una semplice dinamica in questo: gli uomini vogliono potere e risorse perché le donne vogliono uomini dotati di potere e risorse.

Questo non perché le donne sono egoiste scavatrici d'oro o uomini esteti superficiali. Il dimorfismo sessuale e la divisione sessuale del lavoro non sono tirannia imposto patriarcamente. Sono una soluzione elegante e pragmatica per una specie che ha bambini inermi unicamente con un'infanzia senza precedenti. Questa dinamica tra i sessi, il lavoro di squadra e i forti legami di coppia, è uno dei fondamenti del nostro successo come specie. La sopravvivenza della prole è al centro di questo: se scegliamo di avere figli o meno. I sessi semplicemente non possono essere compresi se non alla luce l'uno dell'altro e la ragione per cui ci siamo evoluti per cooperare; prole. Continuerà a esserlo finché rimarremo umani.

L'eredità femminista del costruzionismo sociale e della teoria del patriarcato ha preso la capricciosa, deliziosa e, sì, a volte crudele battaglia dei sessi e l'ha trasformata in una guerra di logoramento. La logica circolare ha anche il femminismo che si divora dall'interno.

Lo scorso anno, una delle donne più iconiche del 20 ° secolo, la femminista e intellettuale radicale, Germaine Greer, è stata negata una piattaforma per parlare in un'università del Regno Unito. [16] Il suo crimine? Greer non rifiuta la biologia all'ingrosso e, mentre rispetta i diritti egualitari degli uomini che vogliono transitare, vivere e amare come donna, insiste che questo non li rende biologicamente donne; rimangono trans donne. Per questo è stata privata del diritto di parlare, insultato verbalmente e etichettato come un bigotto. La borghese, femminista socialista Laurie Penny è arrivata al punto di gettare Greer alla stessa luce delle persone che vogliono assassinare gli omosessuali.

Perché le donne dovrebbero pensare? Nel 2014 una donna transessuale negli Stati Uniti è stata insignita della "madre lavoratrice dell'anno", nonostante non abbia dato alla luce o prestato assistenza primaria ai suoi figli [17]. Quest'anno, nel 2016, Caitlyn Jenner, che da alcuni mesi vive da donna, sarà premiata come "donna dell'anno" davanti a innumerevoli donne di sostanza che hanno compiuto straordinari traguardi pur affrontando pressioni selettive effettive uniche per il loro biologico sesso. I trans-attivisti stanno facendo pressioni per un cambio di lingua da parte delle ostetriche per riferirsi a persone che partoriscono come "donne incinte" e non come donne [18]. In un momento in cui le persone discutono se una donna che beve lo strano bicchiere di vino in gravidanza sia un abuso di bambini, una donna trans ha assunto ormoni potenti (non costruiti socialmente) per stimolare l'allattamento [19]. Una discussione sul valore nutrizionale del latte si estende alla trans-madre che riferisce che il latte è denso e cremoso, il che sembra identificarlo come qualcosa di diverso dal latte materno umano, che è altamente diluito e povero di grassi.

Le femministe affermano spesso che viviamo in una cultura di stupro, anche se lo stupro e tutti i reati violenti in Occidente sono in costante declino e le statistiche sull'accusa di stupro sono allo stesso livello di altri reati superiori al 50% [20]. [21] Negli Stati Uniti c'è un movimento femminista nei campus universitari per abbassare la soglia delle prove nei processi per perseguire lo stupro. È stupefacente pensare che queste persone istruite abbiano dimenticato lezioni terribili nella memoria vivente; l'amaro raccolto di strani frutti appesi ai pioppi.

Restare a questo non è odio o fobia, ma sano scetticismo. Siamo tutti uguali davanti alla legge sotto egualitarismo. Questo non è il caso del femminismo. Mette l'ideologia davanti alle persone. I diritti e le scelte individuali sono "problematici" [22]. Donne come me che sottolineano le incoerenze logiche e la deriva totalitaria del femminismo sono etichettate anti-femministe e anti-donna; come se "femminista" e "donna" fossero sinonimi. Non lo sono. Le femministe sono identificate dalla loro politica, non dal loro sesso o genere. Non parlano per le donne o la maggioranza di egualitari nella società; parlano solo per se stessi. La definizione del dizionario del femminismo ha un serio bisogno di una riscrittura.

La ricerca egualitaria per l'uguaglianza è tangente al femminismo. Quindi … quale sei?

[1] http://www.huffingtonpost.com/2015/04/10/feminism-reproductive-rights-la…

[2] http://www.huffingtonpost.com/2013/04/16/feminism-poll_n_3094917.html

[3] https://www.psychologytoday.com/blog/evolutionary-entertainment/201205/g…

[4] https://www.google.co.uk/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&es_t…

[5] http://plato.stanford.edu/entries/egalitarianism/

[6] http://plato.stanford.edu/entries/feminism-topics/

[7] https://archive.is/Dv71r

[8] Tong, R. (1989). Pensiero femminista: un'introduzione più completa. Boulder, CO: Westview Press.

[9] http://connection.ebscohost.com/c/articles/16142596/the-lavender-menace-…

[10] de Beauvoir, S. (1949/1986). Il secondo sesso New York, NY: Penguin Books.

[11] Cudd, A., & Holstrom, N. (2011). Capitalismo, per contro: un dibattito femminista. Cambridge, Inghilterra: Cambridge University Press.

[12] Gamble, Sarah (a cura di). The Routledge Companion to Feminism and Postfemnism. Routledge: 2001

[13] Gamble, Sarah (a cura di). The Routledge Companion to Feminism and Postfemnism. Routledge: 2001

[14] http://psycnet.apa.org/index.cfm?fa=search.displayrecord&uid=2014-01529-004

[15] Mary Wollstonecraft. Una rivendicazione dei diritti delle donne. 1792.

[16] http://www.abc.net.au/news/2015-10-27/lehmann-greer-and-the-no-platformi…

[17] http://www.huffingtonpost.com/meghan-stabler/transgender-mother-responds…

[18] http://www.breitbart.com/london/2015/09/29/transphobic-midwives-must-say…

[19] https://archive.is/oEfQg

[20] http://www.theguardian.com/society/2010/mar/15/stern-review-rape-less-fo…

[21] http://straightstatistics.fullfact.org/article/how-panic-over-rape-was-o…

[22] http://feministing.com/2015/05/07/choice-feminism-time-to-choose-another…

Solutions Collecting From Web of "Quando una femminista non è una femminista?"