Quando un manager diventa un leader

Steve Keating, used with permission
Fonte: Steve Keating, usato con permesso

La transizione da Manager a Leader

Come si fa a passare in modo efficace dall'operare come manager a servire come leader? Per aiutare a rispondere a questa domanda, ho avuto l'immenso onore di parlare con un iconico dirigente e esperto di sviluppo delle vendite, Steve Keating, che è umile quanto saggio. Steve attualmente è Senior Manager delle vendite e dello sviluppo della leadership per The Toro Company. Con oltre 31 anni di esperienza nella gestione delle vendite e delle vendite, ha stabilito un modo chiaro per insegnare agli altri la differenza tra leader e gestione. Condivido alcune pepite d'oro dalla nostra intervista di seguito.

Una promozione non ti rende un leader

Steve avverte i nuovi leader di non presumere che un "titolo o posizione ti renderà un leader". Piuttosto, ricorda che la "promozione ti dà solo l'opportunità di guadagnarti il ​​diritto di guidare", dice Steve. I nuovi leader devono veramente distinguere tra cosa significa gestire e cosa significa condurre.

"La leadership riguarda le persone ", dice Steve. Considera un'attività o un'attività. "Se lo fai per il tuo business , questa è la gestione. Se è per il bene del tuo popolo , questa è la leadership. "

Steve sottolinea ulteriormente l'importanza di sviluppare una "cultura della cura" all'interno della tua squadra. "Se non ti importa delle persone, non puoi guidarle", spiega. Questa connessione emotiva presenta una vittoria per entrambe le parti. Dopotutto, quando mostri ai membri del tuo team che tieni a loro, allora loro, a loro volta, si impegnano a te emotivamente.

È questa connessione emotiva che crea forza e unità all'interno del setting della squadra. Ricorda che la lealtà oscilla in entrambe le direzioni, quindi un leader non dovrebbe mai pensare di poter contare sul rispetto. Piuttosto, deve guadagnarselo.

Questo non vuol dire che non ci sia spazio per (e una necessità per) manager puri, che si concentrano esclusivamente sull'attività anziché sulle persone. Ma, affinché una persona possa davvero fare il salto dalla dirigenza alla leadership, Steve insiste che deve concentrarsi e investire tempo nella sua gente.

Una mentalità Leadership

Come leader, "non stai usando le persone solo per migliorare la tua vita o la tua posizione. Li stai aiutando a migliorare loro stessi ", condivide Steve. Questo focus sul successo di un'altra persona è enorme. In effetti, i migliori leader sono il più grande orgoglio quando i loro seguaci ottengono più di quanto non abbiano mai fatto personalmente.

Quando un comandante deve guidare un amico

Un problema affrontato da molti nuovi leader è quando devono guidare i loro colleghi o amici. Non è raro che qualcuno lavori con gli individui un giorno e poi, in un batter d'occhio, si occupi di loro il prossimo. Quando i compagni diventano subordinati, può essere abbastanza appiccicoso! Questo è successo a Steve all'inizio della sua carriera, e il suo capo gli ha dato alcuni consigli di fatto. "Il mio capo ha detto: 'Non puoi più essere più amico di loro'", ricorda Steve. Dopotutto, è difficile condurre qualcuno che può aspettarsi un trattamento speciale o addirittura sentirsi geloso perché hai ottenuto la promozione invece di lui.

Steve ha appreso attraverso l'esperienza, tuttavia, che "puoi essere amici, ma è a un livello diverso." Pianifica il modo in cui avrai questa difficile conversazione con il tuo collega-diventato-subordinato. Sii compassionevole e diretto. I nuovi leader devono stabilire alcune regole di base. Steve suggerisce di dire qualcosa del tipo: "Non significa che sono cambiato. È solo che il mio ruolo qui è cambiato. "

E se tu sei Colui che è geloso?

E se tu fossi la persona in lizza per la posizione che alla fine il tuo amico ha ottenuto? Steve ha alcune parole salate anche per te! "Non fissare un obiettivo per dire: 'Voglio il lavoro del mio capo'". Piuttosto, è il tuo obiettivo essere il miglior candidato per quella particolare posizione. Se non ottieni questo ruolo, "sii brutalmente onesto e guardati allo specchio. Prendi trenta giorni e guarda davvero la persona che ha ottenuto la promozione che credi che avresti dovuto avere. Davvero sii onesto con te stesso e vedi quali abilità ha quella persona che potresti essere carente ", consiglia Steve. Quindi, considera quali passi potresti intraprendere per "colmare queste lacune". Forse dovresti affinare un'abilità o fare un workshop. Anche considerare di lavorare con un mentore. O forse puoi fare un passo indietro e rendersi conto che l'organizzazione non è il posto giusto per te.

L'introspezione è la chiave per la crescita personale. Questo è vero nella vita e al lavoro! Steve apre la strada e mi ispira a continuare a crescere come leader. Spero che le sue parole di saggezza abbiano fatto lo stesso anche per te! Grazie mille, Steve, per un'intervista fantastica!

Vuoi saperne di più su Steve Keating? Seguilo su Twitter, LinkedIn e leggi il suo blog personale (http://stevekeating.me).

Vuoi saperne di più su come gestire le persone difficili sul posto di lavoro? Seguimi su Twitter, LinkedIn, YouTube e Facebook. Leggi il mio libro Working with Difficult People o visita www.amycooperhakim.com.

Solutions Collecting From Web of "Quando un manager diventa un leader"