Quando un fratello germano muore per suicidio

Clair Graubner and Clair Graubner at flicker, Creative Commons
Fonte: Clair Graubner e Clair Graubner allo sfarfallio, Creative Commons

"Fin da quando riesco a ricordare, Michael è sempre stato bravo a essere sciocco. Potrebbe farmi ridere più forte di chiunque altro. Era molto creativo e ha sempre avuto un buon orecchio per la musica. "

In un'intervista con il rapporto Trauma e salute mentale, Samantha (i nomi sono cambiati per anonimato) ha condiviso la sua esperienza vivendo attraverso il suicidio di suo fratello maggiore, Michael, quando aveva 16 anni.

La battaglia di Michael con la malattia mentale è iniziata da adolescente. Ha lottato con bassa autostima e depressione clinica e, di conseguenza, auto-medicato.

"Dopo il divorzio dei miei genitori, la sua salute mentale ha preso una brutta piega. Si faceva sempre lapidare ed era generalmente depresso … Dopo aver preso LSD con il suo amico, non era mai stato lo stesso. Era in uno stato psicotico e suicida della droga, quindi i miei genitori lo portarono in un ospedale psichiatrico una notte … Rimase in ospedale per una settimana, e fu trasferito in un centro di riabilitazione per imparare le abilità di coping per diventare meno dipendente dalla marijuana . Era in un posto estremamente buio durante il suo soggiorno lì, e tornò a casa a settembre per iniziare la scuola. Si è suicidato il 15 ottobre 2007. "

L'esperienza di Samantha non è rara. Il suicidio è la seconda causa di morte per i giovani tra i 15 ei 34 anni. E, secondo un rapporto pubblicato dall'Istituto nazionale di salute mentale, la depressione e l'abuso di sostanze (spesso in combinazione con altri disturbi mentali) sono fattori di rischio comuni per il suicidio .

"Le parole non potrebbero mai esprimere ciò che ho provato quando l'ho scoperto. Sono caduto a terra in isterismi assoluti. È un ricordo fuori dal corpo per me … passare dall'avere un fratello maggiore e avere visioni del nostro futuro insieme, per poi in un secondo avere tutto ciò che è stato portato via da te. "

Anche Samantha ha sperimentato pensieri dissociativi dopo il suicidio di suo fratello.

"Ricordo di aver pensato che forse eravamo" punk "e che questo faceva parte di un esperimento sociale contorto per mostrare gli effetti devastanti che il suicidio ha su una famiglia. Probabilmente è durato circa un anno per proteggere il mio cervello dal sentirmi troppo profondamente e per aiutarmi a concentrarmi su altre cose, come andare all'università ".

Samantha iniziò ad usare regolarmente marijuana e alcol per intorpidire sentimenti di rabbia e perdita. La sua transizione al college era impegnativa: aveva difficoltà a bilanciare il lavoro scolastico con le feste e spesso si sentiva isolata.

"Mi sentivo come se non potessi relazionarmi con la maggior parte dei miei coetanei ed ero estremamente solo. Mi stavo sempre alzando da solo e riflettendo sul passato. Mentre tutto questo succedeva, mio ​​papà si era risposato e aveva un bambino durante il mio primo anno di college. È stato davvero difficile per me vederlo iniziare una nuova famiglia mentre stavo ancora soffrendo per la perdita della nostra vecchia famiglia ".

La decisione di Samantha di auto-medicare per affrontare il suo dolore irrisolto è comune tra gli adolescenti che mancano di un forte sostegno sociale.

"Penso a Michael ogni giorno … ma finalmente ho le relazioni e l'ambiente di vita per scavare in profondità e elaborare ciò che ho passato. Anche lo yoga e la meditazione hanno avuto un ruolo importante nel mio processo di guarigione, così come il ballo hula hoop ".

In effetti, lo yoga e la meditazione possono aiutare il processo di guarigione. La ricerca del professore di psicologia Stefan Hofmann e colleghi della Boston University descrive i benefici della meditazione di consapevolezza per i sintomi dell'ansia e dell'umore. Nella loro meta-analisi di 39 studi di ricerca, gli individui che praticavano la meditazione della consapevolezza sperimentarono una riduzione dell'ansia, del dolore e dei sintomi depressivi.

Ognuno si addolora a modo suo e andare avanti non deve significare lasciare indietro la memoria della persona amata. Per quanto riguarda Samantha: "Michael continua a vivere con tutti quelli che lo conoscevano".

-Lauren Goldberg, autore collaboratore, rapporto traumi e salute mentale.

-Editor dei bambini: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report.

Copyright Robert T. Muller.

Solutions Collecting From Web of "Quando un fratello germano muore per suicidio"