Quando tuo figlio si comporta male: è ora di invitare una fusione?

Un bambino che agisce ha bisogno di una connessione per aiutarla a svuotare il suo zaino emotivo.

“Dr. Laura … Hai scritto: “A volte i bambini devono solo piangere … Fissare un limite ragionevole e dare il benvenuto alla sua fusione”. Stai dicendo che dovrei semplicemente dire di no e lasciare piangere mio figlio, e le cose andranno meglio? Questo è quello che hanno fatto i miei genitori, e ho passato ore nella mia stanza a piangere. Non è stato bello per me, e mi ha fatto arrabbiare così tanto con loro. “- Shelly

Shelly è un buon punto. Per essere sicuri, a volte tutti abbiamo bisogno di un buon pianto. E i bambini, con la loro immatura corteccia frontale, hanno bisogno di piangere più spesso degli adulti, per guarire tutti quei sentimenti che li stanno facendo agire. Ma è guarigione solo se hanno un testimone compassionevole, il rifugio sicuro di un genitore. Lasciare piangere il tuo bambino da solo la traumatizza e le dà il messaggio che è tutta sola con quei sentimenti spaventosi, proprio quando lei ha più bisogno di noi.

Quindi, quando un bambino recita, ricorda che sta “recitando” sentimenti che non può esprimere verbalmente. Questo è un segnale che lei ha uno zaino pieno di emozioni che ha bisogno di essere svuotato. Ha solo bisogno che tu ti connetta con lei per farla sentire al sicuro.

Come? Convochi tutta la tua compassione e stabilisci un limite ragionevole, gentile, per dare al tuo bambino qualcosa contro cui scagliarsi. Come fai a sapere quando farlo?

Ogni volta che tuo figlio ti guarda e infrange le regole. (Sta cercando di iniziare una lotta con te invece di sentire tutti quei turbamenti dentro di lui.)

Ogni volta che tuo figlio è estremamente esigente, rigido e impossibile da soddisfare.

Quando tuo figlio sta rendendo te o gli altri infelici, è una bandiera rossa che è infelice dentro e ha bisogno del tuo aiuto per i suoi grandi sentimenti. Questo è il tuo suggerimento per intervenire. Sta segnalando che ha bisogno di te per tenerlo emotivamente, e forse letteralmente. E continuerà a recitare finché non lo aiuterai.

Se punisci tuo figlio per comportamento anomalo, non la aiuti a imparare a gestire le emozioni che stanno alimentando il suo comportamento scorretto. Anche le punizioni “lievi” come i timeout la isolano e la disconnettono da te proprio quando lei ha più bisogno di te. Ma ciò non significa che non imposti limiti come necessario. Di fatto, un limite fissato empaticamente per cui si sente al sicuro, potrebbe essere proprio ciò di cui ha bisogno per innescare il rilascio dei suoi sentimenti sconvolti. Piangere nella sicurezza della tua presenza amorevole riporta il tuo bambino a uno stato di benessere e connessione. Una volta che si sentirà di nuovo bene, “agirà bene”, perché i nostri figli vogliono naturalmente connettersi felicemente con gli adulti che amano.

Come imponi limiti che aiutano tuo figlio?

1. Sii gentile ma fermo. “I giocattoli non sono per il lancio.” Di solito, dovrai intervenire fisicamente per far rispettare il limite, perché i bambini in uno stato turbato non possono controllarsi. Il tuo bambino ha bisogno di sapere che è un limite fisso. Se ti sente sconcertante, continuerà a lottare per cambiare il limite piuttosto che addolorarsi e andare avanti.

2. Connettiti ed entra in empatia. “Sei pazzo di aver detto che è ora di andare a letto … È difficile smettere di giocare.” Sentirsi capito disinnesca l’energia arrabbiata e mette il bambino in contatto con i sentimenti più vulnerabili che si nascondono dietro la rabbia: tristezza, dolore, paura, delusione, impotenza . Se si imposta duramente il limite, il bambino rimane semplicemente nella rabbia e non può raggiungere quei sentimenti di fondo che ha bisogno di emergere.

3. Accogli le lacrime. Invece di spegnere le emozioni di tuo figlio, accogliilo. Ricorda che stai aiutando il tuo bambino a guarire. Una volta che si sente abbastanza al sicuro da accettare le sue emozioni e lasciarle muoversi attraverso di lei, inizieranno ad evaporare. È la tua presenza amorevole e attenta che le permette di provare tutte queste emozioni spaventose e di superarle. Prendila se ti lascia, ma se è troppo arrabbiata, resta vicino. Sii la sua testimone. Non dire abbastanza per impegnarsi; solo rassicurare: “Ti amo … Sei al sicuro … A volte tutti si arrabbiano … È bello far uscire tutti i tuoi matti e le tue tristi … Sono qui con un grande abbraccio quando sei pronto.”

4. Ricorda che reagire in modo eccessivo è il suo modo di lavorare attraverso le ferite del passato. Hai dato al tuo bambino un enorme dono: l’accesso ai sentimenti che lo facevano recitare. Potresti pensare che stia reagendo in modo eccessivo, ma si tratta di vecchie ferite, non della situazione attuale. Chissà che cosa ha ferito e che ha bisogno di togliersi dal petto?

5. Se rimane bloccata dalla rabbia, crea più sicurezza. La rabbia inizia a dissolversi solo quando si sente sentire, quindi inizia riconoscendo:

  • “Devi essere così arrabbiato per questo.”
  • “Sto ascoltando. Dimmi di più.”
  • “Mi dispiace che sia così difficile.”
  • “Non ho capito quanto fosse importante per te.”
  • “Non mi meraviglia che tu sia arrabbiato.”
  • “Sembra che tu pensi … .. Deve essere così doloroso per te … Mi dispiace tanto se ho contribuito a pensarlo.”
  • “Ho sentito quanto sei arrabbiato. Devi essere stato così ferito (o spaventato) quando … Mi dispiace tanto che … “

Dietro la rabbia, c’è sempre paura e dolore. Se il tuo bambino sta urlando, vedi se puoi aiutarla a sentirsi più al sicuro in modo da poter arrivare al più profondo turbamento che sta alimentando la sua rabbia. Lo fai ammorbidendo te stesso in modo da poter offrire ancora più compassione.

Hai notato cosa c’è di difficile in questo? Quando il tuo bambino è arrabbiato, è naturale sentirti spaventato o arrabbiato da solo. Ma tuo figlio capta quei sentimenti e rimane bloccato dalla rabbia. Se riesci a rallentare la respirazione e ricorda che non è un’emergenza, tuo figlio si sentirà abbastanza al sicuro da lasciar andare la rabbia e sentire i turbamenti che lo stanno guidando.

6. E se non riuscisse a piangere? Quando lo zaino emozionale si svuota e tutte quelle emozioni si gonfiano per farsi sentire, è probabile che il bambino resista. C’è una ragione per cui quei sentimenti si sono riempiti per cominciare – fanno male! Quindi i bambini spesso cercano di difendersi contro di loro scagliandosi. Se fai un respiro profondo e stai compassionevole, le lacrime non saranno molto indietro. Basta comunicare sicurezza e amore: “Mi dispiace che sia così difficile … Sono qui … Sei al sicuro.”

7. Se fugge, resta il più vicino possibile. Se ti urla di andartene, di ‘ “Ti sento … tornerò qui … Non ti lascerò solo con questi sentimenti spaventosi … Sono qui con un abbraccio quando sei pronto.” Don essere in faccia, ma stare abbastanza vicino per la vostra presenza per rassicurare. Più tardi, i bambini di solito dicono che non volevano che andassimo, anche quando urlavano di odiare il genitore. Se il tuo bambino cerca di distrarsi (chiede di nutrire, o di trovare papà, o di guardare la TV) dì semplicemente: “Possiamo farlo presto, ma prima ci sederemo qui per alcuni minuti … Mi dispiace che sia difficile … Sarà sentirsi meglio presto, lo prometto. Sei al sicuro … Sono qui. “

8. Riconnetti. Dopo che i bambini si sono sciolti, sono pronti a riconnettersi con te. Non insistere sul fatto che parlano delle loro emozioni. Probabilmente non sanno perché erano così arrabbiati e sentirsi analizzati li farà sentire meno sicuri di aver fiducia nelle loro vite interiori. Basta prenderlo in braccio, abbracciarlo, dirgli che ha fatto un duro lavoro, e rassicurarlo che tutti hanno bisogno di piangere a volte e che tu lo ami, non importa quale.

Vedrai che dopo un buon pianto tuo figlio è più felice, più affettuoso, più collaborativo. Era così difficile tenere tutte quelle emozioni imbottite. Ciò renderebbe chiunque nervoso! (Molti di noi possono pensare ai momenti in cui ci siamo sentiti molto meglio dopo un buon pianto e una profonda comprensione da parte di qualcuno che amiamo).

Questo “manipola” il bambino a piangere? No. Quelle lacrime e paure stavano già esplodendo per essere guarite e sarebbero esplose presto, probabilmente in un momento in cui cercavi di far passare tuo figlio nel programma e non riusciva a trovare il tempo per un crollo. Hai fatto in modo che tuo figlio ricevesse ciò di cui aveva bisogno:

  • Accettare le emozioni invece di distrarre o punire.
  • Fare spazio a tuo figlio per mostrarti quelle lacrime e paure in un momento in cui potresti davvero prestare attenzione amorevole.

Dovresti sempre impostare dei limiti quando i bambini ti danno problemi? No.

  • Assicurati che ciò che stai chiedendo sia appropriato per l’età. Non si può chiedere a un bambino di due anni di sedere tranquillamente in un ristorante in nome del fissare dei limiti; è meglio solo per rimuoverla.
  • Assicurati di non creare la situazione con la tua impazienza. I bambini sono estremamente sensibili alle disconnessioni da noi e rispondono sempre recitando; in questi casi, un grande abbraccio è la prima cosa da provare per ripristinare la sanità mentale di tutti.
  • Offrire aiuto. A volte tuo figlio può rimettersi in sesto se tu offri solo assistenza con qualsiasi cosa lo stia frustrando.

Ma se hai fatto tutto questo e il tuo bambino sembra ancora vittima di problemi, sta chiedendo il tuo aiuto. Dagli il cielo della tua amorevole attenzione e riavrai il tuo piccolo angelo.

  • 10 modi per esprimere amore
  • Qual è il tuo peso sano? Come sapere e come raggiungerlo
  • Il motivo semplice per cui alcuni dei tuoi piani funzionano e altri si ritorcono contro
  • Coltivando SI: 6 strategie che possono ottimizzare il tuo successo
  • Il disordine è un problema di relazione
  • Vogliamo accettare i nostri sentimenti, ma come possiamo farlo?
  • Il Protocollo del Perdono: Come scusarsi quando hai ferito o danneggiato un altro
  • Comprendere le dinamiche del workaholism
  • Tolleranza zero per il ritardo
  • Samwise, Robin, Donkey e Watson: Why We Love Sidekicks
  • 5 segni che cercano aiuto possono aiutarti
  • Piangere una giovane vita
  • Black Sabbath afferma che "Dio è morto"
  • Dietro la maschera aziendale è un leader traumatizzato
  • La lotta per essere umani
  • Non reprimiamo i ricordi dolorosi dell'infanzia
  • "Io" nel mondo dei sogni
  • Il potere delle storie per guarire o danneggiare
  • Poliziotti che aiutano i poliziotti
  • Perché amiamo odiare i politici
  • Perché la tua cura di sé non funziona
  • Forse è solo che non è in nessuno
  • Pregiudizi, abusi sessuali e disturbi alimentari
  • Una chiamata di risveglio per le future mamme: nuovi risultati sullo stress della gravidanza
  • Il suicidio di un pilota sollecita un appello al senso comune
  • Lacrime di dolore e lacrime di gioia
  • Educazione della famiglia
  • Parole dell'anno
  • Il miracolo della gratitudine
  • 52 modi per mostrare Ti amo proteggere
  • Sei "In-Group" o "Out-Group"?
  • Sono deluso, ma ti amo
  • Guarda un'abitudine per rompere un'abitudine
  • Perché le regole ei confini contano nelle relazioni romantiche
  • Ansia e vergogna: una lezione di coraggio
  • 9 suggerimenti provati per parlare in pubblico che puoi usare ora