Quando Survival non è in gioco: il mistero del disturbo di panico

Il disturbo di panico è e può essere invalidante, ma il trattamento è abbastanza efficace.

Canstock photo/Pinkbadger

Fonte: foto Canstock / Pinkbadger

Immagina di attraversare una strada e sei quasi investito da un enorme camion Mack.

Ti butti fuori strada. Il tuo cuore batte e batte forte, stai sudando, tremando, iperventilando e senza fiato. Senti una fossa allo stomaco, nausea, soffocamento e oppressione al petto. Le dita delle mani e dei piedi si stanno formando. Il mondo diventa grigio. Ci sono punti davanti ai tuoi occhi, come quelli che hai avuto quando ti alzi all’improvviso e ti senti svenire. Al di là di queste sensazioni fisiche, emotivamente senti un terribile senso di paura e paura.

Reazione normale, giusto? Sicuro. Dopotutto, sei stato quasi investito da un camion.

Questo è un tipico esempio della risposta “lotta o fuga” – la reazione fisica che tutti conosciamo bene in situazioni di vita o di morte. Caratterizza anche la risposta alla paura quando siamo in grave pericolo. Le nostre ghiandole surrenali, il sistema ormonale, il sistema cardiovascolare e il cervello sono in uno stato di preparazione per la sopravvivenza.

Ma ci sono momenti in cui questo tipo di reazione può essere un problema. In caso di disturbo di panico, non c’è un camion.

Che cosa fisicamente si verifica quando si sperimenta un attacco di panico?

Immagina di avere queste intense reazioni fisiche e sentimenti di morte imminente senza alcun innesco apparente. Sarebbe comprensibile se tu fossi in un incidente d’auto, o aggredito, o un soldato in guerra. In queste situazioni, le risposte fisiologiche e psicologiche sono adattive.

Tuttavia, è ancora più terrificante quando si verifica questa esperienza senza alcuna minaccia visibile. Molti si preoccupano di morire o avere un infarto. Altri pensano che stiano “impazzendo”. La reazione emotiva è travolgente. E altrettanto male, le manifestazioni fisiche sono orribili. Per circa 20-30 minuti il ​​tuo corpo è fuori controllo e non puoi fermarlo.

Questa situazione descrive un tipico attacco di panico. E sulla scia di un evento così monumentale, molti vanno al pronto soccorso per una valutazione. È poca consolazione quando il medico dice: “Ho buone notizie. Tutti i tuoi test sono negativi. È solo un attacco di panico. ”

Solo un attacco di panico?

Ma cosa succede se succede di nuovo? Cosa succede se guido? O se sono in una situazione sociale, e tutti mi vedono e pensano che sono pazzo? Cosa poi?

Di nuovo, queste sono domande normali e fanno anche parte del quadro più ampio del disturbo di panico.

Il disturbo di panico è definito da quattro o più sintomi elencati di seguito, che si verificano spontaneamente e periodicamente (puoi leggere di più nella DSM Library).

  1. Palpitazioni, battito cardiaco o battito cardiaco accelerato
  2. Sudorazione
  3. Tremante o tremante
  4. Mancanza di respiro o sensazione di soffocamento
  5. Sentimenti di soffocamento
  6. Dolore al petto o disagio
  7. Nausea o dolore addominale
  8. Vertigini, testa leggera o sensazione di svenimento
  9. Brividi o sensazioni di calore
  10. Sensazioni di intorpidimento o formicolio
  11. Sentimenti di irrealtà o distacco da se stessi
  12. Paura di perdere il controllo o “impazzire”
  13. Paura di morire

Le persone con disturbo di panico hanno anche le tipiche preoccupazioni per altre malattie fisiche o imbarazzo pubblico.

Quali sono le altre caratteristiche degli attacchi di panico?

Ci sono altre caratteristiche comuni associate agli attacchi di panico. Mentre possono verificarsi spontaneamente e improvvisamente, possono verificarsi in luoghi che sono abbastanza familiari, come quello che è recentemente accaduto a Kevin Love sul campo da basket. Possono anche verificarsi in altri luoghi comuni, come automobili, barche, treni e aerei; in supermercati o spazi aperti; guidare su ponti; negli ascensori. Per i bambini, possono accadere quando vanno a scuola.

Uno dei problemi che si verificano quando gli attacchi di panico colpiscono è che vengono associati al luogo o alla situazione in cui si verificano. Allora quei posti tendono ad essere evitati. Avvicinandoli o anche pensandoci su loro può portare “ansia anticipatoria”, la paura che possano innescare un attacco di panico. A volte questa anticipazione è così potente che la profezia diventa auto-appagante, e abbastanza sicuro, uno è inciampato in un attacco di panico. Quindi il posto viene evitato ancora più assiduamente.

Viene creato uno “stimolo fobico” e affrontarlo diventa una nuova sfida. Spesso un individuo si sente limitato in molti modi. L’ultima restrizione è l’agorafobia, o la paura di spazi aperti, e la casa diventa l’unico posto sicuro. Il lavoro e la vita sociale soffrono.

Gli attacchi di panico tendono a scappare nelle famiglie e sono associati all’ansia della separazione nell’infanzia e ad altri disturbi d’ansia. Sono spesso associati anche a disturbi dell’umore. Possono iniziare nell’infanzia, ma in genere iniziano nella tarda adolescenza o nella giovane età adulta.

È importante avere un esame medico completo poiché quello che può sembrare un disturbo di panico può (raramente) essere una malattia medica, come la tiroide o altre malattie ormonali, disturbi cardiaci, convulsioni o altre malattie che si presentano come disturbo di panico.

Le notizie buone e cattive sul disturbo di panico

La cattiva notizia sul disturbo di panico è che, se non trattata, può essere devastante per la scuola, il lavoro o la vita sociale. Alcuni potrebbero rivolgersi all’alcol per ottenere sollievo. È interessante notare che, mentre l’alcol può essere un efficace agente anti-ansia, è una breve azione e può effettivamente causare un “rimbalzo”. È come spingere giù il trampolino, e poi quando l’alcol svanisce, l’ansia e il panico peggiorano, solo per ispirare potabile.

Anche se il disturbo di panico non trattato è potenzialmente disabilitante, la buona notizia è che ha un alto tasso di trattamento efficace.

Ecco alcuni modi per aiutare il tuo bambino con disturbo di panico.

Desensibilizzazione sistematica: è importante non evitare i luoghi che scatenano attacchi di panico. Questo solleva solo l’ansia anticipatoria e aumenta la probabilità di scatenare un attacco di panico, proprio quando te lo aspetti. Il principio della desensibilizzazione sistematica è demistificare il luogo in cui si sono verificati gli attacchi di panico avvicinandosi a piccoli passi.

Prendiamo l’esempio degli attacchi di panico a scuola associati al rifiuto della scuola, o quello che è stato chiamato “fobia scolastica”.

La pianificazione della desensibilizzazione sistematica richiede uno sforzo coordinato tra il genitore, lo psicologo scolastico o l’assistente sociale, l’infermiere, l’insegnante, il direttore dell’istruzione speciale e forse altri. Tutti devono essere consapevoli del piano e sensibili ai bisogni del bambino.

All’inizio, se sei un genitore, vai con tuo figlio a scuola e siediti in macchina. Poi, dopo una settimana o due, entra nella scuola e resta nella voce. Questo viene seguito a intervalli regolari con il bambino che va all’infermeria e trascorre la giornata lì, con la possibilità di chiamarti sulla tua cella. Ma il bambino deve rimanere a scuola. Da lì, un passo alla volta, il bambino frequenta la stanza di casa e alla fine va a lezione. Tutto ciò richiede molto coordinamento con i funzionari scolastici e sensibilità al potenziale imbarazzo dato che altri bambini potrebbero non capire cosa sta succedendo. Trovare un modo per spiegare loro in modo ponderato e non stigmatizzante è essenziale.

Piccoli passi su un periodo di tempo funzionano davvero, e possono impedire una terribile situazione di bambini in casa che si rifiutano assolutamente di andare a scuola.

Terapia cognitiva comportamentale (CBT): non è insolito che il bambino abbia pensieri o preoccupazioni negativi persistenti che si verifichi un attacco di panico. La maggior parte di questi pensieri sono esagerati e gonfiati nella misura in cui possono anche creare una profezia che si autoavvera. Immagina solo di pensare: “So che prenderò un attacco di panico se prendo l’autobus” o “So che succederà proprio quando non ne ho bisogno, come in un esame o giocando a calcio”. Quando i bambini Penso che accadrà, la probabilità è che accada, e quindi il pensiero negativo è rinforzato – e così sono le probabilità di attacchi di panico.

La terapia cognitiva comportamentale è una semplice serie di abilità che tu e il tuo bambino potete fare da soli. Ha questa struttura:

  • C’è un Trigger (in questo caso si prepara per la scuola o l’autobus),
  • una Cognizione esagerata (pensiero),
  • portando a un’Emozione (paura, ansia anticipatoria),
  • portando a un comportamento (attacco di panico).

L’abilità è di sgonfiare il potere e l’esagerazione del pensiero in modo che l’emozione e il comportamento non si verifichino. Per parlare di te stesso e sfidare i pensieri negativi.

Questo può essere fatto tra genitore e figlio, terapeuta e bambino o bambino da solo. Ecco un esempio:

  • Pensiero: “So che avrò un attacco di panico sul bus!”
  • Sfida: “Aspetta, per anni non ne hai mai avuto uno sull’autobus, quindi perché adesso?”
  • Pensiero: “Perché è successo!”
  • Sfida: “Ma era solo UNA VOLTA! Quante corse in autobus hai fatto nella tua vita scolastica? ”

Dopo un po ‘, il pensiero negativo e distorto diminuisce in potenza, le emozioni diminuiscono e gli attacchi di panico diventano sempre meno probabili. Più non si verificano, più diventa efficace la CBT.

Meditazione: la meditazione consapevole è stata dimostrata in numerosi studi per prevenire attacchi di panico calmando il sistema fisico ed emotivo. In alcune forme di meditazione, altrimenti noto come ipnosi, un “messaggio ipnotico” o pensiero nella fase di rilassamento profondo, come “Non avrò un attacco di panico sull’autobus” è abbastanza efficace. La pratica rende perfetti, quindi meditare una o due volte al giorno è grande, e non importa quale tecnica tu o tuo figlio utilizzi, se una forma di meditazione o di ipnosi, ma trovarne una che sia efficace e praticarla è molto utile.
Farmaco: i farmaci sono estremamente utili nella prevenzione di attacchi di panico. Sono veramente profilattici e impediranno loro di manifestarsi. Essi sono utilizzati al meglio nelle prime fasi del trattamento e possono essere il cardine del controllo degli attacchi di panico, consentendo tecniche più efficaci come i programmi comportamentali per diventare la spina dorsale dell’ansia anticipatoria decrescente, degli stimoli fobici e della prevenzione degli attacchi di panico. Il ruolo principale dei farmaci è rendere molto più facile la gestione di pensieri, sentimenti e comportamenti quando si sa che gli attacchi di panico non sfonderanno.

Tuttavia, vengono utilizzati i farmaci, è fondamentale lavorare a stretto contatto con il vostro medico e coordinare la gestione medica con la consulenza psicologica.

Mentre il disturbo di panico è forse uno dei più spaventosi disturbi psichiatrici, è anche uno dei più reattivi al trattamento.

E come molte altre condizioni, tieni presente che è una maratona, non una sprint.

Questo blog è stato originariamente pubblicato su MGH Clay Center for Young Healthy Minds.

Solutions Collecting From Web of "Quando Survival non è in gioco: il mistero del disturbo di panico"