Quando Solidarity Guides Consumption

Nella nostra ultima colonna abbiamo confrontato i rischi per la salute affrontati dai lavoratori dell'elettronica nelle economie in via di sviluppo con quelli sperimentati dagli utenti di dispositivi elettronici nei paesi ricchi. C'è, a prima vista, una grande disconnessione tra le realtà tossiche sui piani della fabbrica dove vengono fabbricati smartphone, tablet e TV a schermo piatto e le società di consumo in cui vengono venduti. Questo divario è certamente geografico: la maggior parte dei televisori è prodotta in Messico, Vietnam e Cina, e la maggior parte dei tablet e smartphone in Cina; la maggior parte dei consumatori, nel frattempo, si trova a migliaia di chilometri di distanza negli Stati Uniti, in Giappone e in Europa. 1

Nonostante queste enormi distanze, avvincenti storie sui lavoratori in luoghi lontani in tutto il mondo sono prontamente disponibili per i consumatori digitali: una o due ricerche e si può leggere sulle loro vite proprio sugli schermi creati da questi lavoratori. Ma il senso di connessione tra, ad esempio, lavoratori a Tijuana e consumatori high-tech che vivono appena oltre il confine a San Diego è estremamente fragile, se esiste tutto. Entrambe le parti dovrebbero incoraggiare l'apertura mentale e sentimenti di solidarietà prima di rendersi conto che le fortune degli operai e dei consumatori americani sono intrecciate. 2

Tale solidarietà non è facilmente raggiungibile. È difficile comprendere il modo in cui ciascuna parte costituisce il posto dell'altro nel mondo, come esperienze vissute e identità collettive. È una relazione che è allo stesso tempo interdipendente e discordante, una dialettica che tende a diventare ovvia in condizioni economiche che ne censurano la consapevolezza.

Una delle condizioni che inibiscono la solidarietà è il modo in cui il prezzo è determinato dalle regole finanziarie stabilite tra marchi come Apple e i servizi di produzione elettronica (EMS) come Foxconn, la società taiwanese che gestisce enormi fabbriche in Cina dove vengono prodotti i prodotti Apple. In un recente studio, il consulente del settore elettronico Anthony Harris ha descritto in dettaglio come il gioco dei prezzi sia truccato sia contro i lavoratori che i consumatori. 3

Queste regole garantiscono un aumento percentuale del prezzo in ogni fase, dalla fabbrica al negozio. All'inizio della catena di approvvigionamento è il prezzo di vendita EMS, che combina i costi di produzione (inclusi i costi di manodopera) e dei materiali (determinati dalla società di marca) più un piccolo profitto che di solito non supera il 3% del prezzo di vendita della fabbrica.

Oltre al prezzo di vendita EMS, a marchi come Apple viene garantito un aumento del 30% del prezzo per "costi di sviluppo, spedizione, distribuzione, marketing". La società di marca può aggiungere un ulteriore 30% in più per il suo margine di profitto. Tali ricarichi percentuali aumentano i prezzi in ogni fase fino al taglio, alle imposte e ai contratti dei fornitori di servizi Internet. Alla fine, il prezzo totale per uno smartphone o un altro gadget può essere cinque volte o più del prezzo di vendita EMS.

I costi di manodopera in fabbrica in questo esempio ammontano a circa lo 0,5 percento del prezzo finale al dettaglio, il che significa che l'importo totale pagato per i lavoratori per realizzare un dispositivo da $ 500 è di circa $ 2. Questo non è $ 2 per ogni dipendente; è la quota collettiva per tutto il lavoro nel dispositivo.

Harris illustra come funziona il modello di markup percentuale considerando cosa succede se ai lavoratori viene dato un ipotetico aumento del 100% di $ 2. Ciò aumenterebbe il prezzo di fabbrica di $ 2, ma dopo i ricarichi i consumatori pagherebbero circa $ 545. Questo è $ 45 in più dai consumatori dopo un aumento di $ 2 perché la società di marca, distributore, rivenditore, autorità fiscale, ecc. Sono garantiti i rimanenti $ 43 a divergere. Sono le code che vinco, i capi che vinco per le aziende del marchio (per non parlare delle autorità fiscali e dei rivenditori al dettaglio).

Ma lo stesso modello di business offre alle aziende EMS un modesto incentivo per aumentare gli stipendi o migliorare le condizioni di lavoro. I loro margini di profitto sono piccoli, sebbene possano aumentare i profitti nelle relazioni con i loro fornitori senza aumentare il loro prezzo di vendita. Ma con i costi della manodopera che rappresentano il 40% del prezzo di vendita, i proprietari delle fabbriche preferirebbero tenere i salari il più bassi possibile, accelerando il più possibile il ritmo del lavoro. C'è una tensione intrinseca tra EMS e le aziende di marca in questo modello di business: un modello progettato per Apple da Tim Cook, che ora è il capo dell'azienda. 4

In un angosciante esempio di come questa tensione causi maltrattamenti ai lavoratori, Harris riferisce che quando Apple richiese improvvisamente che gli schermi venissero cambiati sui primi iPhone, Foxconn spodestò 8.000 lavoratori dal letto nel cuore della notte, offrì loro tè e biscotti e all'interno 30 minuti li hanno pressati in un turno inatteso di 12 ore. Foxconn ha incrementato la produzione per quattro giorni, fino a che sono state completate al giorno 10.000 unità con nuovi schermi. Per quanto ne sappiamo, questo sfruttamento rapace non è costato nulla a Apple ma gli è valso milioni.

Di fronte a un'economia politica globale che condona un tale modello di business, i sostenitori della solidarietà tra i lavoratori dell'elettronica e i consumatori digitali hanno grandi ambizioni. Mirano ad eliminare l'estraniamento tra lavoratore e consumatore, a risvegliare la coscienza dei legami politici ed economici che li vincolano e ad istituire un impegno etico risoluto a costruire un nuovo tipo di legame basato sulla reciprocità, sulla giustizia e sull'uguaglianza che si estende attraverso la catena di approvvigionamento globale di prodotti elettronici. 5

Come consumatori, dovremmo sostenere un consumismo basato sulla solidarietà. L'alternativa è lo status quo in cui i profitti vengono battuti dalle vite dei lavoratori dell'elettronica, mentre i consumatori pagano un premio per mantenere i margini che alimentano tali profitti. Per il consumatore egoista, diciamo che è ora di smettere di incolpare i salari più alti per prezzi più alti. Invece, chiedi ad Apple, l'azienda più preziosa al mondo, di abbassare i suoi prezzi e pagare buoni salari direttamente agli operai che fabbricano i loro oggetti. Fidati di noi, non andranno in rovina.

1. http://goodelectronics.org/publications-en/Publication_4221/at_download/…

2. http://goodelectronics.org/publications-en/report-paying-the-price-for-f…

3. Anthony Harris, trascinando il miglior affare. Come si giocano i miliardi di dollari sulle spalle dei lavoratori dell'elettronica , Amsterdam: GoodElectronics, 2014. http://goodelectronics.org/publications-en/Publication_4109/at_download/…

4. Walter Isaacson, Steve Jobs . (Simon & Schuster, 2011), pp. 360-61.

5. http://goodelectronics.org/

Solutions Collecting From Web of "Quando Solidarity Guides Consumption"