Quando si trova il desiderio che vuole

Esperanza Spalding, by PuroJazz on Flickr

Alcune persone possono svolgere un lavoro che odiano da anni e persino farne una carriera. Ma penso che sia raro che qualcuno nell'arte duri a lungo senza una certa dose di amore per il proprio lavoro. Molti musicisti professionisti possono ricordare un'esperienza di "amore a prima vista" (o "… suono") durante l'infanzia che ha iniziato un'infatuazione permanente con la musica. Man mano che i giovani sviluppano le loro capacità performative, non c'è nulla che possa sostituire il loro godimento e interesse per la musica. In molti modi, la motivazione intrinseca – il semplice desiderio di fare qualcosa per se stessa – è l'ingrediente più importante nel successo musicale a lungo termine.

Ovviamente non tutti gli aspetti della performance musicale sono desiderabili. I musicisti spesso si trovano in competizione per posizioni, concerti e altre opportunità di performance (ad esempio, contratti di registrazione). Anche se i successi in queste imprese possono essere esaltanti, i fallimenti possono far pagare il loro pedaggio. Inoltre, alcune attività di performance comportano forti critiche e vengono giudicate da altri. Gli aspetti stressanti della vita reale possono intaccare un semplice amore per l'arte e il desiderio di "farcela" nella musica. I giovani musicisti potrebbero anche chiedersi se appartengono alla musica, pensando: "Non sapevo che qualcosa di così divertente potesse finire per essere così difficile".

Tali condizioni possono esercitare pressioni sui musicisti per migliorare le loro competenze nel modo più rapido possibile. E nulla può essere più disincantante per un artista amante della musica che la necessità di esercitarsi . Quando si tratta di "ciò che funziona" per il miglioramento delle abilità, c'è un certo tipo di pratica che gli psicologi hanno identificato come il fattore chiave per la crescita delle capacità di rendimento. Questa pratica deliberata è definita come (1) impegnativa e pesante nella concentrazione, (2) fatta isolatamente, e (3) focalizzata sulle carenze nella performance (Ericsson & Lehmann, 1999). In quanto tale, la pratica non può essere intrinsecamente motivante per molte persone … è difficile, è solitaria e ti costringe a pensare alle tue mancanze! Ma è il modo in cui i musicisti costruiscono le loro abilità in modo più efficace.

Non sto suggerendo che la pratica debba essere sgradevole per essere efficace. L'atteggiamento dei musicisti verso le sessioni di allenamento può fare una grande differenza. Se si soffermano sullo sforzo e non riescono a scuotere il pensiero che preferirebbero fare qualcos'altro, allora la loro pratica potrebbe essere una slitta difficile. Ma con una mentalità di scoperta e l'obiettivo di imparare qualcosa di nuovo, probabilmente usciranno dalla sessione migliorando e sentendosi contenti di averli messi nel tempo (si consideri il mio post precedente "Imparare ad amare la pratica … e altre cose virtualmente impossibili") . In termini di divertimento, tuttavia, la pratica non può competere con altre attività come il jamming con gli amici e la partecipazione a una produzione di gruppo per un pubblico entusiasta. Ma non solo la pratica deliberata fornisce una maggiore crescita musicale, ma ti consente di goderti al meglio le ricompense di queste altre attività.

Quindi la pratica è quasi sempre estrinsecamente motivata. Non è fatto per il gusto di farlo, ma per i benefici che derivano dal fatto di averlo fatto. Queste sono spesso ricompense emotive che derivano dalla partecipazione musicale (vedere Woody e McPherson, 2010). I bambini musicali traggono molto dall'incoraggiamento di genitori e insegnanti. I giovani che persistono nella musica, sia che si tratti di gruppi scolastici o di gruppi di garage, spesso lo fanno a causa del sostegno reciproco. E quale musicista non è spinto a praticare da un concerto imminente? I benefici estrinseci del coinvolgimento musicale possono rendere più appetibile per gli artisti la necessità della pratica.

I motivatori estrinseci possono essere così presenti ed efficaci da essere interiorizzati dai musicisti. Ricercatori di motivazione prominenti Edward Deci e Richard Ryan hanno avanzato una teoria dell'autodeterminazione , che può essere utilizzata per spiegare come i musicisti vengono ad accettare il duro lavoro della pratica (Ryan & Deci, 2000). Descrivono la motivazione estrinseca come avente quattro livelli, passando da esterno a interno. Ecco come applico la teoria ai musicisti e alla pratica:

  1. Regolamentazione esterna – "Devo fare pratica" – Mostra la conformità; fatto puramente per ottenere ricompense ed evitare punizioni.
  2. Regolamento introduttivo – "Dovrei fare pratica" – Mostra autocontrollo; fatto per godere di sentimenti di orgoglio ed evitare sensi di colpa.
  3. Regolamento identificato – "Ho bisogno di esercitarmi" – Mostra valutazione; fatto perché i benefici sono personalmente importanti.
  4. Regolamentazione integrata – "I practice " – Mostra adozione; fatto perché è stato assimilato nella propria identità.

È molto importante notare che anche quando la motivazione estrinseca è stata completamente interiorizzata (regolazione integrata), non risulta nei musicisti che pensano " Voglio fare pratica". Tuttavia, li fa praticare come una parte normale della vita. Probabilmente non si chiedono più se dovrebbero esercitarsi, o come troveranno il tempo per farlo con tutte le altre cose in corso. Con scuse a Nike … lo fanno e basta.

Di seguito una grande citazione del pianista da concerto André Watts, che mostra la sua progressione attraverso i livelli di motivazione estrinseca alla pratica (ho aggiunto etichette tra parentesi):

Oggi non sarei un pianista se mia madre non mi avesse fatto praticare (esterno) …. Nei giorni in cui non ero esattamente commosso per praticare, mia madre ha fatto in modo che lo facessi. A volte cercava di convincermi a suonare il piano mettendo in relazione le carriere di famosi musicisti, sperando forse di ispirarmi a praticare (introiettato). A tredici anni, tuttavia, ho realizzato la necessità della pratica (identificata). Non mi piace ancora "piacermi" tutto il tempo, ma ormai è diventato una seconda natura (integrata). (Mach, 1980, p 182)

Amo il termine "seconda natura" che Watts usava per descrivere la sua pratica. La seconda natura si riferisce a un comportamento che è diventato così di routine, sembra istintivo. Ci sono molti comportamenti che fanno musica che sono "di prima natura", perché sono intrinsecamente gratificanti, ma la pratica non è uno di questi.

Più di recente, mi sono imbattuto in un'intervista in Newsweek con il bassista e cantante jazz Esperanza Spalding, che ha vinto il Grammy Award come miglior nuovo artista nel 2011. Una "mentalità quotidiana, diligente, da guerriero" è come ha descritto il suo approccio alla pratica. "Se sono quattro ore, alzati e fai le tue quattro ore", ha detto a The Daily Beast. "Mi piace davvero. In qualche modo è liberatorio. "Sospetto che ciò di cui si sente liberata sia una deliberazione sull'opportunità o meno di praticare.

Chiunque abbia visto recitare André Watts o Esperanza Spalding sa che ama la musica. Li ha sostenuti attraverso i rigori della loro formazione e gli impegnativi programmi prestazionali. Ma hanno anche accettato il duro lavoro della musica. Penso che questo equilibrio sia la chiave. Le persone non possono esercitarsi in robot che sconfiggono solo gli esperti più impegnativi. Ma, d'altra parte, gli aspiranti musicisti non andranno lontano solo a fare ciò che è musicalmente divertente. Gli artisti dovrebbero cercare di sperimentare le ricompense che la pratica comporta, sapendo che una maggiore abilità li abilita. Libera la loro attenzione dal produrre le proprie performance a cose come esplorare nuove possibilità artistiche e interagire più profondamente con co-interpreti. Man mano che diventano più convinti di queste cose, la pratica può diventare una parte meno onerosa e più automatica della vita. E uno che può fornire un notevole profitto alla fine.

Riferimenti

Ericsson, KA e Lehmann, AC (1999). Competenza. In MA Runco e SR Pritzker (a cura di), Encyclopedia of creativity (Vol. 1, pp. 695-707). New York: Academic Press.

Mach, E. (1980). I grandi pianisti parlano da soli . New York: Dodd, Mead and Company.

Ryan, RM, & Deci, EL (2000). Teoria dell'autodeterminazione e facilitazione della motivazione intrinseca, dello sviluppo sociale e del benessere. Psicologo americano, 55 , 68-78.

Woody, RH, & McPherson, GE (2010). Emozione e motivazione nella vita degli artisti. In PN Juslin & JA Sloboda (a cura di), Manuale di musica ed emozioni: teoria, ricerca, applicazioni (pagine 401-424). Oxford, Regno Unito: Oxford University Press.

Copyright 2012 Robert H. Woody

Fonte dell'immagine: PuroJazz su Flickr Creative Commons

Solutions Collecting From Web of "Quando si trova il desiderio che vuole"