Quando si tratta di curare, meno è spesso di più

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

La semplicità è la sofisticatezza finale. ~ Leonardo da Vinci

Il dolore porta più persone a contatto con i professionisti medici di qualsiasi altro problema che presenta. Sulla base delle stime del Centro nazionale per le statistiche sanitarie del CDC, il dolore colpisce più americani del diabete, delle malattie cardiache e del cancro, e la percentuale della popolazione statunitense affetta da dolore cronico è in aumento.

Il mal di schiena è uno dei disturbi più comuni legati al dolore e si stima che gli americani spendono fino a 86 miliardi di dollari l'anno per cercare sollievo dal dolore alla schiena. Tuttavia, recenti ricerche a Harvard Medical School consigliano che in termini di trattamento, meno spesso è più. Nonostante le linee guida consolidate per trattare il dolore alla schiena in modo conservativo, la misura in cui ai pazienti sono stati prescritti antidolorifici oppioidi, date le procedure avanzate di imaging come scansioni TC e risonanza magnetica e sottoposti a chirurgia, è aumentata drasticamente durante l'ultimo decennio.

L'American College of Physicians e l'American Pain Society raccomandano che le persone con dolore alla schiena siano trattate con farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) come ibuprophen (Motrin) e naproxen (Aleve) o acetaminofene (Tylenol), in combinazione con l'uso di impacchi di ghiaccio, cuscinetti riscaldanti ed esercizio fisico. Gli oppioidi sono raccomandati solo per quelli con "dolore grave e invalidante" che non migliora con i farmaci da banco – e quindi i rischi di abuso e dipendenza devono essere valutati e valutati rispetto ai potenziali benefici.

Nello studio "Tendenze peggiorative nella gestione e nel trattamento del mal di schiena" (JAMA Internal Medicine, 7/29/13 edizione online), i ricercatori hanno esaminato i dati rappresentativi a livello nazionale sulle visite ambulatoriali per dolori alla schiena e al collo dal 1999 al 2010. Essi ha esaminato circa 24.000 visite, per un totale di 440 milioni di appuntamenti negli Stati Uniti in quel periodo. Le loro scoperte hanno indicato che i rinvii per le scansioni TC o MRI sono aumentati del 57% e i riferimenti a un altro medico – più spesso per interventi chirurgici o altri trattamenti straordinari – sono aumentati del 106%. Durante quell'arco di undici anni, le prescrizioni per acetaminofene e FANS sono diminuite di oltre il 50% mentre quelle per gli oppioidi sono aumentate del 51%. Gli oppioidi, come l'ossicodone (Percocet, Oxycontin), l'idrocodone (Vicodin, Lortab), la morfina (MScontin), il metadone e il fentanil (Duragesic, Actiq), sono il trattamento più diffuso sia per il dolore acuto che cronico.

Sfortunatamente, prescrivere farmaci narcotici più potenti e sottoporre le persone ad interventi più costosi e invasivi non ha portato a risultati di trattamento migliori. Non ci sono dati a supporto del fatto che l'uso di oppioidi oltre i tre mesi per il dolore cronico non oncologico sia efficace, e ci sono molti potenziali problemi con questi farmaci. Gli effetti collaterali includono, ma non si limitano alla diminuzione cognitiva, costipazione e iperalgesia indotta da oppioidi, in cui la sensibilità al dolore peggiora. Nel corso del tempo la dipendenza fisica con le sue caratteristiche caratteristiche di tolleranza e ritiro inevitabilmente si sviluppa e diventa sempre più grave, rendendo questi farmaci profondamente avvincenti. Come è stato ben documentato, nell'ultimo decennio l'abuso e la dipendenza da farmaci per il dolore da oppioidi (una delle conseguenze è stata una significativa ripresa dell'uso di eroina e della dipendenza) è diventata epidemica.

Il trattamento del mal di schiena può essere particolarmente complicato perché ci sono una serie di potenziali cause, tra cui problemi al disco, alle articolazioni e ai nervi. Il dolore acuto tipicamente fa il suo corso e si risolverà se il tempo e le cure conservative saranno appropriate. Quando il dolore è cronico, non ci sono "pallottole magiche", sebbene ci siano una varietà di tecniche che possono aiutare a migliorare la qualità della vita delle persone riducendo le sofferenze associate al loro dolore in modi che li aiutano ad accettarlo meglio e a conviverci.

Tuttavia, la medicina occidentale si concentra sull'eliminazione o "uccisione" del dolore. I malati di dolore spesso vogliono una soluzione rapida e, in base ai risultati dello studio, molti medici sono apparentemente inclini a peccare per eccesso di trattamento. Ciò può derivare da un'autentica convinzione dell'efficacia di tale approccio, dall'interesse nel placare le richieste dei pazienti e / o dalle strutture di rimborso prevalenti. Ciò porta spesso a trattamenti che non sono necessari, costosi e che non si sono dimostrati efficaci. Gli interventi invasivi hanno aumentato i rischi. Non di rado, procedure come iniezioni di steroidi e interventi chirurgici lasciano i pazienti con livelli di dolore uguali o addirittura maggiori.

Mentre le condizioni relative al dolore dovrebbero sempre essere valutate da un medico professionista, A Day Without Pain di Mel Pohl, MD, FASAM e il mio libro, Alcune Assemblee richieste: Un approccio equilibrato al recupero dalla dipendenza e dal dolore cronico introducono il concetto di recupero del dolore e in che modo contrasta con il modello medico convenzionale di gestione del dolore. Questi volumi descrivono come il recupero dal dolore cronico e dalla dipendenza sia molto più che essere liberi dal dolore e dal mantenere l'astinenza dai farmaci (compresi gli antidolorifici oppioidi legalmente prescritti). Il recupero del dolore è il processo in atto per bilanciare l'accettazione della realtà del proprio dolore cronico e lavorare per aumentare la capacità funzionale. Si basa su approcci complementari e alternativi alla medicina (CAM) come l'agopuntura, la chiropratica, il massaggio e l'idroterapia, enfatizzando il modo in cui pensiamo, il modo in cui rispondiamo alle nostre emozioni, il modo in cui ci sintonizziamo al funzionamento attuale del nostro corpo e la nostra spiritualità.

Alcune Assemblee Richieste presenta un modello multidimensionale per il successo del recupero dalle due sfide della dipendenza e del dolore cronico, spiegando in dettaglio come le pratiche basate sulla meditazione e la consapevolezza possono essere combinate con il recupero in dodici fasi e interventi fisici non invasivi (molti dei quali sono auto-somministrati) come Chi Kung, stretching e esercizio fisico, nonché alcuni aspetti della teoria psicologica occidentale e approcci psicoterapeutici. L'integrazione di questi elementi può aiutare le persone a costruire la consapevolezza e le abilità per migliorare il loro funzionamento, imparare come diminuire il loro livello soggettivo di dolore e vivere con il dolore che sperimentano il più garbatamente possibile.

Copyright 2015 Dan Mager, MSW

Autore di alcune Assemblee necessarie: un approccio equilibrato al recupero dalla dipendenza e dal dolore cronico

Solutions Collecting From Web of "Quando si tratta di curare, meno è spesso di più"