Quando sei innamorato di una statua

Recentemente, ho passeggiato per Central Park. Ho una predilezione per le sue statue, sperando segretamente che uno possa diventare vivo.

I progettisti di Central Park, Frederick Law Olmsted e Calvert Vaux, disapprovarono l'installazione di sculture nel loro grandioso lavoro di terra in relazione a tali "incidenti" (la parola di Olmsted) avrebbe rovinato l'illusione del paesaggio naturale.

Eppure gli abitanti scultorei del Parco sono stati vitali in questo spazio pubblico. E non intendo solo per il tango argentino libero, che si incontra ai piedi di Shakespeare per "milonghe" afose (raduni) durante l'estate.

La storia della storia sociale e politica del nostro paese è scritta nel variopinto gruppo di figure del Parco: The Indian Hunter , in avanti appoggiato con arco e freccia in mano; Cristoforo Colombo , volto inclinato verso il cielo in segno di gratitudine per un viaggio sicuro; Il Pellegrino con un moschetto a pietra focaia sopra la migliore area da slittino del Parco; padre fondatore Alexander Hamilton ; statista carismatico Daniel Webster ; il monumento in bronzo dorato all'icona della Guerra Civile, il generale Sherman, situato all'entrata principale.

Bethesda Fountain è stata la prima importante commissione di New York assegnata a una donna (Emma Stebbins). La statua centrale della fontana, Angel of the Waters, fu criticata nel 1873 come una "serva che esegue una polka".

Uno dei miei preferiti è l'autore danese Hans Christian Andersen , seduto tra altre fantasiose coorti, che mirava a riportare l'America del dopoguerra in un momento di innocenza. ( Il brutto anatroccolo fu rubato durante gli anni '70, quando New York toccò il fondo, e scoprì vicino allo Shea Stadium che incoronava un cumulo di rifiuti prima di essere risieduto nella famosa area di narrazione.)

Le statue hanno creato un senso di appartenenza in un'epoca in cui l'immigrazione di massa nelle città stava cambiando radicalmente l'America. Le associazioni etniche hanno sponsorizzato la maggior parte delle sculture, che sono state erette nel tardo XIX secolo: il bardo scozzese Robert Burns , il ballerino irlandese Thomas Moore , il re Jagiello di Polonia, ha impedito il ritorno a casa dopo l'Esposizione Universale del 1939 dall'invasione nazista.

L'arte pubblica serve un'importante funzione psicologica. In questo caso, ha rafforzato l'autostima dei gruppi e aiutato a solidificare le identità collettive. Ha fatto sentire le persone trapiantate a casa in una terra straniera.

Le statue di Central Park erano leader di un certo tipo per molte comunità diasporiche. Erano "ideali dell'ego": una persona o cosa a cui aspira un individuo. Freud descrive un gruppo come persone che condividono lo stesso ideale dell'ego e, così facendo, si identificano con tutti gli altri membri del gruppo. (Freud, Group Psychology , pag 61)

È un po 'come essere innamorati. Queste figure di pietra e bronzo erano oggetti di idealizzazione. Erano persone messe su un piedistallo – in più di un modo.

Folle enormi rendevano omaggio ai loro eroi della patria nelle cerimonie di dedica che includevano una sfilata per la città al mattino e una processione di fiaccolata notturna seguita da un banchetto. Il mezzogiorno formale di inaugurazione ha attirato un pubblico internazionale i cui volti rivolti verso l'alto assaporavano il magnetismo del momento. Le statue non erano solo icone splendenti del Vecchio Mondo, ma un luogo critico per le emozioni di gruppo in una nuova. Erano depositi di orgoglio etnico in America.

Eppure questi erano rapporti di amore-odio. (Chi è esaltato viene inevitabilmente abbattuto!) Questi attori pietrificati provocarono anche un acceso conflitto come quando sia italiani che spagnoli rivendicarono Colombo come loro eroe nazionale. Ad un certo punto, il monumento dell'esploratore genovese al Columbus Circle attirò non solo italoamericani ma anche delinquenti anti-italiani che deturpavano il marmo di Carrara con il fango.

All'inizio del 20 ° secolo, i sudici insoddisfatti schernivano il monumento equestre di Sherman con una figura femminile di vittoria: "Chi, se non un nordico, lascerebbe camminare una donna mentre cavalca un uomo!" (Sara Cedar Miller, Central Park: Un capolavoro americano , 2003 )

Ma, il più delle volte, le statue catturavano i ricordi delle persone, parlavano a coloro che dovevano rappresentare e ispiravano la connessione sociale in una città diversa.

Oggi, la collezione multiculturale di sculture ammonta a più di 50 anni, compresi quelli costruiti contro le pareti esterne del Parco, più di recente la leggenda del jazz Duke Ellington (1997) in un grande tableau tenuto in alto dalle Muse.

Penso al suo pezzo New World A-Comin , "una meditazione sul tema dell'orgoglio razziale e di un mondo" in cui l'amore era incondizionato, e nessun pronome era abbastanza buono per Dio. "(Ellington autobiography)

Il Memorial Day è un giorno di memoria. Resta vicino e personale con i tuoi monumenti di quartiere. Scommetto che hanno storie da raccontare.

______________________

Parte di questo materiale è apparsa per la prima volta in Psico di Clio: Comprensione del "Perché" della cultura, degli eventi correnti, della storia e della società, 16.4, marzo 2010.

Solutions Collecting From Web of "Quando sei innamorato di una statua"