Quando Pretty White Women Kill.

Galleryhip
Fonte: Galleryhip

Ti sorprenderebbe sapere che il genere è altamente correlato al commettere un omicidio? Cioè, gli uomini sono molto più propensi delle femmine a commettere un omicidio negli Stati Uniti. Questa realtà probabilmente non ti colpisce.

C'è un mito vecchio e pervasivo che sostiene che le donne non commettono un omicidio. Questo mito si basa sulle tradizionali norme di genere o aspettative di comportamento nella nostra società che includono l'idea che le donne siano troppo passive per uccidere qualcuno.

In realtà, le donne commettono un omicidio negli Stati Uniti ma a tassi decisamente inferiori a quelli degli uomini. Quando aggiungi la razza all'equazione, le donne bianche hanno un tasso di omicidio inferiore a quello di uomini bianchi, uomini di colore o donne di colore.

Diamo un'occhiata ai fatti. I dati ufficiali nel corso degli anni rivelano che un omicidio su 10 è commesso da una donna. Ad esempio, un totale di 666.160 persone sono state uccise negli Stati Uniti tra il 1960 e il 1996, e circa il 90% di quegli omicidi sono stati commessi da maschi.

Secondo i dati dell'Uniform Crime Report (UCR) raccolti dall'FBI negli anni dal 1980 al 2008, i maschi avevano sette volte più probabilità di commettere un omicidio rispetto alle femmine. I dati rivelano che i tassi di omicidio offensivi per maschi e femmine seguivano lo stesso schema generale dei tassi di vittimizzazione.

In particolare, il tasso di offendere per le femmine è diminuito da 3,1 trasgressori per 100.000 persone nel 1980 a 1,6 trasgressori per 100.000 persone nel 2008. Il tasso di reati per i maschi ha raggiunto il picco nel 1991 a 20,8 per 100.000 persone e poi è sceso a un minimo di 11,3 per 100.000 persone in del 2008.

Simile alla vittimizzazione degli omicidi, una femmina bianca è la meno probabile offensiva di omicidi di tutte le possibili combinazioni di razza e genere. I dati rivelano che è molto meno probabile di una donna di colore o di un maschio di qualsiasi razza a diventare un assassino negli Stati Uniti. Secondo le mie stime basate sui dati UCR per il 2013, le femmine di tutte le razze comprendevano il 10% delle 14.132 quell'anno l'omicidio e le femmine bianche rappresentavano meno del 5% di tutti i trasgressori.

Il tasso di infrazione per le donne bianche era pari a 0,7 per 100.000 persone nel 2013. Questo si confronta con i tassi per 100.000 persone di 3,7 per le femmine nere, 6,2 per i maschi bianchi e 35,2 per i maschi neri. I dati per il 2013 rivelano che il tasso di offendere per le femmine nere era cinque volte superiore al tasso per le femmine bianche.

I dati mostrano inoltre che i maschi neri avevano il più alto tasso di offendere di tutti. Il tasso di offendere per i maschi neri era sei volte maggiore dei maschi bianchi, nove volte maggiore delle femmine nere, e 50 volte maggiore del tasso per le femmine bianche.

In sintesi, le donne bianche commettono raramente omicidi rispetto ad altri gruppi.

Nonostante questa realtà, o più precisamente a causa di ciò, alcuni dei processi per omicidi di alto profilo hanno coinvolto un presunto colpevole che è una donna attraente, giovane, bianca. Esempi di casi di alto profilo includono Pamela Smart, Diane Downs (nella foto sopra), Amanda Knox e Jodi Arias (razza mista). La condanna di Amanda Knox è stata rovesciata.

Il pubblico si preoccupa, si ribella e addirittura indigna quando il presunto autore di un orribile omicidio è una giovane donna bianca. Chi può dimenticare la prova di Casey Anthony? L'indignazione pubblica si verifica perché tali eventi sono inaspettati e contrari a potenti norme sociali che ci dicono che le donne non uccidono, e in particolare non uccidono i propri figli!

Le norme sociali prevalenti perpetuate dai media ci dicono che le femmine graziose, giovani, bianche sono sottomesse e passive. Il più delle volte, tali donne sono ritratte come oggetti sessuali non minacciosi in pubblicità, moda, televisione e cinema. Siamo socializzati per credere che tali donne debbano essere protette e curate.

In quanto tale, le aspettative comportamentali associate all'immagine visiva di una giovane donna attraente come Jodi Arias sono incoerenti con i macabri particolari del suo crimine – cioè, pugnalando il suo ex fidanzato 27 volte, quasi decapitandolo, e poi sparandogli nel capo. Tali azioni violano chiaramente le norme di genere femminili tradizionali.

Quando una giovane donna bianca commette un omicidio, il caso spesso genera un grande interesse tra il pubblico perché tali eventi sono percepiti come rari, inaspettati ed esotici. Ciò è particolarmente vero quando le circostanze che circondano l'omicidio sono particolarmente raccapriccianti o brutali, come nel caso di Jodi Arias.

Le forze dell'ordine e le notizie e i media di intrattenimento usano potenti archetipi femminili come "femme fatale" e "vixen" per spiegare le motivazioni delle donne assassine e, cosa ancora più importante e inquietante, per sensazionalizzarle. In particolare, le notizie e i media di intrattenimento alimentano l'appetito vorace del pubblico per le immagini e le informazioni grafiche.

I media traggono un vantaggio finanziario sensazionalizzando tali casi perché attirano un vasto pubblico di spettatori e il vasto pubblico di consumatori è attraente per gli inserzionisti che pagheranno profumatamente per raggiungerli.

Facendo affidamento su stereotipi esagerati, i mezzi di informazione demonizzano ingiustamente gli obiettivi della loro iperbole e li condannano prima dei loro processi criminali. Tutto ciò produce esagerazioni, spettacoli pubblici come le prove di Casey Anthony e Jodi Arias che distorcono la realtà e sfruttano gli stereotipi sulle donne.

Lo sfruttamento delle norme sociali da parte delle notizie e dei media di intrattenimento arreca ulteriori danni. Depositi imprecisi e stilizzati di criminali bianchi attraenti, oscuranti, oscurano la complessa e diversificata realtà del crimine e della vittimizzazione negli Stati Uniti. Alla fine, l'uso di stereotipi negativi danneggia tutta la società creando alienazione e perpetuando disuguaglianza e ingiustizia.

Separatamente, analizzo l'intenso fascino del pubblico nei confronti di famigerati e mortali serial killer, tra cui David Berkowitz ("Son of Sam") e Dennis Rader ("Bind, Torture, Kill") con i quali ho personalmente corrisposto, nel mio libro best-seller Why We Love Serial Killers: il curioso appello degli assassini più selvaggi del mondo.

Il Dr. Scott Bonn è un autore, professore, oratore pubblico e commentatore televisivo. Seguilo @DocBonn su Twitter e visita il suo sito web docbonn.com

Solutions Collecting From Web of "Quando Pretty White Women Kill."