Quando Praise è Punishment

La definizione del dizionario di punizione include "Dolore o perdita inflitto in risposta a trasgressioni" e "Danno fisico o abuso". [1] Naturalmente, l'elogio di un bambino non soddisfa nessuna di queste definizioni. Tuttavia, nella psicologia comportamentale la definizione tecnica della punizione include una diminuzione del comportamento target dopo il rilascio di uno stimolo. A dire il vero, quando un atto indesiderato è seguito da un timeout o da altre conseguenze, questo soddisfa sia la definizione del dizionario popolare che la definizione del comportamento tecnico, ma solo se il comportamento indesiderato diminuisce effettivamente.

La definizione comportamentale di "punizione" dipende da cosa accade al comportamento di destinazione, indipendentemente da ciò che qualcuno pensa che succederà. Una volta stavo lavorando con un bambino con autismo e la scuola ha chiamato per dirmi che il suo comportamento dirompente stava aumentando. Quando ho chiesto loro cosa stavano facendo in risposta all'attività indesiderata, hanno indicato che veniva applicato "time out" in cui veniva rimosso in una parte isolata della classe per 15 minuti ogni volta che si verificava un comportamento distruttivo. Naturalmente, questo servirebbe a ridurre i comportamenti indesiderati nella maggior parte dei bambini, ma alcuni bambini con autismo preferiscono essere soli. Quindi, il time out non era una punizione in questo caso, era in realtà una ricompensa. E il comportamento del bambino lo ha confermato: il comportamento dirompente è aumentato quando è scaduto il time-out piuttosto che diminuire come nella definizione comportamentale della punizione (e come con gli altri bambini).

Questo vale anche per i comportamenti desiderabili. Quando c'è una diminuzione di qualsiasi comportamento dopo la consegna dello stimolo, gli scienziati comportamentali classificano questo come punizione. Stavo insegnando a un bambino con disturbo del linguaggio come pronunciare correttamente il suono "r" e gli ho dato un adesivo di Ninja Turtle Teenage Mutant quando ha avuto successo. E questo è servito come ricompensa perché la sua produzione "r" è migliorata (aumentata). Successivamente, un altro clinico prese il sopravvento, ma il suo prodotto "r" divenne molto peggio. Mi ha chiamato per discutere del caso e le ho chiesto dello stimolo che stava fornendo. Come avevo fatto, lei stava dando un adesivo, ma non approvava le Tartarughe Ninja di Teenage Mutant e stava fornendo adesivi raffiguranti Barney, un simpatico dinosauro viola. Sebbene credesse che gli adesivi di Barney fossero una ricompensa (e aveva tutte le ragioni per crederci), dal punto di vista comportamentale, gli adesivi di Barney fungevano da punizione perché il comportamento obiettivo diminuiva quando veniva erogato lo stimolo.

Ormai stai pensando "Che cosa nel mondo questo ha a che fare con lode e fiducia in se stessi?" Semplicemente questo: un crescente corpo di letteratura scientifica indica che l'autostima e l'autostima di un bambino diminuiscono quando un genitore fornisce lode non acquisite. Nella scienza comportamentale, questo soddisfa la definizione di punizione. Negli ultimi anni, una nuova ricerca ha dimostrato che il tipo sbagliato di elogi – e troppe lodi in realtà minano la fiducia. Peggio, lode non guadagnato e lode non specifica deragliano lo sviluppo naturale della resilienza e della perseveranza. Uno dei principali ricercatori in questo campo è la professoressa Carol Dweck della Stanford University. [2]

Uno studio che ha completato alla quinta elementare illustra il fatto che il tipo sbagliato di elogi può effettivamente ritorcersi contro. In questo studio, ai bambini venivano dati problemi che richiedevano uno sforzo per risolverli, ma erano relativamente facili in modo che la maggior parte fosse in grado di ottenere le risposte corrette. In seguito, a metà degli studenti è stato detto che erano intelligenti, e l'altra metà è stata elogiata per il loro impegno (hai lavorato duro!). Poi agli studenti è stata data la possibilità di affrontare problemi più difficili o un test come il primo, che ora sapevano di poter fare (cioè, non avrebbero imparato nulla di nuovo) o una serie di problemi che erano più difficili. La maggior parte dei bambini (il 90%!) Elogiati per lo sforzo erano desiderosi di affrontare i problemi più difficili, ma la maggior parte di coloro a cui veniva semplicemente detto di essere "intelligenti" si bloccavano con i problemi più facili che già sapevano di poter fare. Gli scienziati sostengono che semplicemente dicendo ai bambini che sono intelligenti, o fantastici, o geni, in realtà li imposta per evitare di provare oggetti più duri e quindi rischiare di commettere errori che minano l'immagine di essere "intelligenti".

Ma moderare le lodi è più facile a dirsi che a farsi. Nel suo libro Nurture Shock, Po Bronson [3] descrive la grande difficoltà che aveva di ridurre e modificare questo tipo di elogi a suo figlio, anche dopo essersi convinto che non era buono per il suo bambino ascoltarlo. Ogni genitore desidera che i propri figli sappiano quanto siano formidabili, qualunque cosa accada, ma ciò deve essere bilanciato con la necessità di promuovere il loro sviluppo. In caso di lode, il vecchio detto "non si può avere abbastanza di una cosa buona" è, in realtà, falso. Una lode non specifica e non specifica trasforma una cosa buona in una cosa negativa.

È importante distinguere quando esprimere lodi e quando no, e capire quale forma questa elogio dovrebbe e non dovrebbe prendere. Se un bambino viene lodato per gli sforzi e gli eventi banali, comuni (Wow, strada da percorrere, questa mattina ti sei svegliato!) La tua lode perderà il suo potere di ricompensa e diventerà semplicemente parte del rumore di fondo. Perché lavorare per qualcosa che otterresti comunque, indipendentemente dal fatto che tu ci provi o no? Lodi non specifici come "tu sei fantastico!" Mina anche la fiducia, perché un bambino non ha modo di sapere cosa significa (cosa ho fatto che è stato fantastico?) E cosa serve per ottenere "stupore".

Ciò che rende un elogio una ricompensa positiva, aumenta la fiducia e ciò che rende lode una punizione o semplicemente un rumore di fondo che viene ignorato? Ricorda che una ricompensa deve aumentare un comportamento obiettivo o non è una ricompensa! Infatti, se il comportamento obiettivo diminuisce, quello che pensi sia un premio è in realtà una punizione! Gli studi sulle forme di apprezzamento "tu sei intelligente" e "tu sei fantastico" mostrano che anche se le parole sono positive, il risultato desiderato (più esercizio di intelligenza o continuo buon comportamento) è ridotto.

Ricorda, l'obiettivo della lode dovrebbe essere quello di aumentare i comportamenti desiderati. A lungo termine, vuoi che il tuo bambino acquisisca sicurezza nell'esprimere se stesso o se stesso; perseverare in sforzi creativi; e per essere resiliente quando si incontrano ostacoli, sfide e per ottenere una vera soddisfazione nel raggiungimento di risultati concreti e onesti meriti. Quei comportamenti e abilità, non vuote elogi impuri, sono ciò che promuoverà l'autostima di tuo figlio a lungo termine.

Parti di questa colonna sono state adattate da "Il genitore intuitivo: perché la cosa migliore per tuo figlio sei tu." 2015 Current / Penguin / Random House

[1] Dizionario conciso di Webster. Trident Press International, 2002.

[2] Dweck, Carol. Mindset: la nuova psicologia del successo. Random House, 2006.

[3] Bronson, Po e Ashley Merryman. "Nurtureshock: perché tutto ciò che pensiamo di crescere i nostri figli è sbagliato." Chatham, Regno Unito: Random House (2009).

Solutions Collecting From Web of "Quando Praise è Punishment"