Quando Parenting diventa uno spettatore sportivo

"Va tutto bene mamma, ogni genitore commette errori."

Così vero, ma gli errori di tutti i genitori non vengono trasmessi a un team di professionisti che si riferiscono a lei, anno dopo anno, come "Mamma". Essere classificato come una ginnasta davanti a una giuria è un trattamento speciale riservato a quelli di noi con bambini con bisogni speciali.

R. Downie fall/TwoWings/CC BY 3.0
Fonte: R. Downie fall / TwoWings / CC BY 3.0

Tutti devono guardare e tutti si sentono autorizzati a fornire commenti.

Questo avvenne durante l'incontro IEP di Sam. Sam stava elencando i corsi che intendeva intraprendere l'anno prossimo e io dissi: "Sam, sei un artista meraviglioso. Mi renderebbe così triste se non prendessi mai un altro corso d'arte. "Era così. L'assistente sociale della scuola mi sollevò le sopracciglia con uno sguardo di rimprovero che significava che ero stato sorpreso a cadere dal raggio di equilibrio. Tre punti di deduzione. E quando le ho chiesto cosa avevo fatto di sbagliato, ha cercato di minimizzare il danno rassicurandomi: "Va tutto bene mamma, ogni genitore commette degli errori. Tutti commettiamo errori. "Non sono ancora sicuro di cosa ho sbagliato, ma presumo che abbia qualcosa a che fare con il non rispetto delle scelte di Sam o l'imposizione dei miei bisogni su di lei. Forse era qualcos'altro tutto insieme. Non lo so.

So che ho lasciato l'incontro pensando a quanto sono stanco di sentirmi come se la mia genitorialità fosse un soggetto per la recensione pubblica. La sto coccolando fissando il suo pranzo la mattina? Mettendola in pericolo dandole troppa libertà per esplorare la città? Mi è stato detto entrambi. Quando Sam era molto più giovane, giocavamo insieme al terapista occupazionale. Ogni volta che mi mancava un'indicazione non verbale che Sam stava comunicando attraverso la sua posizione corporea, o non riuscivo a estendere un momento di interazione reciproca, il terapeuta lo fece notare. Lo stesso vale per il logopedista che voleva che strutturassi le situazioni in modo tale da costringere Sam ad interagire. Sono grato per la loro pazienza e incoraggiamento, ma di certo non mi sono piaciute le critiche. Una volta uno psicologo mi ha detto, dopo una breve assunzione, che mi avrebbe insegnato a godermi il piacere di stare con mio figlio. No grazie. Solo poche settimane dopo, un genitore (il cui nome non ho mai appreso) mi si avvicinò al campo da gioco per dire che si stava trasferendo in un altro stato, ma lei aveva sempre voluto dirmi quanto fosse colpita che mi sembrava davvero di trascorrere del tempo con Sam. Ero così ispiratore! Ancora una volta, grazie, ma in realtà non ho bisogno del tuo commento non informato. Anche quando sono genitore nella privacy della mia casa, i miei errori non sono privati. Gli insegnanti mi mandano e-mail che riportano i commenti che ho fatto dieci anni fa a Sam che sono stati misteriosamente innescati da un argomento introdotto in classe quel giorno. Commenti che la facevano sentire inadeguata, commenti che si rivelavano imprecisi, commenti che suonavano sprezzanti. Alcuni commenti di cui mi pento davvero, e alcuni di cui dubito della veridicità. Nessuno che induca un giudice a segnare la mia routine sopra il 6.

Fortunatamente per me, sono a un punto della mia vita in cui posso ridere degli sguardi di rimprovero del personale scolastico. Sono genitori da diciotto anni e ho imparato ad accettare "abbastanza bene". Prima di iniziare questo concerto per genitori, il mio compito era insegnare agli adolescenti. Una lezione che ho imparato è che tutti i bambini potrebbero beneficiare di un po 'di terapia per elaborare gli errori dei genitori una volta maturati. I miei errori sono semplicemente l'espressione pubblica dell'imperfezione privata di tutti i genitori. Il mio gruppo di supporto ora consiste in madri che condividono apertamente gli errori genitoriali e si abbracciano senza giudicare. Abbiamo guardato i figli dell'altro crescere per più di un decennio, e facciamo lo sforzo di accreditare la genitorialità riflessiva che sostiene i successi dei nostri figli. Quindi vai avanti e analizza la mia routine.

Mi preoccupo, però, dei genitori di bambini piccoli e dei genitori la cui rete di supporto non è così forte. Quanto sono demoralizzati dal fatto che i loro genitori siano esposti a valutazioni costanti? I più forti assorbono il buon consiglio, ignorano l'inutile e critico commento e si trattano con compassione. Ma la maggior parte di noi non è tra i più forti. Il pericolo per il resto di noi è che possiamo semplicemente ritirarci, evitando le riunioni dell'IEP, evitando il campo da gioco, evitando il potenziale sentimento di vergogna di essere esposti come inadeguati. Quando ciò accade, i nostri figli e noi ne soffriamo le conseguenze. Perdiamo le opportunità di sostegno, incoraggiamento e crescente fiducia nei nostri genitori. I nostri bambini si perdono nella rete di opportunità per aiutarli a prosperare. Forse peggio, perdiamo la connessione gioiosa e spontanea con i nostri figli che si verifica solo quando abbassiamo la guardia.

Simone Biles/Agenci Brasil Fotografias/CC BY 2.0
Fonte: Simone Biles / Agenci Brasil Fotografias / CC BY 2.0

Simone Biles si mette volentieri di fronte a quei giudici e rischia che il mondo assista a un salto intempestivo. Noi genitori non abbiamo mai chiesto un simile scrutinio pubblico, ma a volte sembra che lo otteniamo ugualmente. La migliore risposta che ho trovato? Regalati un alto cinque privato per avere la forza di attaccarti al collo e poi condividere le storie con le persone di cui ti fidi, le persone che sono in viaggio con te.

Solutions Collecting From Web of "Quando Parenting diventa uno spettatore sportivo"