Quando non parli del trauma passato è saggio

( "Non c'è storia di dolore", è una citazione della Jane, precedentemente abusata, in Jane Eyre di Charlotte Bronte)

Quando è meglio non raccontare la tua storia di guai? Ecco una storia clinica che illustra questa domanda.

La figlia di sei anni, la figlia di Jamie, Sasha, ha tenuto un cuscino sul viso di un'altra ragazza in gioco a scuola e l'ha fatta sussultare. Il bambino era illeso ma tutti erano allarmati. Dopo essere stata informata della pericolosità della sua azione, Sasha, una ragazza fortunatamente fortunata e disponibile che era triste perdere la scuola quando era malata, ora piangeva ogni giorno quando sua madre la lasciava alla porta dell'asilo. Disse a sua madre che temeva di poter dire o fare qualcosa di sbagliato. Era preoccupata che potesse fare del male a qualcuno. L'insegnante, cercando di essere d'aiuto, ha iniziato salutando Sasha con: "Stai bene oggi? Lascia che ti abbracci. "Questo non ha rassicurato, ma piuttosto creato una cascata di lacrime in Sasha e un aggrapparsi alla mamma. Dopo tre o quattro giorni, Jamie ha detto: "Grazie mille, ma penso che sia meglio per Sasha andare a giocare con i suoi amici." Aveva osservato che se Sasha non superava l'elaborazione emotiva e si immergeva in un'attività, la sua ansia sollevato.

"Conosco mia figlia", mi disse.

Si presume spesso che il modo per superare qualcosa sia quello di affrontare / sentire / elaborare. Parla, scrivi, vedi un terapeuta e ri-visita il trauma.

  • Sì, autoespressione e intuizione favoriscono la guarigione.
  • Vero, capire chi era chi, cosa era cosa e perché tutto ciò accadeva disfa la disperazione.
  • Certo, la condivisione costruisce la fede e uccide la vergogna perché le persone si fanno avanti, parlando emotivamente.
  • Corretto, l'apertura diminuisce il pessimismo, aumenta l'ottimismo e combatte l'ansia e la depressione.
  • Sappiamo che parlare di cure.

A volte, ma non sempre.

Per alcune persone "tornare indietro", non è utile e può addirittura esacerbare il problema. Andare alla larga da un luogo emotivo infido può essere terapeutico. Se uno sopravvive ma si sente ancora danneggiato, diverso o profondamente cambiato, forse la questione è stata troppo o troppo negativa da gestire. In alcuni casi, la scelta di evitare la ri-esposizione è un istinto salutare. Scegliere di concentrarsi sull'azione che afferma la vita invece che sul pensiero minaccioso può essere una decisione profondamente sana.

Andare a correre, prendere un pennello o giocare con i compagni piuttosto che riflettere sul problema potrebbe essere la medicina giusta. Potrebbe essere il percorso più efficace per restaurare il proprio sé più felice. Le attività che evocano il bene e il male possono aiutare a superare la gobba.

Un articolo avvincente del veterano, giornalista e sopravvissuto al PTSD David J. Morris, http://opinionator.blogs.nytimes.com/2015/01/17/after-ptsd-more-trauma/?_r=0 suggerisce che per alcune persone la riesposizione al trauma tramite la terapia prolungata di esposizione peggiora le cose. Invece di guadagnare la padronanza dell'evento, si deteriorano. D'altra parte, allontanarsi dalla memoria rende le cose migliori. Morris ha scoperto che la terapia cognitiva di elaborazione – che esprime pensieri e sentimenti senza reimmergersi nel trauma, ha aiutato. Sebbene l'evento non possa essere annullato, può essere reso molto meno importante e oscurato da altre cose se i pensieri vengono reindirizzati.

Uno potrebbe:

  • Distrarre con film o musica
  • Immergiti in un compito avvincente
  • Ripeti i versi confortanti
  • Connettiti agli altri in modi significativi
  • Fai qualcosa di fisico.
  • Creare. Tendono. Rendere.

Queste attività possono impostare la mente su un percorso diverso. In ogni caso, parlare del problema non sempre cambia le cose in meglio. E per la cronaca, i problemi possono migliorare nel trattamento senza mai essere discussi.

Per quanto riguarda Jane, sembra che la sua scelta di non raccontare la sua storia di guai durante un colloquio di lavoro sia stata una questione di buoni limiti, buon senso e l'impulso a garantire un futuro migliore. Quando il suo potenziale datore di lavoro dice: "Ogni governante ha una storia di guai, qual è il tuo?" La sua risposta, "Non racconto di dolore", è probabilmente una mossa saggia.

Se non hai letto il libro lo rovinerò per te e ti dirò che si sposano e vivono felici e contenti, in un certo senso. Devono ancora lottare con la sua cecità da un fuoco infuocato della sua prima moglie psicotica e delle sue cicatrici da privazioni e abusi. Non che queste cose siano discusse. Rimangono sottoterra come nuove e migliori opportunità emergono.

Per quanto riguarda Sasha, suppongo che starà bene. Gli istinti di Jamie, le osservazioni astute e la capacità di "respingere" sono protettivi. La fede nel suo bambino, la fiducia nella "bontà" di Sasha e la consapevolezza che "Anche questo passerà", aiutano anch'essi. Il senso interiore di Sasha di Jamie, comunicato sia con parole che senza, li tiene entrambi in buona posizione.

Solutions Collecting From Web of "Quando non parli del trauma passato è saggio"