"Quando mia madre è morta, lei mi ha detto di provare a godermi la vita di più"

Intervista sulla felicità: Meghan O'Rourke .

Meghan O'Rourke è uno scrittore in molte incarnazioni: saggista, poeta, critico ed editore. Ho conosciuto Meghan durante il periodo in cui questo blog è apparso su Slate , ed ero molto ansioso di mettere le mani sul suo nuovo libro.

The Long Goodbye è un memoriale della morte di sua madre per cancro nel 2008, all'età di 55 anni, quando Meghan aveva 32 anni. Passare attraverso la grande infelicità è uno dei migliori e più difficili insegnanti di felicità, quindi ero molto interessato a sentire cosa aveva da dire Meghan.

Gretchen: cos'è una semplice attività che ti rende più felice?
Meghan: fare una passeggiata. Ho girato molto, e questo mi ha sempre reso più felice (anche se ero infelice allacciarmi le scarpe per farlo). Ma ho strappato la cartilagine all'anca destra e ho bisogno di un intervento chirurgico, quindi non posso più correre. L'infortunio è accaduto circa 9 mesi dopo la morte di mia madre, e correre era stato uno dei miei modi di trattare. Questa è stata una vera sfida. Ma ho capito che potevo camminare invece, e nel corso del tempo sono venuto a vedere che rallentare e prendere le cose – piuttosto che attraversarle come un linebacker – potrebbe essere un bene per me.

In generale, leggere un buon libro mi rende felice. Leggendo Anne of Green Gables o TH White's The Once e Future King è sempre fantastico, e io ritorno a loro quando sono particolarmente basso. E anche l'apprendimento. C'è un bellissimo passaggio in The Book of Merlyn, il prequel di The Once and Future King, su questo, e dopo che mia madre è morta è stata per me una sorta di ancora di salvezza:

"La cosa migliore per essere triste", ha risposto Merlyn, cominciando a sbuffare e soffiare, "è imparare qualcosa. Questa è l'unica cosa che non fallisce mai. Puoi invecchiare e tremare nelle tue anatomie, puoi restare sveglio la notte ascoltando il disordine nelle tue vene, potresti perdere il tuo unico amore, potresti vedere il mondo su di te devastato da malvagi pazzi, o conoscere il tuo onore calpestato nel fogna di menti basette. C'è solo una cosa, allora, da imparare. Scopri perché il mondo agita e cosa lo agita. "

[Adoro quel passaggio, anche! In effetti, l'ho citata qui due anni fa.]

Che cosa sai ora della felicità che non sapevi quando avevi 18 anni?
Immagino che vada e viene. Quando sono infelice, so che la parte peggiore di esso passerà se la spengo; Posso sopravvivere. Allo stesso tempo – e questo è più complicato, e potrebbe sembrare contraddire quello che ho appena detto – ho la più forte sensazione che certi tipi di dolore rimangano con noi e ci modifichino profondamente. La morte di mia madre, il giorno di Natale del 2008, mi ha insegnato questo. Il modellamento non è tutto per malati, anche se può essere difficile ricordarlo.

C'è qualcosa che ti ritrovi a fare ripetutamente che ti ostacola la tua felicità?
Non dormire abbastanza. Non esercitare. Cose ovvie. Uno che è meno ovvio, almeno per me: posso essere un maniaco del lavoro. A volte alzo lo sguardo, mi sento solo, e mi rendo conto di non aver visto i miei amici o di essere uscito di casa per qualche giorno. Il non vedere le persone mi fa sempre sentire giù, anche se a volte penso che sentirmi bene solo a fare buchi e tacere.

C'è un mantra della felicità o un motto che hai trovato molto utile? (ad esempio, mi ricordo che "C'è solo amore".)
Mia madre era solita dire: "Alleggerisci, Meg", quando mi alzai per le piccole cose. Era il suo modo di dire: "Non sudare le piccole cose". Sapeva che ero ansioso e un po 'ossessivo, e che a volte lasciavo che il mondo sembrasse più oscuro del necessario. Ora che se n'è andata, lo dico a me stesso, di solito quando mi preoccupo di aver detto la cosa sbagliata al così-e-così, o di aver fatto la chiamata sbagliata su qualcosa al lavoro, o qualcosa del genere. O quando volevo fare x e invece sono rimasto bloccato a fare y – ma in realtà non importa.

C'è qualcosa che vedi le persone intorno a te che fanno o dicono che aggiunge molto alla loro felicità o che toglie molto alla loro felicità?
Sudare le piccole cose; non prendere tempo per sentirsi grato. So che queste sono cose di cui parli molto sul tuo blog, ma prenderti del tempo per sentirti grato può cambiare radicalmente la tua giornata. Dopo la morte di mia madre, l'unico modo per superare i peggiori mesi di lutto era cercare di identificare la bellezza. Sembra banale, e probabilmente mi sarei messo a ridere di me stesso per questa volta, ma mi sarei costretto a cercare di trovare molte cose belle durante il giorno e non lasciarmi precipitare nell'ansia che un giorno potrebbero scomparire.

Lavori per essere più felice? Se é cosi, come?
Lavoro per essere più felice. Quando mia madre è morta, in pratica mi ha detto di provare a godermi di più la mia vita. Così ora mi prendo più cura delle cose noiose – come cercare di andare a letto allo stesso tempo, mangiare bene, esercitare un po 'ogni giorno. Provo a notare quando qualcosa si sente male, o passare il tempo con qualcuno mi fa sentire sgonfiato. E mi dico che la maggior parte delle cose che mi preoccupano veramente non hanno importanza. Ho una routine abbastanza ovattata di cercare di ricordare a me stesso la grandezza dell'universo e la minuziosità del mio posto in esso.

Sei mai stato sorpreso dal fatto che qualcosa che ti aspettavi ti rendesse molto felice, no – o viceversa?
Grande domanda. Una volta mi sono trasferito in un appartamento più grande in una posizione remota pensando che lo spazio mi avrebbe reso più felice. In effetti, mi mancava il sentimento nel mezzo delle cose – e preferivo avere un posto più piccolo dove sentirsi soli.

La vera sorpresa però è stato quello che mi è successo dopo che mia madre è morta: ricordo di aver sentito che nulla di buono sarebbe potuto accadere di nuovo, che la sua morte era una dolorosa forza di malessere nella mia vita. Ma dopo due anni e mezzo vedo che ci sono state delle cose che mi hanno aiutato, ho imparato a rilassarmi un po ', paradossalmente, perché la cosa di cui avevo più paura mi è accaduta e sono sopravvissuto. In un modo strano, mi ha reso più grato, e penso che molte cose siano molto più divertenti di prima. (In particolare, i miei fallimenti e le mie pretese.) In un certo senso, sono così grato di non essere nel tipo di dolore che avevo ragione dopo la sua morte che molte piccole cose sembrano piuttosto straordinarie – e anche le grandi cose, come il fatto quella perdita può collegarti ad altre persone che hanno sofferto. Ironia della sorte, ho fatto amicizia con le persone perché ero addolorato e si sono fatti avanti per aiutare – e questo ci ha costretti a una sorta di vicinanza che altrimenti non avremmo potuto avere.

* Ora sono ufficialmente ossessionato dall'odorato, quindi sono stato incuriosito da questo post, Curioso di … Sillage sul fantastico sito The Curiosity Chronicles. Non avevo mai sentito il meraviglioso termine "sillage", che è francese per "scia" (come nella scia lasciata da una barca) ed è anche usato per descrivere come un profumo lascia dietro di sé il suo profumo.

* La festa del papà arriverà presto! ( 19 giugno negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada). Per la vostra considerazione … The Happiness Project (non può resistere a menzionare: # 1 il bestseller del New York Times ). Per rendere più speciale un libro, forse desideri un bookplate personalizzato firmato, o per un ebook o audiolibro, forse desideri una firma personalizzata, firmata , con Paradoxes of Happiness sul retro. Se è così, mandami una email a gretchenrubin1 su gmail dot com . Sentiti libero di chiederne quante ne vuoi, per te stesso o per un regalo; Spedirò mail ovunque nel mondo; sono gratuiti – e per favore ricordati di includere il tuo indirizzo postale.

Solutions Collecting From Web of ""Quando mia madre è morta, lei mi ha detto di provare a godermi la vita di più""