Quando mentire è insensato

istock subscription, used with permission
Fonte: abbonamento istock, usato con permesso
istock by Getty images, used with permission
Fonte: istock di immagini Getty, usato con permesso

Nel suo recente libro "Love and Lies", Clancy Martin (un professore che studia la filosofia dell'inganno) ha fatto una distinzione tra bugie buone e menzogne ​​cattive. Buone bugie (come un uomo che dice a sua moglie che sta bene con un vestito o una pettinatura poco lusinghiero), secondo il filosofo tre volte sposato, manterranno una relazione, mentre le menzogne ​​cattive (come viene detto per facilitare il philandering) uccideranno un relazione. Ma preferisco una dicotomia diversa: bugie folle contro menzogne ​​non sciocche. Una bugia non-sciocca ha una bassa probabilità di essere rilevata, è probabile che faciliti un interesse importante del bugiardo, ed è improbabile che possa danneggiare seriamente il bugiardo se viene scoperto. Una bugia folle ha un potenziale significativo per essere esposta, non fa avanzare materialmente un interesse importante (cioè non è necessario) e ha un alto potenziale per danneggiare il bugiardo se è esposto. Il recente suicidio di carriera dell'ancoraggio notturno della NBC, Brian Williams, fornisce un triste esempio dei rischi associati al raccontare bugie insensate. Dopo aver descritto brevemente le bugie, userò il modello esplicativo a quattro fattori dell'azione folle per cercare di capire perché in qualche modo abbia un successo fenomenale come il signor Williams rischierebbe tutto in un modo così palesemente stupido.

La menzogna e le sue conseguenze

Brian Williams è nato nel 1959 ed è stato anchor e direttore delle notizie della trasmissione NBC Nightly News dal 2004. Per questo, è molto pagato, stando a quanto riferito tirando giù uno stipendio di $ 10 milioni all'anno. Come con altre ancore di notizie di rete, il signor Williams di tanto in tanto svolge incarichi per contribuire a coprire una grande storia di rottura. Due primi esempi, entrambi che hanno contribuito alle sue attuali difficoltà, sono la guerra in Iraq e l'uragano Katrina a New Orleans. Il problema è che Williams ha la tendenza ad abbellire la sua copertura di notizie e le storie successive che racconta in luoghi non di notizie (come le sue frequenti apparizioni nei talk show a tarda notte), sia per rendere le storie più drammatiche e avvincenti, sia per migliorare il proprio ruolo e importanza negli eventi che sta descrivendo. Sebbene entrambe le sue storie su Katrina e Iraq abbiano a lungo sollevato un po 'le sopracciglia, è stata la copertura irachena che gli ha imposto una sospensione non pagata di sei mesi dal suo lavoro. Una lezione qui sembra essere che alcune bugie, che coinvolgono questioni sacre come una guerra in cui i veri eroi stanno morendo, hanno più probabilità di trovarsi in difficoltà rispetto ad altri.

Le menzogne ​​di Katrina non sono state citate direttamente come motivi della sospensione, ma probabilmente hanno avuto un ruolo in esso, e apparentemente sono ancora oggetto di indagine, con la possibilità di rendere permanente la sospensione. Ecco tre esempi del suo articolo su Katrina (per il quale lui e il suo network hanno ricevuto molti riconoscimenti): (a) Williams ha raccontato una storia (mai confermata da altri) di vedere un corpo morto fluttuare fuori dal suo hotel nel Quartiere Francese ( che era l'unica parte relativamente secca della città); (b) ha raccontato una storia non confermata da altri di vedere bande di delinquenti vaganti vagare liberamente attraverso il suo (pesantemente sorvegliato) hotel; e (c) ha fornito un resoconto molto esagerato di crimini dilaganti, inclusi gli stupri, che ha visto o sentito direttamente nel Super Dome, dove venivano ospitati i profughi della tempesta.

La menzogna irachena, che è l'unica citata per la sua sospensione (anche se la NBC ha lasciato intendere che le preoccupazioni sulle storie di New Orleans sono entrate nella decisione), ha coinvolto una storia molto ripetuta che Williams ha raccontato di essere in un elicottero colpito da un razzo- granata spinta e costretta a fare un atterraggio di emergenza nel deserto. La verità è che il suo elicottero era in un convoglio di quattro elicotteri, uno dei quali (non il suo) fu colpito, con il signor Williams che non arrivò sulla scena fino a 30 minuti dopo. Sebbene il suo primo resoconto sull'evento fosse più o meno veritiero, col passare del tempo si è evoluto in qualcosa di sfacciatamente non veritiero, con tali abbellimenti aggiunti come il dettaglio che ha effettivamente guardato in basso la canna del lanciatore prima che la granata fosse sparata. (L'evoluzione delle storie è accessibile in un collegamento video che può essere trovato online).

Ciò che ha portato alla rovina di Mr. Williams è che nella sua trasmissione di notizie del 2 febbraio 2015, il signor Williams ha mostrato un segmento in cui un sergente maggiore in pensione che ha portato a una partita di hockey di New York Rangers dove un annunciatore onorato pubblicamente il soldato per il suo ruolo nel guidare un plotone di carri armati che è venuto in soccorso del signor Williams e altri dopo che il loro elicottero è stato abbattuto. Un funzionario di primo grado (presumibilmente un pilota di elicottero, dato che è un tipico grado di pilotaggio dell'esercito) che sapeva che la verità ha scritto un commento correttivo sulla pagina Facebook di NBC News, e quel commento è stato notato e ristampato in una storia nel vasto-disseminato giornale militare "Stars and Stripes" (accesso a stripes.com) insieme a una debole ammissione e scuse da parte del signor Williams. Quel riconoscimento pubblico di menzogna (che Williams non ha condiviso con i suoi capi di NBC News) ha attirato molto l'attenzione del pubblico e ha innescato una valanga di critiche e di ridicolizzazione rivolte a Williams e alla rete. Williams ha aggravato il problema dando scuse in aria molto deboli in cui, invece di dire "ho mentito", ha incolpato di "miserrembering" e di una conseguente "fusione" di elementi di verità e non verità. Come se ciò non fosse abbastanza grave, ha fatto sembrare che lui (riferendosi a se stesso come "caporedattore") fosse responsabile della sua stessa punizione, che descriveva come un congedo di pochi giorni (in realtà era un mossa imposta dalla rete, ma nel tipico stile ego-serving, ha fatto sembrare la sua decisione da sola). La rete ha rapidamente corretto quell'imprigionamento, annunciando che stavano sospendendo l'ancora senza pagare per sei mesi per quella che consideravano un'erronea cattiva condotta.

Diversi psicologi e ricercatori hanno mentito con il loro commento. Alcuni di questi commenti hanno ipotizzato che Brian Williams abbia effettivamente creduto alla menzogna e che, quindi, non fosse moralmente colpevole come sarebbe stato se avesse detto consapevolmente falsità. Ho un grande rispetto per questa linea di ricerca (da eminenti studiosi come Elizabeth Loftus). Tuttavia, mentre penso che questa dinamica possa giocare un ruolo leggero (nel senso che una bugia molto ripetuta può diventare una parte fondamentale dell'arsenale della storia di un bugiardo, e quindi essere richiamata automaticamente quando necessario), la mia opinione è che Brian Williams abbia a lungo è stato un bugiardo seriale che fa quello che fa quella gente, cioè dire consapevolmente una bugia quando la verità non soddisfa in modo adeguato i suoi bisogni. Per capire perché io tenga questa credenza, può essere utile un'analisi usando il modello di follia a quattro fattori. (Userò solo i primi tre fattori, poiché l'ultimo "Affetto / Stato" è meno rilevante).

Fattori situazionali che contribuiscono alle bugie di Brian Williams

Una cosa curiosa delle ancore delle reti statunitensi, in contrasto con il Regno Unito, dove sono più precisamente chiamate "lettori di notizie" (implicando correttamente che hanno poco o nessun ruolo nello sviluppare le storie che introducono in onda) è che tendono a diventare grandi celebrità, che sono descritte da loro stessi e dai loro capi come giornalisti seri e affermati. Come tali, sono spesso invitati – e incoraggiati dai loro capi – ad accettare o perseguire opportunità per promuovere ed espandere il loro marchio, facendo talk show, scrivendo libri, dando discorsi, ecc. Mr. Williams, a differenza di altre notizie (molte di chi ha una formazione giornalistica), non ha mai scritto un libro (anche se ha parlato del suo amore per i libri sullo spettacolo Oprah Winfrey) ma è un regista dotato di talento per le battute di fumetti, come si evince dalle frequenti apparizioni su Jimmy Fallon spettacolo a tarda notte, dove avrebbero rallentato le notizie insieme. Come risultato del suo talento narratore sul circuito televisivo delle celebrità, il signor Williams ha avuto un Quoziente di riconoscimento molto alto (probabilmente è l'unico ancora di notizie di rete che è conosciuto per nome praticamente a tutti gli studenti americani delle scuole superiori e del college, la maggior parte chi ottiene le loro notizie da Jon Stewart – sul cui show Williams era un ospite frequente – piuttosto che le notizie notturne della NBC). La conseguente fama di Mr. Williams ha indubbiamente contribuito alle alte valutazioni del suo spettacolo, che ha fatto centinaia di milioni di dollari per la sua rete. Il plauso e l'incoraggiamento che il signor Williams ha ricevuto per la sua prodezza narrativa si stava ovviamente rafforzando per lui. Ciò lo ha portato a compiere il fatale passo falso di ripetere e abbellire ancora una volta la sua storia in Iraq prima di 18.000 fan di hockey e un pubblico televisivo di milioni, alcuni dei quali hanno accesso a Facebook, un'innovazione tecnologica che è un ottimo meccanismo di correzione della menzogna disponibile per le persone che in precedenza potrebbero non aver saputo come ottenere facilmente le loro preoccupazioni conosciute e affrontate.

Fattori cognitivi che contribuiscono alle bugie di Brian Williams

Per essere un bugiardo di successo, si deve essere in grado di: (a) sapere quando si sta mentendo, (b) calcolare i rischi di essere esposti, (c) riconoscere quando la conseguenza dell'esposizione è così grande da non rendere la menzogna vale la pena e (d) continua a raccontare la bugia in modo congruente con le versioni precedenti. Fare questo non è facile, ed è una delle ragioni per cui la verità è una politica migliore (è più facile ricordare un evento o un'azione quando è realmente accaduto). Come regola generale, le bugie dovrebbero essere usate con parsimonia e dovrebbero allinearsi il più fedelmente possibile alla verità effettiva. In altre parole, l'abbellimento è ok (o almeno perdonabile) quando viene fatto di rado, detto a un pubblico improbabile che possa obiettare, e non si allontana troppo da ciò che è realmente accaduto. Una persona intelligente capirà alla fine che la mentalità abituale comporta rischi significativi e arriverà a ridurre le menzogne, a dirle con più cautela, oa eliminarle del tutto.

È possibile che Brian Williams non sia intelligente come tutti credono di essere. La sua storia accademica è la meno distinta, per usare un eufemismo, di tutte le notizie importanti. Ha frequentato tre college, fissando con un college comunitario, e alla fine ha abbandonato dopo diversi anni con un totale di 18 crediti universitari accumulati. Probabilmente ha iniziato a scalare la scala dei notiziari televisivi con un volto molto carino, insieme a una personalità molto vincente. Non conosco le ragioni della storia accademica drammaticamente debole di Williams, ma in genere la mancanza di capacità di fare lavori a livello universitario è un fattore che contribuisce. Anche se non è questo il caso, è molto probabile che Brian Williams sia imbarazzato per la sua profonda assenza di formazione accademica, e di conseguenza sente la necessità di compensare questo problema trasmettendo scoop non ottenuti da colleghi che sono molto più qualificati professionalmente. Mentire come una via per il progresso del giornalismo è tutt'altro che raro, come hanno dimostrato diversi scandali sulle storie inventate da giornali e riviste negli ultimi anni.

La non-follia (cioè saggezza o buon senso) implica riconoscere e dare un peso sufficiente a rischi relativamente ovvi. Raccontare bugie su ciò che Williams ha vissuto di prima mano quando a New Orleans durante Katrina era molto più facile da cavarsela, per la semplice ragione che nessuno poteva provare in modo definitivo ciò che faceva o non vedeva o sentiva, guardando fuori dalla finestra della sua stanza d'albergo o in altri luoghi quando non sono accompagnati da altri. Mentire di un episodio accaduto quando si era su un elicottero con soldati e colleghi (e non sull'elicottero abbattuto, dove c'erano anche soldati) è molto più difficile riuscire a farla franca in modo permanente, soprattutto considerando che quei soldati probabilmente avevano un un forte motivo per mettere le cose in chiaro (a differenza dei suoi colleghi, che probabilmente avevano una forte riluttanza ad affrontare il loro potente capo). Per Williams pensare di poter continuare a raccontare per sempre la trama inventata dell'Iraq senza essere stato chiamato da uno dei tanti testimoni della verità è semplicemente sbalorditivo, un segno di stupidità o di psicopatologia o di entrambi.

Fattori di personalità che contribuiscono alle bugie di Brian Williams

Preferisco evitare di usare etichette psichiatriche come il Disturbo di personalità narcisistico, ma le stelle televisive e cinematografiche hanno in genere forti tendenze narcisistiche (sia intrinseche che incoraggiate dai sincopanti), e Williams probabilmente non fa eccezione. Un indizio interessante per la personalità di Williams deriva dal fatto che quando Jay Leno stava per lasciare il ruolo di conduttore del programma "Tonight" della NBC, Brian Williams avrebbe lanciato il suo cappello sul ring e ha chiesto a ups alla rete (che immediatamente silurò l'idea) per considerarlo per il lavoro. Ovviamente, Williams si considerava un grande talento come comico e intrattenitore, un ruolo che aveva perfezionato attraverso le apparizioni su Saturday Night Live (dove era ospite ospite), il Daily Show, David Letterman e molti altri luoghi simili. Raccontare storie divertenti (piuttosto che un vero e proprio giornalismo) era il suo patrimonio commerciale, e non sorprende che abbia usato quel talento in ogni occasione.

La personalità è un termine che si riferisce a tratti comportamentali, tendenze e bisogni che aiutano a definire una determinata persona. Raccontare bugie su se stesso, allo scopo di creare una storia divertente in cui è apparso in una luce positiva, è un tratto che sicuramente aiuta a definire Brian Williams. Tali tendenze sono lontane, come quando ha esagerato il suo ruolo di soccorritore di cuccioli quando era un volontario vigile del fuoco durante i suoi anni di scuola superiore nel New Jersey. Nelle sue storie, il signor Williams spesso si dipingeva in una luce quasi eroica, o almeno come coinvolto in situazioni pericolose in cui si associava ad altri che erano eroici, come era certamente il caso della sua storia in Iraq. Sono generalmente contrario alla psicoanalisi di personaggi pubblici che non conosco personalmente, quindi resisterò a speculare su dove sia venuta questa esigenza di gloria riflessa o reale, ma non ho dubbi che abbia un tale bisogno. Brian Williams ha, apparentemente, molte qualità positive, come si evince da numerosi atti caritatevoli e dalle gentilezze a cui è stato attribuito il ruolo di attore nel corso degli anni. Sfortunatamente, il fatto di essere una delle figure più rispettate nel giornalismo televisivo non era abbastanza per lui, e il suo bisogno di continuare a raccontare storie sulla sua fantasia di pericolo e di eroismo in Iraq ha portato alla sua rovina.

Conclusione

Tutte le persone mentono, se risparmiare i sentimenti di qualcuno, evitare di mettersi nei guai, gonfiare la propria importanza o raggiungere un obiettivo desiderato. Mentire è qualcosa che inizia intorno all'età di due o tre anni, anche se capire che uno sta mentendo inizia intorno all'età di quattro anni. Mentire efficace richiede la capacità di prendere la prospettiva del proprio ascoltatore (che inizia a svilupparsi imperfettamente intorno all'età di sette anni), motivo per cui i bambini sono terribili bugiardi (si pensa alla bambina di tre anni chiesta da sua madre dove la pozzanghera ai suoi piedi è venuto risposto "le mie scarpe l'hanno fatto"). Invecchiando, la maggior parte di noi impara che mentire comporta rischi. Apparentemente Brian Williams non imparò mai appieno quella lezione, o almeno abbastanza bene da impedirgli di distruggere una carriera di prima classe e di imbrogliare per sempre la sua reputazione di uomo onorevole, per non dire intelligente.

Un'ironia interessante che è stata molto nota è che lo stesso giorno in cui Brian Williams è stato sospeso è stato anche il giorno in cui Jon Stewart ha annunciato il suo imminente ritiro come conduttore del "The Daily Show." Ironicamente, fino alla morte di Brian Williams, lui e Jon Stewart erano coerentemente classificate come le due persone più fidate nel settore delle notizie, con la svolta che il signor Stewart descrive come un "finto spettacolo". Quindi ecco una domanda, che sospetto sia già stata indirizzata alle persone che gestiscono Commedia Central (la rete proprietaria di The Daily Show): "chi è più adatto a sostituire un finto giornalista molto famoso con talenti comici che racconta storie spesso vere, di un'ancora ugualmente famosa attrice con talenti comici che racconta storie vere che a volte sono falsi? "

Copyright Stephen Greenspan

Solutions Collecting From Web of "Quando mentire è insensato"