Quando Martin Luther King, Jr si rivolse agli scienziati sociali

Nel settembre del 1967, Martin Luther King Jr. aveva solo 38 anni, ma era già presidente della Southern Christian Leadership Conference e vincitore del Nobel per la pace quando salì sul podio alla Convention annuale dell'APA a Washington, DC

Una rilettura del suo potente indirizzo oggi cattura il tono urgente degli anni '60. In esso ha esortato gli scienziati sociali della nazione a "raccontarlo come è". Questo indirizzo alla convenzione APA, con l'invito dello SPSSI, è stato indirizzato a "amici interessati di buona volontà", ed è stato il suo appello alla comunità delle scienze sociali per aiuto nel cambiare una società "avvelenata nella sua anima dal razzismo".

Ecco il testo completo del suo discorso. Siate ispirati a usare la scienza per una politica solida come quegli scienziati devono essere stati nel lasciare la convenzione nel 1967.

=======

MLK
Fonte: MLK

Il ruolo dello scienziato comportamentale nel movimento per i diritti civili

È sempre un'esperienza ricca e gratificante quando posso fare una breve pausa dalle richieste quotidiane della nostra lotta per la libertà e la dignità umana e discutere le questioni coinvolte in quella lotta con gli amici di buona volontà interessati in tutta la nazione . È particolarmente un grande privilegio discutere questi problemi con i membri della comunità accademica, che scrivono e affrontano costantemente i problemi che affrontiamo e che hanno la tremenda responsabilità di plasmare le menti di giovani uomini e donne in tutto il paese.

Il movimento per i diritti civili ha bisogno dell'aiuto degli scienziati sociali.

Nella prefazione al loro libro, Applied Sociology (1965), SM Miller e Alvin Gouldner affermano: "È la missione storica delle scienze sociali consentire all'umanità di prendere possesso della società." Ne consegue che per i negri che sono sostanzialmente esclusi da società questa scienza è necessaria ancora più disperatamente di qualsiasi altro gruppo nella popolazione.

Per gli scienziati sociali, l'opportunità di servire in uno scopo vitale è una sfida umanista di rara distinzione. Anche i negri sono desiderosi di un incontro con la verità e la scoperta. Siamo consapevoli che gli scienziati sociali, a differenza di alcuni dei loro colleghi nelle scienze fisiche, sono stati risparmiati dai cupi sentimenti di colpevolezza che hanno assistito all'invenzione delle armi nucleari di distruzione. Gli scienziati sociali, nel complesso, sono fortunati ad essere capaci di estirpare il male, non di inventarlo.

Se il negro ha bisogno delle scienze sociali per orientarsi e per comprendere se stesso, la società bianca ha ancora più bisogno urgente. L'America bianca ha bisogno di capire che è avvelenata dalla sua anima dal razzismo e che la comprensione deve essere attentamente documentata e di conseguenza più difficile da respingere. L'attuale crisi sorge perché, sebbene sia storicamente imperativo che la nostra società faccia il passo successivo verso l'uguaglianza, ci troviamo imprigionati psicologicamente e socialmente. Troppi americani bianchi sono inorriditi non con condizioni di vita negra ma con il prodotto di queste condizioni: lo stesso negro.

L'America bianca sta cercando di mantenere i muri della segregazione sostanzialmente intatti mentre l'evoluzione della società e la disperazione del negro stanno causando la loro crollatura. La maggioranza bianca, impreparata e riluttante ad accettare un radicale cambiamento strutturale, sta resistendo e producendo caos mentre si lamenta che se non ci fosse stato il caos, il cambiamento ordinato sarebbe arrivato.

I negri vogliono che lo scienziato sociale si rivolga alla comunità bianca e "lo dica come è". L'America bianca ha una spaventosa mancanza di conoscenza riguardo alla realtà della vita negra. Una delle ragioni per cui nel sud degli ultimi decenni furono fatti alcuni passi avanti fu la scoperta da parte dei bianchi del nord dei fatti brutali della vita segregazionista meridionale. Fu il negro che educò la nazione drammatizzando i mali attraverso la protesta nonviolenta. Lo scienziato sociale ha giocato poco o nessun ruolo nel rivelare la verità. Il movimento d'azione negro con crudo coraggio lo fece praticamente da solo. Quando la maggioranza del paese non ha potuto vivere con gli estremi della brutalità a cui hanno assistito, sono stati promulgati i rimedi politici e le abitudini sono state modificate.

Questi anticipi parziali furono tuttavia limitati principalmente al Sud e il progresso non si diffuse automaticamente in tutta la nazione. C'era anche poca profondità nei cambiamenti. L'America bianca ha fermato l'omicidio, ma non è la stessa cosa che ordinare la fratellanza; né la fine del governo del lynch è la stessa cosa dell'inaugurazione della giustizia.

Dopo alcuni anni di unità negro-bianca e parziale successo, l'America bianca cambiò marcia e andò al rovescio. I negri, vivi di speranza ed entusiasmo, si imbattono in una resistenza bianca fortemente irrigidita a tutti i livelli e scoppiano aspre tensioni in episodi sporadici di violenza. Nuove linee di ostilità furono tracciate e l'era del buon sentimento scomparve.

Il decennio dal 1955 al 1965, con i suoi elementi costruttivi, ci ingannò. Tutti, attivisti e sociologi, hanno sottovalutato la quantità di violenza e di rabbia che i negri stavano sopprimendo e la quantità di bigottismo che la maggioranza bianca stava camuffando.

La scienza avrebbe dovuto essere impiegata più pienamente per avvertirci che il negro, dopo 350 anni di handicap, impantanato in un'intricata rete di barriere contemporanee, non poteva essere introdotto nell'uguaglianza con cambiamenti precoci e superficiali.

Le proteste di massa nonviolente, un'invenzione sociale dei negri, furono efficaci a Montgomery, Birmingham e Selma nel forzare una legislazione nazionale che servì a cambiare la vita dei negri in misura sufficiente a frenare le esplosioni. Ma quando i cambiamenti furono confinati al solo Sud, il Nord, in assenza di cambiamenti, cominciò a ribollire.

Il movimento per la libertà non ha adattato le sue tattiche alle diverse e uniche condizioni urbane del nord. Non riuscì a vedere che le marce nonviolente nel Sud erano forme di ribellione. Quando i negri si impadronivano delle strade e dei negozi, la società meridionale scuoteva le radici. I negri potevano contenere la loro rabbia quando hanno trovato i mezzi per forzare cambiamenti relativamente radicali nel loro ambiente.

Al nord, invece, le dimostrazioni di strada non erano nemmeno una mite espressione di militanza. Il tumulto delle città assorbe le manifestazioni come un dramma puramente transitorio che è ordinario nella vita di città. Senza una tattica più efficace per sconvolgere lo status quo, la struttura di potere potrebbe mantenere la sua intransigenza e ostilità. Nel vuoto dell'inerzia, la violenza e le rivolte scorrevano e si apriva un nuovo periodo.

Rivolte urbane.

Le rivolte urbane devono ora essere riconosciute come fenomeni sociali durevoli. Possono essere deplorati, ma sono lì e dovrebbero essere capiti. Le rivolte urbane sono una forma speciale di violenza. Non sono insurrezioni. I rivoltosi non cercano di conquistare territori o di ottenere il controllo delle istituzioni. Sono principalmente destinati a scioccare la comunità bianca. Sono una forma distorta di protesta sociale. Il saccheggio, che è la loro caratteristica principale, ha molte funzioni. Permette al negro più furioso e indifeso di impossessarsi dei beni di consumo con la facilità che l'uomo bianco fa usando la sua borsa. Spesso il negro non vuole nemmeno ciò che prende; lui vuole l'esperienza del prendere. Ma soprattutto, alienato dalla società e sapendo che questa società ama le proprietà al di sopra delle persone, è scioccante abusando dei diritti di proprietà. Ci sono quindi elementi di catarsi emotiva nell'atto violento. Questo potrebbe spiegare perché la maggior parte delle città in cui si sono verificati disordini non abbiano avuto una ripetizione, anche se permangono le condizioni causali. È anche degno di nota il fatto che la quantità di danni fisici inflitti ai bianchi diversi dalla polizia è infinitesimale e nei bianchi e nei neri di Detroit saccheggiati in unità.

Un profondo giudizio delle rivolte di oggi è stato espresso da Victor Hugo un secolo fa. Disse: "Se un'anima viene lasciata nell'oscurità, i peccati saranno commessi. Il colpevole non è colui che commette il peccato, ma colui che causa l'oscurità. "

I politici della società bianca hanno causato l'oscurità; creano discriminazione; hanno strutturato baraccopoli; e perpetuano la disoccupazione, l'ignoranza e la povertà. È incontestabile e deplorevole che i negri abbiano commesso reati; ma sono crimini derivati. Sono nati dai maggiori crimini della società bianca. Quando chiediamo ai negri di rispettare la legge, chiediamo anche che l'uomo bianco rispetti la legge nei ghetti. Giorno dopo giorno, viola le leggi sul welfare per privare i poveri dei loro miseri averi; viola in modo flagrante i regolamenti edilizi; la sua polizia si burla della legge; e viola le leggi sulla parità di impiego e istruzione e le disposizioni per i servizi civici. Gli slum sono il frutto di un sistema vizioso della società bianca; I negri vivono in loro ma non li rendono più di quanto un prigioniero faccia una prigione. Diciamo con coraggio che se le violazioni della legge da parte del bianco nei bassifondi nel corso degli anni sono state calcolate e confrontate con la violazione della legge di alcuni giorni di disordini, il criminale incallito sarebbe l'uomo bianco. Queste sono spesso cose difficili da dire, ma sono venuto a vedere sempre di più che è necessario pronunciare la verità per affrontare i grandi problemi che affrontiamo nella nostra società.

Guerra del Vietnam.

C'è un'altra causa di scontri che è troppo importante per parlare casualmente: la guerra in Vietnam. Anche in questo caso, abbiamo a che fare con una questione controversa. Ma sono convinto che la guerra in Vietnam abbia devastato i nostri destini domestici. Le bombe che cadono in Vietnam esplodono a casa. Non ci vuole molto per vedere quale grande danno ha causato questa guerra all'immagine della nostra nazione. Ha lasciato il nostro paese politicamente e moralmente isolato nel mondo, dove i nostri unici amici erano nazioni fantoccio come Taiwan, Thailandia e Corea del Sud. I principali alleati nel mondo che sono stati con noi in guerra e pace non sono con noi in questa guerra. Di conseguenza ci troviamo isolati socialmente e politicamente.

La guerra in Vietnam ha squarciato l'accordo di Ginevra. Ha gravemente compromesso le Nazioni Unite. Ha esacerbato gli odi tra i continenti e, peggio ancora, tra le razze. Ha frustrato il nostro sviluppo domestico dicendo ai nostri cittadini svantaggiati che poniamo insaziabili richieste militari al di sopra dei loro bisogni più importanti. Ha notevolmente contribuito alle forze di reazione in America e ha rafforzato il complesso militare-industriale, contro il quale persino il presidente Eisenhower ci ha solennemente messo in guardia. Ha praticamente distrutto il Vietnam e lasciato migliaia di giovani americani e vietnamiti mutilati e mutilati. E ha esposto il mondo intero al rischio della guerra nucleare.

Mentre guardavo cosa stava facendo questa guerra alla nostra nazione, alla situazione interna e al movimento per i diritti civili, ho ritenuto necessario parlare vigorosamente contro di essa. Il mio parlare contro la guerra non è andato senza critiche. C'è chi mi dice che dovrei attenermi ai diritti civili e rimanere al mio posto. Posso solo rispondere che ho combattuto troppo duramente per porre fine alle segregate strutture pubbliche per segregare le mie preoccupazioni morali. Sono profondamente convinto che la giustizia sia indivisibile, che l'ingiustizia ovunque sia una minaccia per la giustizia ovunque. Per quelli che mi dicono che sto ferendo il movimento per i diritti civili, e chiedo: "Non pensi che per essere rispettato, e per riconquistare il sostegno, devi smettere di parlare contro la guerra?" Posso solo dire che Non sono un leader di consenso. Non cerco di determinare cosa sia giusto o sbagliato prendendo un sondaggio di galoppo per determinare l'opinione della maggioranza. Ed è ancora una volta la mia profonda convinzione che in definitiva un vero leader non è un ricercatore del consenso, ma un modellatore di consenso. Su alcune posizioni la codardia pone la domanda: "È sicuro ?!" La convenienza pone la domanda: "È politicizzato?" Vanity pone la domanda: "È popolare?" Ma la coscienza deve porre la domanda: "È giusto ?! "E arriva un momento in cui si deve prendere una posizione che non è né sicura, né politica, né popolare. Ma bisogna prenderlo perché è giusto. Ed è qui che mi trovo oggi.

Inoltre, sono convinto che, anche se la guerra dovesse continuare, un vero e proprio grande atto di preoccupazione farà di più per sedare le rivolte rispetto al più massiccio dispiegamento di truppe.

Disoccupazione.

La disoccupazione dei giovani negri arriva fino al 40% in alcuni quartieri poveri. Le rivolte sono quasi interamente eventi giovanili – la fascia d'età dei partecipanti va dai 13 ai 25. Che ipocrisia è parlare di salvare la nuova generazione – farne la generazione di speranza – mentre la si consegna alla disoccupazione e provocarla a violente alternative .

Quando la nostra nazione era in bancarotta negli anni Trenta, abbiamo creato un'agenzia per fornire lavoro a tutti con il loro attuale livello di abilità. Nella nostra opulenta ricchezza oggi quale scusa c'è per non istituire immediatamente un'agenzia nazionale per la piena occupazione?

L'altro programma che darebbe realtà alla speranza e alle opportunità sarebbe la demolizione degli slum da sostituire con abitazioni decenti costruite dai residenti dei ghetti.

Questi programmi non sono solo eminentemente validi e di vitale necessità, ma hanno il supporto di una stragrande maggioranza di bianchi e neri. Il sondaggio Harris del 21 agosto 1967 ha rivelato che un sorprendente 69% del paese sostiene un programma di lavoro per fornire lavoro a tutti e un altrettanto sorprendente 65% approva un programma per abbattere gli slum.

Esiste un programma e vi è un forte sostegno della maggioranza. Eppure, l'amministrazione e il Congresso armeggiano con banali proposte per limitare i costi in una scommessa stravagante con il disastro.

Il presidente si è lamentato di non poter persuadere il Congresso. Può, se c'è la volontà, andare dalle persone, mobilitare il sostegno popolare e quindi aumentare in modo sostanziale il suo potere di persuadere il Congresso. Il nostro compito più urgente è trovare le tattiche che spingeranno il governo, non importa quanto sia determinato a resistere.

Disobbedienza civile.

Credo che dovremo trovare il mezzo militante tra le rivolte da una parte e la supplica debole e timida per la giustizia dall'altra parte. Questa via di mezzo, credo, è la disobbedienza civile. Può essere aggressivo ma non violento; può dislocare ma non distruggere. La pianificazione specifica richiederà alcuni studi e analisi per evitare errori del passato quando è stata utilizzata su una scala troppo piccola e sostenuta troppo brevemente.

La disobbedienza civile può ripristinare l'unità bianco-nero. Ci sono state alcune voci bianche molto sensate anche durante i momenti più disperati delle rivolte. Una ragione è che la crisi urbana interseca la crisi dei negri nella città. Molti decisori bianchi non si preoccupano molto di salvare i negri, ma devono preoccuparsi di salvare le loro città. La grande maggioranza della produzione viene creata nelle città; la maggior parte degli americani bianchi vive in loro. I sobborghi a cui fuggono non possono esistere distaccati dalle città. Quindi potenti elementi bianchi hanno obiettivi che si fondono con i nostri.

Ruolo per lo scienziato sociale

Ora ci sono molti ruoli per gli scienziati sociali nell'affrontare questi problemi. Kenneth Clark ha detto che i negri sono mossi da un istinto suicida in rivolta e i negri sanno che c'è una tragica verità in questa osservazione. Gli scienziati sociali dovrebbero anche rivelare l'istinto suicida che governa l'amministrazione e il Congresso nella loro totale incapacità di rispondere costruttivamente.

Quali altre aree ci sono per gli scienziati sociali per assistere il movimento per i diritti civili? Ce ne sono molti, ma vorrei suggerire tre perché hanno una qualità urgente.

Le scienze sociali possono essere in grado di cercare alcune risposte al problema della leadership dei negri. E. Franklin Frazier, nel suo profondo lavoro, la borghesia nera, depose dolorosamente la tendenza del negro mobile verso l'alto a separarsi dalla sua comunità, a separarsi dalla responsabilità per essa, senza riuscire ad ottenere l'accettazione nella comunità bianca. Ci sono stati significativi miglioramenti dai giorni in cui Frazier ha studiato, ma chiunque sia a conoscenza della vita dei negri sa che la sua classe media non sta ancora sopportando il suo peso. Ogni rivolta ha portato un forte sottofondo di ostilità dei negri di classe inferiore verso il ricco Negro e viceversa. Nessuno studio contemporaneo di profondità scientifica ha completamente studiato questo problema. Le scienze sociali dovrebbero essere in grado di suggerire meccanismi per creare una salutare unità nera e un senso di umanità mentre procede il processo di integrazione.

Come esempio di questa lacuna nella ricerca, non ci sono studi, a mia conoscenza, per spiegare adeguatamente l'assenza di leadership sindacale negro. L'otto-cinque per cento dei negri sono lavoratori. Circa due milioni fanno parte dei sindacati, ma in 50 anni abbiamo prodotto un solo leader nazionale-A. Philip Randolph.

La discriminazione spiega molto, ma non tutto. L'immagine è così scura che anche alcuni raggi di luce possono segnalare una direzione utile.

Azione politica.

La seconda area per l'esame scientifico è l'azione politica. Negli ultimi due decenni, i negri hanno speso più sforzi nella ricerca del franchise di quanto non abbiano in tutte le altre campagne combinate. Dimostrazioni, sit-in e marce, anche se più spettacolari, sono rimpiccioliti dall'enorme numero di ore lavorate per registrare milioni, in particolare nel sud. Organizzazioni negre da militanti estremi a persuasione conservatrice, leader negri che non si sarebbero nemmeno parlati, tutti sono stati d'accordo sull'importanza chiave del voto. Stokely Carmichael ha detto che il potere nero significa il voto e Roy Wilkins, mentre dice che il potere nero significa morte nera, ha anche cercato energicamente il potere del voto.

Un recente importante lavoro degli scienziati sociali Matthew e Prothro conclude che "I benefici concreti che derivano dal franchising, in condizioni che prevalgono nel Sud, sono stati spesso esagerati." "Il voto non è la chiave che aprirà la porta a uguaglianza razziale perché "i profitti misurabili concreti dal voto negro nel Sud non saranno rivoluzionari" (1966).

James A. Wilson sostiene questo punto di vista, sostenendo: "A causa della struttura della politica americana e della natura della comunità negra, la politica negra realizzerà solo obiettivi limitati" (1965).

Se la loro conclusione può essere sostenuta, lo sforzo maggiore che i negri hanno investito negli ultimi 20 anni è stato nella direzione sbagliata e il pilastro principale della loro speranza è un pilastro di sabbia. Il mio istinto è che queste opinioni sono essenzialmente errate, ma devono essere seriamente esaminate.

La necessità di uno studio scientifico massiccio e penetrante su questo argomento non può essere sopravvalutata. Lipset nel 1957 asserì che una limitazione della focalizzazione nella sociologia politica ha portato al fallimento di molte ricerche contemporanee a considerare una serie di importanti questioni teoriche. Il tempo è breve per le scienze sociali per illuminare quest'area di importanza critica. Se la spinta principale dello sforzo negro è stata, e rimane, sostanzialmente irrilevante, potremmo trovarci di fronte a una crisi angosciosa di teoria tattica.

La terza area di studio riguarda i cambiamenti psicologici e ideologici nei negri. Ora è di moda essere pessimisti. Innegabilmente, il movimento per la libertà ha incontrato battute d'arresto. Eppure continuo a credere che ci siano significativi aspetti del progresso.

I negri oggi stanno vivendo una trasformazione interiore che li sta liberando dalla dipendenza ideologica dalla maggioranza bianca. Ciò che è penetrato sostanzialmente in tutti gli strati della vita negra è l'idea rivoluzionaria che la filosofia e la morale della società bianca dominante non siano santi o sacri, ma in tutti i troppi aspetti sono degenerati e profani.

I negri sono stati oppressi per secoli non solo da vincoli di servitù economica e politica. L'aspetto peggiore della loro oppressione era la loro incapacità di mettere in discussione e sfidare i precetti fondamentali della società più grande. I negri sono stati riluttanti nel passato a scagliare qualsiasi sfida fondamentale perché sono stati costretti e condizionati a pensare nel contesto dell'ideologia dominante bianca. Questo sta cambiando e nuove tendenze radicali stanno comparendo nel pensiero dei Negri. Uso radicalmente in senso lato per riferirmi al raggiungimento delle radici.

Dieci anni di lotta hanno sensibilizzato e aperto gli occhi del negro al raggiungimento. Per la prima volta nella loro storia, i negri hanno preso coscienza delle cause più profonde della crudezza e della crudeltà che hanno governato le risposte della società bianca ai loro bisogni. Scoprirono che la loro situazione non era una conseguenza di un pregiudizio superficiale, ma era sistemica.

I colpi sferraglianti di contraccolpi e lancinanti hanno ferito il negro, ma lo hanno anche risvegliato e hanno rivelato la natura dell'oppressore. Perdere le illusioni è guadagnare la verità. I negri sono diventati più saggi e più maturi e stanno sentendo più chiaramente coloro che stanno sollevando domande fondamentali sulla nostra società, sia che i critici siano negri o bianchi. Quando questo processo di consapevolezza e indipendenza si cristallizza, ogni rimprovero, ogni evasione, diventano colpi di martello sul cuneo che divide il negro dalla società più grande.

La scienza sociale è necessaria per spiegare dove ci porterà questo sviluppo. Ci stiamo allontanando non dall'integrazione, ma dalla società che l'ha reso un problema in primo luogo? Quanto è profondo ea quale velocità si verifica questo processo? Queste sono alcune domande vitali a cui rispondere se vogliamo avere un chiaro senso della nostra direzione.

Sappiamo di non aver trovato le risposte a tutte le forme di cambiamento sociale. Sappiamo, tuttavia, che abbiamo trovato alcune risposte. Abbiamo raggiunto e siamo fiduciosi. Sappiamo anche che ora ci troviamo di fronte a complessità molto più grandi e non abbiamo ancora scoperto tutta la teoria di cui abbiamo bisogno.

E posso dire insieme, dobbiamo risolvere i problemi proprio qui in America. Come ho detto più e più volte, i negri hanno ancora fiducia in America. I neri hanno ancora fiducia in un sogno che un giorno vivremo tutti insieme come fratelli in questo paese di abbondanza.

Ma ero angosciato quando lessi sul New York Times del 31 agosto 1967; che un sociologo della Michigan State University, presidente uscente dell'American Sociological Society, ha dichiarato a San Francisco che ai negri dovrebbe essere data la possibilità di trovare una comunità di negri in tutto il Sud America: "che le valli delle Ande sarebbero un ideale posto per i negri americani per costruire un secondo Israele ". Ha inoltre dichiarato che" il governo degli Stati Uniti dovrebbe negoziare per un terreno remoto ma fertile in Ecuador, Perù o Bolivia per questo trasferimento ".

Sento che è piuttosto assurdo e terrificante che un importante scienziato sociale oggi suggerisca ai neri, che dopo tutti questi anni di sofferenza, uno sfruttamento e un investimento nel sogno americano, dovremmo girare e correre a questo punto in storia. Dico che non correremo! Il professor Loomis ha persino paragonato il compito di trasferimento del negro al compito di trasferimento degli ebrei in Israele. Gli ebrei furono fatti esuli. Non hanno scelto di abbandonare l'Europa, sono stati cacciati. Inoltre, Israele ha una profonda tradizione e radici bibliche per gli ebrei. Il Muro del Pianto è un buon esempio di queste radici. Avevano anche un significativo aiuto finanziario dagli Stati Uniti per lo spostamento e la ricostruzione. Quale tradizione hanno le Ande, specialmente la valle delle Ande, per i negri?

E asserisco in questo momento che ancora una volta dobbiamo riaffermare la nostra convinzione di costruire una società democratica, in cui neri e bianchi possano vivere insieme come fratelli, dove vedremo tutti che l'integrazione non è un problema, ma un'opportunità per partecipare nella bellezza della diversità.

Il problema è profondo È gigantesco in estensione e caotico nei dettagli. E non credo che si risolverà finché non ci sarà una specie di scontento cosmico che si allarga nel seno delle persone di buona volontà in tutta questa nazione.

Ci sono alcune parole tecniche in ogni disciplina accademica che diventano presto stereotipi e persino cliché. Ogni disciplina accademica ha la sua nomenclatura tecnica. Tu che sei nel campo della psicologia ci hai dato una grande parola. È la parola disadattata. Questa parola è probabilmente usata più di ogni altra parola in psicologia. È una buona parola; certamente è bene che nel trattare ciò che implica la parola dichiari che il disadattamento distruttivo dovrebbe essere distrutto. Stai dicendo che tutti devono cercare la vita ben adattata per evitare personalità nevrotiche e schizofreniche.

Ma d'altra parte, sono sicuro che riconosceremo che ci sono alcune cose nella nostra società, alcune cose nel nostro mondo, alle quali non dovremmo mai essere adeguati. Ci sono alcune cose riguardo alle quali dobbiamo essere sempre disadattati se vogliamo essere persone di buona volontà. Non dobbiamo mai adattarci alla discriminazione razziale e alla segregazione razziale. Non dobbiamo mai adattarci al fanatismo religioso. Non dobbiamo mai adattarci alle condizioni economiche che prendono le necessità dai molti per offrire lussi a pochi. Non dobbiamo mai adattarci alla follia del militarismo e agli effetti autolesionistici della violenza fisica.

In un giorno in cui Sputnik, Esploratori e Gemelli stanno correndo attraverso lo spazio esterno, quando i missili balistici guidati stanno scavando superstrade della morte attraverso la stratosfera, nessuna nazione può finalmente vincere una guerra. Non è più una scelta tra violenza e nonviolenza, è o nonviolenza o inesistenza. Come dichiarò il presidente Kennedy: "L'umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra metterà fine all'umanità". E quindi l'alternativa al disarmo, l'alternativa a una sospensione nello sviluppo e nell'uso di armi nucleari, l'alternativa al rafforzamento del Le Nazioni Unite e infine il disarmo del mondo intero, potrebbero benissimo essere una civiltà precipitata nell'abisso dell'annientamento. Il nostro habitat terrestre sarà trasformato in un inferno che nemmeno Dante poteva immaginare.

Disadattamento creativo.

Quindi, potrebbe benissimo essere che il nostro mondo ha un disperato bisogno di una nuova organizzazione, l'Associazione Internazionale per l'Avanzamento del Maladjustment Creativo. Gli uomini e le donne dovrebbero essere disadattati quanto il profeta Amos, che in mezzo alle ingiustizie dei suoi giorni, potrebbe gridare con parole che echeggiano attraverso i secoli: "Lascia che la giustizia rotoli giù come acque e giustizia come una potente corrente" o disadattato come Abraham Lincoln, che nel bel mezzo delle sue vacillazioni arrivò finalmente a vedere che questa nazione non poteva sopravvivere a metà schiava e metà libera; o come disadattato come Thomas Jefferson, che nel bel mezzo di un'età incredibilmente adattata alla schiavitù, potrebbe grattare attraverso le pagine della storia, parole innalzate a proporzioni cosmiche: "Riteniamo che queste verità siano autoevidenti, che tutti gli uomini siano creati uguali. Che sono dotati dal loro creatore di certi diritti inalienabili. E tra questi ci sono la vita, la libertà e la ricerca della felicità. "E attraverso tale disadattamento creativo, potremmo essere in grado di emergere dalla desolata e desolata mezzanotte della disumanità dell'uomo all'uomo, nel luminoso e scintillante giorno della libertà e della giustizia .

Non ho perso la speranza. Devo confessare che questi sono stati giorni molto difficili per me personalmente. E questi sono stati giorni difficili per ogni leader dei diritti civili, per ogni amante della giustizia e della pace.

Solutions Collecting From Web of "Quando Martin Luther King, Jr si rivolse agli scienziati sociali"