Quando l'immagine di sé è in conflitto con il pensiero positivo

Penso di poter affermare con sicurezza che a tutti piace sentirsi bene con noi stessi, anche se questo è più facile per alcuni di noi rispetto ad altri. Secondo lo psicologo William Swann, siamo così motivati ​​da questo che tendiamo a considerarci in una luce positiva; lui chiama questo auto-miglioramento .

Hai mai notato, ad esempio, come la maggior parte della gente pensa a se stessa come leggermente più bella, un po 'più luminosa e più sensata rispetto alla persona media? Secondo Swann, siamo inclini a vederci in questi modi; usare l'auto-miglioramento, anche quando è meno che accurato.

Come ho descritto nel mio post precedente, trovando la strada giusta per cambiare , Swann ha anche identificato un'altra fonte interna di motivazione, auto-verifica . L'auto-verifica si riferisce alla nostra tendenza a convalidare le nostre opinioni esistenti su noi stessi, positive o negative. Questo ci aiuta a sentirci stabili e sicuri nel modo in cui ci vediamo, il che ci consente di sentirci sicuri di come pensiamo e agiamo nella nostra vita. ,, kkjj

Quando crediamo di essere bravi in ​​qualcosa, l'auto-valorizzazione e l'auto-verifica si uniscono come potenti motivatori. Quindi, se pensi di essere un giocatore di golf o un cantante di talento, inviti e credi alle lodi degli altri, vedi tutti i modi in cui eccelli e riduci i limiti. In questi modi, sentirsi bene crea uno slancio a sé stante.

Ma cosa succede quando l'auto-valorizzazione e il conflitto di auto-verifica? Ad esempio, se metti in dubbio le tue capacità di genitore, cosa succede quando un amico ti elogia con i tuoi genitori? Secondo Swann, all'inizio potresti sentirti meglio, ma la tua auto-valutazione "onesta" negativa inevitabilmente vincerà. Cercherai dei modi per dimostrare che il tuo amico è solo gentile; e la tua guida per l'auto-valorizzazione passerà in secondo piano all'autoverifica.

Tuttavia, possiamo sfidare la nostra spinta all'autocontrollo. Conosciamo tutti persone che hanno fatto questo e sono cambiate con successo. Ad esempio, a volte le persone che sono in sovrappeso da anni iniziano a mangiare in modo sano e costantemente perdendo peso; e altri che hanno abitualmente sottomesso cominciano a farsi valere. Come psicologo, sono stato benedetto nel vedere e far parte di molte persone cambiare in meglio. Ma ho visto anche persone che si arrendono. A volte la sfida è troppo grande e tornano ai loro vecchi modi. Quindi, mi sono spesso chiesto, cosa permette ad alcune persone – e non ad altre – di cambiare?

La teoria di Swann fornisce almeno una risposta parziale a questa importante domanda. Un fattore ha a che fare con il modo in cui visualizzi le caratteristiche che desideri modificare. Più centrale è la caratteristica di come ti vedi, più difficile sarà per te cambiare. Se ti definisci una persona che odia le luci della ribalta, è probabile che tu abbia grandi difficoltà a superare la tua fobia di parlare in pubblico. Tali tentativi andrebbero contro il modo in cui ti definisci una persona – e che ti piaccia o no, sarai sopraffatto dall'impulso di auto-verificare chi sei (qualcuno che preferisce essere nella folla piuttosto che davanti a uno ). Tuttavia, se a volte ti piace l'attenzione degli altri, la tua percezione di sé non sarà un ostacolo così forte per superare la tua fobia di parlare in pubblico.

Inoltre, più sei sicuro di avere un tratto particolare, più fortemente manterrai quella convinzione su di te. Ad esempio, sarà molto più difficile impegnarsi a smettere di fumare se si è profondamente convinti di non avere la forza di volontà per farlo. D'altra parte, anche un piccolo spiraglio di incertezza ti dà l'opportunità di prendere l'abitudine.

Le idee di Swann e le loro implicazioni hanno perfettamente senso per me. E più a lungo permetto alle sue idee di adattarsi al mio modo di pensare, più posso vedere l'autogiustificazione e l'auto-valorizzazione non solo in me stesso, nei miei amici e nei miei pazienti, ma anche nel mondo intorno a me; specialmente in politica … ma questa è un'altra questione …

La dottoressa Leslie Becker-Phelps è psicologa clinica in uno studio privato e fa parte dello staff medico del Somerset Medical Center di Somerville, nel New Jersey.

Solutions Collecting From Web of "Quando l'immagine di sé è in conflitto con il pensiero positivo"