Quando l'ansia significa sofferenza, la terapia può davvero aiutare?

La maggior parte delle forme di terapia mostrano risultati uguali. I risultati, tuttavia, non sono affidabili in modo affidabile. Per la regolazione emotiva, la maggior parte delle terapie si basa sulla funzione esecutiva nell'emisfero sinistro. Ma la funzione esecutiva, a sua volta emotivamente fragile, cade a pezzi quando il nostro bisogno di regolarci è più grande. Quando l'eccitazione diventa troppo alta, la funzione esecutiva viene sopraffatta e si spegne.

La neuroscienza ci ha fornito un modo più affidabile per regolare l'ansia. Ora sappiamo che una regolazione emotiva pesante dipende in larga misura dall'emisfero destro. Alcuni terapisti utilizzano intuitivamente e aiutano i loro clienti a sviluppare l'autoregolazione del cervello destro. Sfortunatamente, i terapeuti che non sono relazionalmente intuitivi applicano la terapia del "dipingere i numeri" che hanno appreso alla scuola elementare.

In "Emotion Coming of Age", Leslie Greenberg scrive "il campo deve ancora prestare un'adeguata attenzione ai processi impliciti e relazionali di regolazione". Greenberg afferma che esiste un "processo implicito fondamentale di regolazione dell'intelletto compiuto dall'emisfero destro. . . per consentire il. . . costruzione di. . . capacità di regolazione automatica delle emozioni. . . importante per il cambiamento duraturo. "

Perché il cervello giusto regoli le emozioni, lo sviluppo è necessario. Probabilmente conosci persone che non sono turbate dall'ansia. Sono stati abbastanza fortunati da sviluppare la regolazione automatica inconscia di cui Greenberg sta parlando all'inizio della vita.

Come hanno sviluppato ciò di cui avevano bisogno? Lo sviluppo è "dipendente dalla relazione". Quando siamo con una persona calma, ci sentiamo meno ansiosi. E se la persona è completamente non giudicante, sentiamo che la nostra guardia è delusa e può sentirsi completamente a suo agio. Molto probabilmente durante la prima infanzia dell'amico non ansioso, quando ipereccitato, lui o lei erano costantemente abbastanza tranquilli da un caregiver in sintonia e non giudicante.

La chiave per un trattamento efficace per l'ansia è una relazione con un terapeuta non giudicante. Mentre discutete (discutete e sentite) di cose che scatenano angoscia, il vostro terapeuta deve prendere in ciò che dice e sentire ciò che sente. Nonostante condivida il contenuto e l'angoscia che si prova, il terapeuta autoregola la propria eccitazione. Scoprite che sentimenti impossibilmente difficili possono essere sentiti e regolati dall'eccitazione. Man mano che questo si integra, non devi più fare qualcosa (possibilmente autodistruttivo o non nel tuo migliore interesse) per liberarti di sentimenti apparentemente impossibili da sopportare. Puoi sentire i sentimenti e regolare l'eccitazione.

Questo non è solo apprendimento intellettuale. La condivisione non giudicante della tua esperienza da parte del terapeuta è rilassante. Stimola il nervo vago, che rallenta la frequenza cardiaca e attiva il calmante sistema nervoso parasimpatico. Lo sviluppo che dovrebbe aver avuto luogo in anticipo può svilupparsi ora quando la presenza calmante del vostro terapeuta viene stabilita dentro di voi e diventa associata a fattori scatenanti dell'ansia. Il calmante del terapeuta viene portato con te, psicologicamente attivo, anche da solo o con altre persone.

Questo approccio è descritto dettagliatamente nel libro di Allan Schore, The Science of the Art of Psychotherapy. e, poiché questo approccio si applica alla fobia, nel mio libro, SOAR: The Breakthrough Treatment for Fear of Flying.

Solutions Collecting From Web of "Quando l'ansia significa sofferenza, la terapia può davvero aiutare?"