Quando la propaganda del governo si maschera come scienza

Cinque anni fa, lo psicologo del Maryland Ed Pigott ha letto i primi risultati pubblicati del grande studio STAR * D del NIMH sugli antidepressivi e la depressione. Tuttavia, anche mentre leggeva quel primo articolo, aveva la sensazione che "l'ingegno di un ricercatore significativo fosse in atto". Da allora ha sistematicamente esposto l'inganno, pezzo per pezzo.

Il suo ultimo articolo sullo studio, "STAR * D: A Tale and Trail of Bias", è stato appena pubblicato su Ethical Human Psychology and Psychiatry . Ora sta anche scrivendo un blog sulle sue scoperte su madinamerica.com, e ha pubblicato dei documenti che ha fatto affidamento sulla sua "decostruzione" dello studio da $ 35 milioni.

Ecco un breve riassunto delle sue scoperte.

I. Lo studio è stato progettato per produrre un tasso di "remissione" inflazionato

Lo studio è stato progettato per valutare i risultati che si potrebbero ottenere con una cura acuta e continua esemplare. Ai pazienti che non hanno risposto a un primo antidepressivo verrà quindi offerto un secondo trattamento farmacologico, e così via attraverso quattro possibili regimi farmacologici.

Il protocollo consentiva l'arruolamento di pazienti che erano solo lievemente depressi (un punteggio di HRSD (Hamilton Rating Scale Depression) ≥ 14, mentre nella maggior parte degli studi sugli antidepressivi i pazienti devono avere un punteggio HRSD ≥ 20. Il protocollo consentito per uso liberale di farmaci diversi dagli antidepressivi.Il protocollo aveva anche una componente "educativa", che informava i pazienti e le loro famiglie che la depressione era una "malattia, come il diabete o l'ipertensione", e che questa malattia "può essere trattata con la stessa efficacia degli altri malattie. "Si diceva che queste caratteristiche del protocollo imitassero una cura esemplare del mondo reale.

Ma il protocollo includeva anche un metodo insolito per determinare se i pazienti avevano "rimesso". Durante le 14 settimane di trattamento acuto, i sintomi dei pazienti venivano valutati ogni due settimane. Ora i sintomi depressivi sono noti per incerarsi e calare, in particolare nei pazienti che sono solo debolmente depressi, e se un paziente – in una qualsiasi di queste valutazioni di due settimane – è stato valutato come sottoposto a remissione, il paziente è stato rimosso dalla parte acuta di il processo e portato al seguito a lungo termine, contrassegnato come rimesso sul farmaco. Quel paziente potrebbe essere di nuovo depresso nei giorni successivi, e alla fine di 14 settimane (e così goduto solo pochi giorni di sollievo) si è ritrovato depresso, ma sarebbe comunque stato conteggiato come paziente "rimesso" nella pubblicazione rapporti.

Scrive Pigott: "L'ho definito il design di ricerca 'tag, sei stato guarito', dal momento che una volta 'taggato', i pazienti sono stati conteggiati come rimessi senza la possibilità di rimandare incessantemente durante le settimane restanti di trattamento per acuti. Tutti sanno che la depressione passa e diminuisce. . . Non avevo mai visto un progetto di ricerca così palesemente distorto il cui scopo sembrava essere quello di gonfiare il tasso di remissione riportato. "

II. Varie manipolazioni statistiche sono state utilizzate per gonfiare il tasso di "remissione" riportato

I ricercatori di STAR * D hanno riportato sull'American Journal of Psychiatry che il "tasso complessivo di remissione cumulativa era del 67%", il che indicava un paradigma di cura che era altamente efficace. Ecco le principali macchinazioni statistiche – tutte rientranti nella categoria "cattiva scienza" – che i ricercatori hanno usato per produrre un risultato altamente gonfiato.

a) Sono stati arruolati 607 pazienti con un punteggio HRSD al basale <14 e, quindi, secondo il protocollo, non erano ammissibili per essere inclusi nell'analisi. Tuttavia, i ricercatori hanno incluso questo gruppo di pazienti al momento di riassumere i loro risultati nei loro rapporti pubblicati. Naturalmente, questi pazienti avevano maggiori probabilità di remissione rispetto a quelli con un punteggio HRSD al basale ≥ 14, e quindi includerli nei rapporti pubblicati ha gonfiato il tasso di remissione.

b) Ci sono stati 4041 pazienti (compresi i 607 non idonei per lo studio) che sono stati trattati con l'antidepressivo citalopram (Celexa) nella prima fase del trattamento. Di questo gruppo, 370 non è mai tornato per una seconda visita. I ricercatori avevano precedentemente deciso che qualsiasi paziente che fosse stato trattato con un antidepressivo e abbandonato (senza consentire ai ricercatori di prendere un "punteggio HRSD di uscita") sarebbe classificato come "non-remitter". Tuttavia, quando gli investigatori STAR * D hanno riferito i loro tassi di remissione cumulativa, hanno dichiarato che solo 3671 persone erano ammissibili per l'analisi, piuttosto che 4.041. I 370 che si ritirarono senza tornare per una seconda visita erano ora esclusi dal gruppo di studio. Ciò ha aumentato la percentuale di pazienti dichiarati rimessi durante le quattro fasi del trattamento, poiché il denominatore utilizzato in quel calcolo numerico (numero rimesso diviso per numero nel pool di studi) era ora inferiore a quello che avrebbe dovuto essere.

c) Il protocollo stabiliva che la scala HRSD sarebbe utilizzata per valutare i tassi di remissione e risposta, con un punteggio del paziente <7 sulla scala HRSD ritenuta rimessa. Il NIMH ha anche osservato che si trattava di una valutazione cieca: "Per garantire che non ci sarebbe pregiudizio nel valutare quanto bene ogni trattamento ha funzionato, le informazioni che sono state utilizzate per misurare i risultati di esito dello studio sono state raccolte sia da un clinico esperto sul telefono che non era a conoscenza del trattamento che i partecipanti stavano ricevendo e di un nuovo sistema interattivo di risposta vocale basato su computer. "

Tuttavia, i medici hanno anche utilizzato l'inventario rapido dei sintomi depressivi (QIDS-SR) per valutare periodicamente i sintomi depressivi, con questa valutazione in cieco utilizzata per guidare la cura successiva (livelli di dosaggio, ecc.) Secondo il protocollo, questo punteggio non doveva essere usato per valutare i "risultati" riportati del trattamento. Tuttavia, gli investigatori di STAR * D hanno fatto proprio questo nei loro articoli pubblicati, evidenziando i tassi di remissione secondo la scala QIDS-SR, piuttosto che i punteggi HRSD. Passando a questa scala non in cieco, Pigott trovato, ha aggiunto più di 200 pazienti al gruppo rimesso. (Ciò ha aumentato il numeratore nell'equazione utilizzata per calcolare la percentuale di pazienti sottoposti a remissione durante le quattro fasi del trattamento).

d) Anche con l'uso delle tre manipolazioni statistiche citate sopra e del disegno di ricerca "tag, sei guarito", solo 1854 dei 3671 pazienti (50,5%) "rimessi" durante le quattro fasi del trattamento. Ma i ricercatori non avevano ancora finito con i loro adeguamenti statistici. Hanno quindi ragionato che se tutti i pazienti non sottoposti a remissione che si erano ritirati durante la fase acuta del trattamento fossero invece rimasti nel trial durante tutte e quattro le fasi del trattamento, questi drop-out avrebbero rimesso allo stesso ritmo di quelli che hanno attraversato tutte e quattro le fasi e, in tal caso, ciò avrebbe prodotto un tasso di remissione cumulativa del 67%.

Pigott ha concluso che è impossibile dai dati pubblicati calcolare con precisione un tasso di remissione basato sulle linee guida stabilite nel protocollo (cioè il tasso di remissione per i 3343 pazienti con un punteggio HRSD al basale ≥ 14 che ha visto i loro sintomi scendere a HRSD < Durante le quattro fasi del trattamento acuto, la mia migliore stima è che circa 1300 rimessi, o circa il 38%.)

III. Nei suoi comunicati stampa, il NIMH ha ulteriormente esasperato i risultati già gonfiati

Nei suoi numerosi comunicati stampa, il NIMH ha regolarmente annunciato che "nel corso di tutti e quattro i livelli, circa il 70% di coloro che non si sono ritirati dallo studio sono diventati liberi dai sintomi ." Ma, come osservato da Pigott, i pazienti sottoposti a remissione non sono diventati necessariamente "Senza sintomi". La remissione era definita come un punteggio HRSD <7, ma i pazienti potevano ancora avere fino a sette sintomi depressivi "lievi" e finire con quel punteggio. Ad esempio, sulla scala di Hamilton, i seguenti sintomi rappresentano solo un punto: "sembra che la vita non valga la pena di essere vissuta", "sente di aver deluso le persone", "si sente incapace, svogliato, meno efficiente" e "Ha diminuito la spinta sessuale e la soddisfazione". Le dichiarazioni del comunicato stampa secondo cui il 70% dei pazienti è diventato privo di sintomi, ha scritto Pigott, "fa affermazioni mediche per il livello di efficacia dei farmaci antidepressivi semplicemente non veritiero e suggerisce un profondo pregiudizio pro-droga" all'interno di questa agenzia finanziata dai contribuenti. "

IV. Gli investigatori STAR * D hanno nascosto i risultati a lungo termine

Quando gli investigatori STAR * D hanno progettato lo studio, hanno cercato di massimizzare il tasso di degenza per i pazienti remessi durante i dodici mesi di "cure continuative". In questa fase del trattamento, i medici potrebbero cambiare i farmaci dei pazienti, alterare i dosaggi e aggiungere nuovi farmaci. I pazienti sono stati pagati $ 25 ogni volta che hanno valutato i loro sintomi, poiché si pensava che questo avrebbe aiutato a mantenere i pazienti nello studio.

Nei loro articoli pubblicati, gli investigatori STAR * D hanno riferito che la maggior parte dei pazienti sottoposti a remissione si è mantenuta bene durante i dodici mesi. E se questo risultato è stato combinato con il tasso di remissione cumulativa del 67%, è sembrato che circa il 40% dei pazienti che erano entrati nella sperimentazione si fosse rimesso e rimanesse per un anno. Tuttavia, in un articolo del 2006, i ricercatori hanno pubblicato un grafico che sembrava fornire dati numerici che tracciavano il tasso di degenza per i pazienti remessi, se solo il grafico potesse essere compreso (la maggior parte dei lettori non poteva averne alcun senso). Tuttavia, Pigott ei suoi collaboratori alla fine lo hanno fatto, e hanno scoperto che solo 108 dei 4.041 pazienti (3%) che erano entrati nella sperimentazione rimandavano e quindi rimanevano sani e nello studio durante i 12 mesi di terapia continuativa. Questo è un dato che racconta un paradigma di cura fallito.

V. Gli investigatori STAR * D non hanno pubblicato i dati raccolti per valutare i risultati globali

Durante il processo, gli investigatori hanno raccolto dati per valutare 12 altre misure a lungo termine che avrebbero fornito un quadro globale di come il trattamento farmacologico abbia influenzato la vita dei pazienti. Queste misure includevano la valutazione dei sintomi depressivi prima e dopo lo studio, il livello di funzionamento, la soddisfazione del paziente con il trattamento, la qualità della vita, l'onere degli effetti collaterali, l'utilizzo e il costo dell'assistenza sanitaria, lo stato di salute, la produttività lavorativa e il reddito personale . Anche se gli investigatori STAR * D hanno pubblicato più di 70 articoli peer-reviewed, non hanno ancora pubblicato i dati per nessuna di queste 12 misure a lungo termine.

È facile speculare sul perché sia ​​così. "L'incapacità di STAR * di pubblicare le sue scoperte come prespecificate (nel protocollo) è altamente indicativa che la cura dei farmaci antidepressivi non è riuscita a fornire l'ampia gamma di risultati positivi e compensare i costi che gli autori e NIMH si aspettavano, così hanno scelto di non pubblicare questi dati dannosi, "Ha scritto Pigott.

************************************************** ********

Questo è l'ultimo di STAR * D. È costato ai contribuenti americani 35 milioni di dollari, ed è stato pubblicizzato come il "più grande processo di efficacia antidepressiva mai condotto". Come chiarisce la decostruzione dello studio di Pigott, ciò che i contribuenti hanno ottenuto per i loro soldi sono stati pubblicati rapporti e comunicati stampa che dovrebbero essere classificati come governo " propaganda ", piuttosto che rapporti di scienza onesta. Sfortunatamente, molti prescrittori di antidepressivi fanno ora affidamento su quella propaganda come loro "base di prova", citando la cifra del 70% come prova dell'efficacia di questa forma di trattamento. La propaganda mascherata da scienza può esigere un costo molto alto.

Solutions Collecting From Web of "Quando la propaganda del governo si maschera come scienza"