Quando la paura e i fatti si scontrano

Governor Wolf Attends Community Vigil for the Victims of the Orlando Shooting, Creative Commons
Fonte: Il governatore Wolf partecipa alla veglia della comunità per le vittime della sparatoria di Orlando, Creative Commons

Le leggi sulle armi da fuoco sono una questione controversa in corso negli Stati Uniti, e ogni nuovo orribile massacro massacro porta di nuovo alla ribalta gli argomenti. La riforma delle armi da fuoco o no è una questione importante nelle attuali elezioni presidenziali americane. Una ricerca su US Gun Laws on PsychologyToday fa emergere 6285 post. Non sono un cittadino degli Stati Uniti e non vivo lì (anche se ho vissuto lì), ma ho molti amici, colleghi e contatti che lo fanno, e il sentimento generale di quelli nei miei circoli americani è clamorosamente per la riforma delle armi da fuoco. Per la maggior parte di noi e sospetto che la maggior parte delle popolazioni del Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda, dichiarino fuorilegge le armi d'assalto e le pistole in grado di accettare caricatori di munizioni di grande capacità è un gioco da ragazzi. Molti di noi si grattano la testa e leggono con incredulità la retorica che inonda da alcune sezioni degli Stati Uniti il ​​diritto di difendersi con una pistola contro persone che hanno anche pistole e sono terroristi, seriamente disturbati psicologicamente, o forse mariti o partner o adolescenti con problemi di "controllo della rabbia". Poi ci sono i poliziotti.

Ho scritto prima sull'importanza di una ricerca di alta qualità, sottoposta a peer review, per informare il processo decisionale su tutti i tipi di problemi. Nel mio post di gennaio, "Ascolta le donne! Le Super Strong Legs rendono il Cervello super-forte. È solo un clamore sul titolo o è il vero affare? "Ho esortato i lettori a consultare il documento di ricerca originale prima di impegnarsi a credere ai titoli dei giornali. Questo ovviamente è un problema banale rispetto alle leggi sulla pistola, e le persone che credono nei titoli su gambe e cervello forti senza leggere più profondamente non si faranno del male e probabilmente molto bene puntando a gambe più forti, indipendentemente dal fatto che questo significhi o meno cervelli forti !

Questo mese il rispettato Journal of American Medical Association (JAMA) ha pubblicato un documento di ricerca dei ricercatori australiani Simon Chapman, Philip Alpers e Michael Jones ( Associazione tra le riforme della legge sulla pistola e le intenzioni intenzionali delle armi da fuoco in Australia, 1979-2013). 22, 2016. doi: 10.1001 / jama.2016.8752) sullo stato delle sparatorie di massa australiane a venti anni dalla riforma della Gun australiana (intitolata "Accordo nazionale sulle armi da fuoco"). Questa riforma fu scatenata da un terribile massacro di armi in Tasmania nel 1996, in cui 35 persone furono uccise e 19 ferite. Dopo quella sparatoria di massa, il Primo Ministro australiano riunì immediatamente i Premiers degli otto Stati australiani (ognuno con le proprie leggi sulle armi), e nel gennaio 1997 furono banditi i cannoni a fuoco rapido (compresi quelli già di proprietà privata), e tutti e otto gli Stati hanno iniziato un riacquisto obbligatorio di armi da fuoco vietate al prezzo di mercato e li hanno distrutti. Dall'ottobre 1997 sono state comminate sanzioni penali di ampia portata a chiunque fosse in possesso delle armi da fuoco vietate. Nel 2003 è iniziato un secondo riacquisto di pistole a mano. I regolamenti, già più severi prima del 1996 rispetto a quelli negli Stati Uniti di oggi, sono stati ulteriormente rafforzati: i detentori di armi da fuoco dovevano completare un corso di sicurezza e avere una vera ragione per possedere un'arma (registrata presso la polizia). Motivi genuini potrebbero includere la caccia, il tiro al bersaglio o i requisiti professionali. Cioè, cacciatori australiani consapevoli della sicurezza e mentalmente stabili non erano esclusi dal loro sport. Di interesse, e una questione di grande preoccupazione negli Stati Uniti, la "protezione personale" non conta come una ragione legittima per possedere un'arma da fuoco. Le armi (scariche) dovevano essere immagazzinate sotto chiave e serratura, e le licenze scadevano ogni cinque anni e potevano essere revocate dalla polizia se avessero la prova che il proprietario dell'arma non era più sicuro di possedere una pistola.

Colpiti dalle uccisioni di armi da fuoco, molti australiani consegnarono volontariamente i loro fucili per la distruzione, anche quelli che non erano stati messi al bando. Tra il 1988 e il 2005 la percentuale di famiglie australiane proprietarie di un'arma è diminuita del 75%. Secondo l'editoriale del numero di JAMA, il tasso di omicidio negli Stati Uniti nel 2013 era di circa 23 volte superiore rispetto al tasso di omicidio di armi da fuoco attualmente in Australia. Si potrebbe ipotizzare che negli Stati Uniti un'equivalente riduzione di armi da fuoco nella comunità possa ridurre la comprensibile paura che provano molte persone e il loro conseguente "bisogno" di avere una pistola propria per difendersi. Il problema è troppo grande per interrompere questo circolo vizioso? Se qualcosa non viene fatto, quel ciclo sarà sicuramente ancora più difficile da rompere l'anno prossimo.

L'articolo JAMA era già stato accettato per la pubblicazione quando il massacro di Orlando ha scosso gli Stati Uniti, e di conseguenza gli editori hanno rapidamente inoltrato la sua pubblicazione. L'editoriale nella stessa rivista ha commentato l'articolo, e se vai all'articolo di ricerca online (che è liberamente disponibile online) puoi anche ascoltare uno dei ricercatori, Simon Chapman, intervistato sulla ricerca. L'articolo sta guadagnando enorme trazione e sta rapidamente diventando uno dei 100 articoli di giornale più letti del 2016. Poiché si tratta di uno studio di ricerca, non prende posizione, ma riporta i risultati. Tratta conclusioni da quelle scoperte che sono destinate ad essere soggettive in una certa misura. Tuttavia, i lettori possono arrivare alle loro conclusioni. Questo è uno studio di scienze sociali e, a causa della complessità dei fattori che entrano nel cambiamento della società per un lungo periodo, nessuno può dire con certezza se l'irrigidimento delle leggi sulle armi da parte dell'Australia nel 1996 sia stata la ragione principale del calo di massa sparatorie da 13 nei diciassette anni precedenti il ​​cambiamento, a zero nei successivi venti anni. La definizione dei ricercatori di un massacro è che cinque persone sono state uccise, escludendo il perpetratore. Le loro cifre su suicidi e omicidi da arma da fuoco sono molto meno chiare, poiché queste erano già in declino prima dei cambiamenti della legge sulle armi da fuoco, ma sono diminuite ulteriormente e ad un ritmo più rapido dalla riforma della legge sulle armi da fuoco. Tuttavia, anche gli atteggiamenti della società e altri fattori sono cambiati e la ridotta disponibilità delle armi non può essere isolata come causa principale della diminuzione dei suicidi e degli omicidi da arma da fuoco. Tuttavia, i tassi australiani di omicidio e suicidio delle armi da fuoco sono diminuiti più rapidamente dopo l'introduzione delle riforme della pistola che in Nuova Zelanda e Canada che non avevano rafforzato le loro leggi sulle armi e, nello stesso periodo negli Stati Uniti, i suicidi delle armi da fuoco sono aumentati.

Quindi, qualunque sia la tua opinione sul controllo delle armi, ti esorto a leggere l'articolo di JAMA e l'editoriale, e ad ascoltare l'intervista. Se fare tutte queste cose è troppo, basta ascoltare l'intervista, o leggere l'editoriale (ci sono un sacco di tabelle nel documento di ricerca!) Condividi il link alla ricerca (o questo post con i link incorporati) con gli altri , se pensi che questa ricerca aggiunga informazioni importanti al dibattito che potresti avere con i tuoi amici e colleghi. Le buone informazioni, la ricerca e l'educazione sono potenti, e nel mondo di oggi queste sembrano spesso essere relegate in fondo alla pila, specialmente quando la questione è emotiva o politica.

Per favore iscriviti alla mia e-newsletter mensile!

Visita il mio sito web dell'autore

Leggi i miei libri su Goodreads

Come la mia pagina Facebook dell'autore

Seguimi su Facebook

Seguimi su Twitter

Connetti su LinkedIn

Solutions Collecting From Web of "Quando la paura e i fatti si scontrano"