Quando la competizione non funziona

. . . e i mercati girano fuori controllo

La nostra società abbraccia la concorrenza. Non è solo il modo in cui lavoriamo, ma anche ciò in cui crediamo. Tuttavia, a posteriori, la crisi del credito del 2008 sembra suggerire che ci sono momenti in cui non funziona affatto.

I banchieri, i gestori di hedge fund e altri investitori che teoricamente dovrebbero monitorare le mosse aggressive degli altri, assicurandosi inesorabilmente che nessuno ottenga un vantaggio competitivo, sembrano infatti essere stati collettivamente fuori controllo.

John Cassidy nel suo resoconto della crisi, How Markets Fail, ha scritto:

"Pensa a cosa sarebbe successo se [Chuck] Prince. . . l'amministratore delegato di Citigroup dal 2003 al 2007, aveva annunciato nel 2005 che Citi si stava ritirando dal mercato dei subprime perché stava diventando troppo rischiosa. Quale sarebbe stata la reazione dei rivali di Prince? Avrebbero riconosciuto la saggezza della sua mossa e l'avrebbero copiato? Non probabile Piuttosto, avrebbero ordinato ai loro subalterni di affrettarsi e prendere l'azienda che Citi stava lasciando indietro. I guadagni a breve termine di Citi avrebbero sofferto rispetto a quelli dei suoi pari; il suo prezzo delle azioni sarebbe stato sotto pressione; e Prince, che stava già affrontando critiche a causa di problemi in altre aree degli affari di Citi, sarebbe stato cancellato come un disonesto ".

Cassidy osserva che Prince ha detto a un giornalista del Financial Times nel luglio 2007: "Quando la musica si ferma, in termini di liquidità, le cose saranno complicate. Ma finché la musica suona, devi alzarti e ballare. Stiamo ancora ballando. "

Potremmo obiettare che una vera leadership avrebbe richiesto un allontanamento così brusco dal partito, ma di recente i banchieri si sono lamentati del fatto che non c'era nessuno che impedisse loro di correre i rischi che hanno portato al collasso del mercato.

Questo è un cambiamento sorprendente rispetto all'argomentazione dell'economia classica, secondo cui i mercati sono intrinsecamente auto-correttivi: tutte le informazioni sono lì e tutto entra in gioco. I mercati possono essere utilizzati per determinare i valori reali, a patto che il governo si astenga dall'intromettersi.

Ma i commenti di Prince suggeriscono che spesso gli investitori non sono in grado di recepire le informazioni disponibili. Si guardano l'un l'altro, ipnotizzati dalla "musica", costretti a tenere il tempo con tutti gli altri. Il loro comportamento indica che i mercati spesso non funzionano nel modo in cui i nostri profeti della razionalità economica hanno proposto di fare.

Allora, dove ci lascia? Certamente dovremo prestare attenzione al lavoro degli economisti comportamentali che richiamano l'attenzione sulle basi psicologiche delle azioni degli investitori. Ma questo è solo l'inizio di ciò che è necessario per cogliere l'intera portata del comportamento umano – e anche il comportamento economico. Può essere profondamente irrazionale e controproducente. Inoltre, ci sono forze collettive che a volte sono impossibili da controllare.

Ciò che non sappiamo di sapere è il potere del gruppo di plasmare le scelte che pensiamo di avere.

Solutions Collecting From Web of "Quando la competizione non funziona"