Quando la colpa ti impedisce di impostare i confini

Tamarcus Brown
Fonte: Tamarcus Brown

" Se eviti il ​​conflitto per mantenere la pace, inizi una guerra dentro te stesso." -Cheryl Richardson

Le credenze su ciò che significa essere una brava persona sono molto potenti. Possono impedirci di avere e mantenere relazioni soddisfacenti con altre persone. Le persone le cui convinzioni sono motivate dalla colpa spesso non riescono a stabilire i necessari confini nelle loro relazioni. Questa colpa deriva dal credere che dare la priorità a se stessi rispetto agli altri sia sbagliato.

Un mio cliente recente mi ha ricordato quanto siano potenti le nostre credenze e idee nel determinare come ci identifichiamo. Il mio cliente mi stava dicendo che quando vuole parlare con certe persone nella sua vita, un flusso di commenti basati su sensi di colpa inizia a riversarsi nella sua mente dicendo "Ora non è bello" o "Dovresti semplicemente dire di sì e fai quello che vogliono "o" Dai, è davvero così fuori strada? "La maggior parte delle volte, quei pensieri la convincono che sta facendo la cosa sbagliata se non si conforma alle richieste degli altri. Ma sta solo cercando di fare la cosa giusta per se stessa. Come esercizio, ho chiesto al mio cliente di scrivere una lettera di colpevolezza. Le ho fatto fare questo al fine di mettere in pratica il modo in cui avrebbe definito dei limiti nelle sue relazioni, iniziando dal suo rapporto con la colpa. Ecco cosa ha scritto:

Cara colpa

Hai trovato innumerevoli modi per farmi sentire una persona cattiva per non aver rispettato ogni desiderio degli altri, anche se non è qualcosa che voglio fare. Bruci dentro il mio stomaco quando dico "no" a qualcuno anche quando so che dire "no" è la cosa giusta da fare. A volte vai fino a convincermi che sono una persona cattiva, anche quando so che non lo sono. Hai il tuo modo di dimenarti nella mia vita, prendi il controllo delle mie azioni e mi permetti di obbedire alle cose che fanno gli altri per far loro piacere invece di me stesso.

Alla fine prenderò una posizione e comincerò a stabilire dei limiti nelle mie relazioni e quell'impostazione dei confini inizia ponendo dei limiti attorno a te. A volte mi fai sentire come se non avessi una scelta quando lo faccio davvero. Ho notato dando dentro di te, divento risentito perché ho lasciato che la gente mi camminasse addosso. In qualche modo sono stato portato a credere di essere solo una brava persona se lo faccio. Colpa, non sono una persona cattiva. In realtà sono una brava persona; potresti non vederlo mai in me, e va bene, perché quello è il tuo lavoro. Volevo solo farti sapere che non posso più permettermi di gestire le mie decisioni di vita. Stai danneggiando le mie relazioni e la mia capacità di essere la mia persona. Quindi mi scuso ma ti ignorerò quando proverai a farti vedere il tuo commento e non sono d'accordo con te. Sarò a disposizione per ascoltarti quando ho bisogno della tua opinione.

Come il mio cliente, tutti noi possiamo trarre vantaggio dal riconoscere i modi in cui la colpa cerca di tenerci intrappolati, impedendoci di fissare dei limiti nelle nostre relazioni. Questo è particolarmente importante perché la colpa ci convincerà che dire di sì per compiacere gli altri è una buona cosa che non ha bisogno di essere cambiata. L'intenzione principale dietro al sentirsi in colpa è una buona idea – vivere la vita nella direzione "giusta" – ma a volte tutto ciò che fa veramente è danneggiare i tuoi rapporti e impedirti di essere la tua stessa persona. Le persone interessate sono particolarmente colpite dai sensi di colpa e dalla necessità di essere necessari. Si sentono responsabili dei sentimenti degli altri e sono costretti a essere una brava persona in ogni momento, che alimenta l'impulso di dire di sì, anche quando vogliono davvero dire di no. Il senso di colpa può indurci a pensare che possiamo ignorare con successo i nostri bisogni e assumerci le responsabilità degli altri; ma dopo un po ', quelle persone si affideranno sempre più a noi, soppesandoci.

Quando si impostano i confini appropriati e si smette di assumersi le responsabilità altrui, non rimane altra scelta che completare i propri compiti, risolvere i propri problemi e trovare le proprie risorse. All'inizio, probabilmente ti sentirai in colpa per questo, ma aiuterà a ricordare che questo significa che le altre persone si prenderanno più responsabilità per se stesse, il che migliorerà il loro funzionamento e la capacità di fare per se stessi.

Pensare in questo modo alle tue relazioni può aiutarti ad acquisire una certa obiettività sui processi emotivi all'interno di queste relazioni, aiutandoti a prendere decisioni che non sono motivate dalla colpa. Devi essere abbastanza sicuro per mettere i limiti al loro posto e ritenere le altre persone responsabili delle loro decisioni e azioni. Se entri e prendi questa responsabilità, ti sentirai presto logoro, sottovalutato e risentito. Come afferma Brene Brown in The Gifts of Imperfection , "È anche impossibile praticare la compassione da un luogo di risentimento. Se esercitiamo l'accettazione e la compassione, abbiamo bisogno di limiti e responsabilità ". Devi stabilire dei limiti nelle tue relazioni più intime in modo che tu possa sentirti accettato, ascoltato e amato. Parte del sentirsi connessi a qualcuno sta permettendo a lui o lei di vederti veramente e di cosa stai facendo. Se vivi per piacere a tutti e non parli la tua verità, ti sentirai solo e invisibile. E indovina cosa? Sarai stato tu a indossare il mantello dell'invisibilità.

Una grande parte di capire chi sei sta imparando i tuoi limiti. Una volta che sai cosa sono, puoi impostare i confini appropriati con altre persone. Di seguito alcuni consigli su come costruire i confini. Lascia che questo serva da riferimento quando devi ricordarlo nei tuoi rapporti. Un buon libro sull'impostazione dei confini è Boundaries: When Say Say, How to Say No to Take Control of Your Life , di Henry Cloud e John Townsend.

  • Conosci i tuoi limiti.
  • Sii risoluto.
  • Sappi che sei degno.
  • Cambia il tuo ruolo nelle tue relazioni.
  • Prendi tempo per te stesso
  • Applicare i confini.
  • Non aspettarti di diventare un maestro nel fissare i confini durante la notte.

Solutions Collecting From Web of "Quando la colpa ti impedisce di impostare i confini"