Quando la chirurgia plastica è utilizzata come soluzione al bullismo

Bullismo nella mente di molti ed è una preoccupazione seria con un impatto duraturo. Generalmente la pensiamo come una questione psicologica, ma ora sembra che sia diventata anche fisica.

Nel tentativo di affrontare questa fastidiosa tendenza, l'organizzazione no-profit Little Baby Face Foundation è stata coinvolta. La sua missione è quella di fornire una riparazione chirurgica gratuita a bambini piccoli nati con deformità facciali (molti dei quali non sarebbero altrimenti in grado di permettersi queste procedure cosmetiche), dando loro la "faccia da bambino" che meritano. Sebbene possa avere buone intenzioni, cosa dice quando un'associazione benefica come questa offre i suoi servizi a giovani adolescenti che cercano di evitare il bullismo? Mi sembra che promuova la propria tendenza problematica.

Secondo il giornalista della CNN, Sanjay Gupta, una giovane ragazza di nome Nadia Ilsa è stata chiamata "Dumbo" per anni crescendo ed era stanca di essere presa in giro dai suoi coetanei. Aveva ciò che descriveva con le sue stesse parole "orecchie da elefante" e, dall'età di 10 anni, aveva supplicato sua madre per un'operazione per bloccarle.

Il suo desiderio è stato concesso dalla Little Baby Face Foundation. Non solo il fondatore dell'organizzazione, il Dr. Thomas Romo, ha lavorato sulle sue orecchie (otoplastica), ma ha suggerito di ridurre il naso (rinoplastica) e di alterare il mento (mentoplastica) per ottenere i migliori risultati. Nadia, anche se in precedenza non sapeva che le sue altre caratteristiche facciali dovevano essere corrette, seguì con entusiasmo le raccomandazioni del Dr. Romo e fece tutte e tre le procedure. Voleva solo sentirsi meglio con se stessa ed era disposta a fare quasi qualsiasi cosa per evitare ulteriori dolori emotivi. Nadia, all'età di 14 anni, ha mostrato le sue foto prima e dopo e ha detto alla CNN: "Sono bellissima. Questo è esattamente quello che volevo. Lo adoro. "Sentiva che il dolore fisico post-chirurgico valeva la trasformazione che aveva subito.

Per quella ragazza, era un sogno diventato realtà; un piccolo stroncare e un adolescente infelice e goffo è stato trasformato magicamente in un bellissimo cigno. Ma cosa stiamo dicendo veramente qui? Le vittime delle prese in giro dovrebbero sopportare il peso dei loro coetanei prepotenti apportando le trasformazioni necessarie per evitare di essere tormentati? Incoraggiamo i nostri figli a cercare la "normalità" andando sotto i ferri per ottenere caratteristiche accettabili culturalmente accettate, piuttosto che insegnare ai bambini ad amare se stessi?

Se le richieste di orecchie appuntite o di nasi ridotte sono soddisfatte (sia da una fondazione che da un chirurgo privato), cosa succede quando i nostri giovani adolescenti vogliono alterare altre caratteristiche: occhi più grandi, zigomi più alti, seni più grandi, vita più piccola o gambe più lunghe? Sembra una discesa scivolosa che è fin troppo familiare agli uomini e alle donne anziane che si mettono in fila negli uffici del loro chirurgo plastico per procedure anti-invecchiamento che cercano di impedire loro di perdere la faccia nella nostra cultura ossessionata dai giovani.

Il numero di adolescenti americani che ricevono interventi chirurgici in generale è in forte aumento. Secondo l'American Society of Plastic Surgeons (ASPS), circa 219.000 interventi di chirurgia estetica sono stati eseguiti su persone di età compresa tra 13 e 19 anni nel 2010. Sempre più persone cercano procedure dopo il diploma di scuola superiore in modo che inizino gli studi universitari con un nuovo look. "Nessuno li conoscerà nel loro nuovo ambiente, quindi non sono richieste spiegazioni per i loro sguardi alterati. Ritengono che queste procedure chirurgiche di back-to-school daranno loro un vantaggio sul successo sociale e miglioreranno la loro autostima. Queste sono statistiche inquietanti, ma usare questa soluzione per aiutare le vittime del bullismo è ancora di più.

Il mio pensiero è che associazioni di beneficenza come Little Baby Face debbano essere riservate ai bambini con gravi deformità facciali, quelle nate con difetti genetici, come i palati della schisi, o bambini che subiscono sfregio del viso a causa di un trauma. Dare a questi bambini l'opportunità di iniziare la vita con una maggiore possibilità di essere intrecciati nella società è diverso dalla standardizzazione dell'eterogeneità che è inerente all'essere umani. C'è una linea da tracciare e per me è piuttosto chiara.

Una soluzione al bullismo che coinvolge procedure chirurgiche (che hanno il proprio insieme di rischi fisici di cui pochi parlano) è un messaggio terribile per dare a entrambi i bulli e le loro vittime. Pensiamo davvero che il cambiamento delle caratteristiche fisiche annulli il danno emotivo creato dall'essere preso in giro? E non stiamo forse convalidando il vero messaggio che sta dietro alle azioni dei bulli, che diversità e variazione sono cattive? Dobbiamo incoraggiare i giovani ad ammirare e abbracciare le differenze, e questo inizia sin dalla tenera età.

Cosa ne pensi della chirurgia estetica adolescenziale? È una potenziale soluzione per i bambini vittime di bullismo o una tendenza pericolosa?

Vivian Diller, Ph.D., è uno psicologo in uno studio privato a New York City. È esperta in media su vari argomenti psicologici e come consulente per aziende che promuovono prodotti per la salute, la bellezza e cosmetici. Il suo libro Face It: What Women Really Feel As Their Looks Change (2010), a cura di Michele Willens, è una guida psicologica per aiutare le donne ad affrontare le emozioni provocate dalle loro apparenze mutevoli.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web VivianDiller.com e continuare la conversazione su Twitter: @DrVDiller.

Segui Vivian Diller, Ph.D. su Twitter: www.twitter.com/DrVDiller

Solutions Collecting From Web of "Quando la chirurgia plastica è utilizzata come soluzione al bullismo"