Quando il tuo cane legge le tue piccole battute

Ogni ricercatore di cognizione animale vive nell'ombra di Clever Hans. Questo cavallo era intelligente, ma non nel modo in cui la gente pensava che fosse. Hans visse a Berlino all'inizio del XX secolo. Il suo proprietario, un certo von von Osten, lo aveva addestrato a fare aritmetica (o almeno così credeva il suo proprietario). Dato un problema di moltiplicazione o divisione, Hans estrasse la risposta con lo zoccolo. Conosceva i fattori, i decimali; poteva contare le persone presenti in una stanza, o il numero di persone con gli occhiali presenti in una stanza. Dato un nuovo problema, Hans era infallibilmente corretto. Hans è andato, nel linguaggio del nostro tempo, globale: folle in fila per vedere il famoso cavallo da conta. All'improvviso l'intelligenza forse nascosta e latente degli animali era nella mente di tutti. Anche gli scettici erano in fila, ma fino a quando un Oskar Pfungst, uno psicologo, non arrivò, avevano le loro prove. Pfungst ha dimostrato che Hans stava usando spunti involontariamente forniti dal suo proprietario o qualcuno che faceva domande a Hans. Senza esserne consapevoli, lo stavano dicendo quando raggiunse la risposta finale con i loro corpi: rilassando le spalle, inclinando la testa, allargando le narici e così via. Questi atti sottili erano l'indizio di Hans per smettere di picchiettare.

Penso che Hans sia stato abbastanza intelligente, me stesso. Non aveva bisogno di imparare l'aritmetica: poteva solo ottenere le "risposte" dagli umani intorno a lui. Ma il suo è un ammonimento per gli scienziati comportamentali: attenti ai cueing involontari. Ciò è particolarmente rilevante negli studi che esaminano le prestazioni degli animali nei test sperimentali, perché spesso l'animale agisce in interazione con uno sperimentatore umano. Lo scimpanzè indica quale delle due pile di M & Ms è più grande perché sa che è più grande, o perché l'uomo guarda casualmente il mucchio più grande?

Oggi, i ricercatori fanno un buon lavoro per evitare le insidie ​​del cueing involontario. Ma quando si pensa a come si comportano i cani, "cueing" assume una nuova dimensione. I cani sono particolarmente sensibili a una miriade di segnali che indicano ciò che noi esseri umani, quelli che li hanno allevati e portati nelle nostre case, faremo. La sensibilità dei cani alle indicazioni è in un certo senso, come con Hans, ciò che li rende così "intelligenti". Ci predicono; seguono i nostri più piccoli gesti; sembrano conoscerci .

I segnali che diamo sono spesso sottili. Potremmo anche non sapere che stiamo dando una stecca diversa, quando ci alziamo dalle nostre sedie per andare al frigo, invece di alzarci per portare il cane a fare una passeggiata. Il tuo cane lo fa.

Stavo pensando alla sottigliezza delle indicazioni quando leggo un foglio che potrebbe parlare di segnali che diamo ai cani. In questo articolo, gli autori (Lit et al, 2011) hanno testato 18 cani per il rilevamento di droghe ed esplosivi e i loro conduttori. Alle squadre è stato detto di cercare il profumo di droghe o esplosivi in ​​una stanza sperimentale. Solo, non c'erano nessuno lì. Tuttavia, gli addetti ai lavori erano stati informati che alcuni dei luoghi erano stati innescati. E alla fine, le squadre hanno "trovato" la presenza dell'odore ancora e ancora. Certo, hanno sbagliato ogni volta: non c'erano droghe o esplosivi presenti.

Si trattava di squadre con esperienza, che hanno chiaramente dimostrato la loro abilità nel trovare il contrabbando nascosto. Quindi cosa stava succedendo? Sembra che i conduttori, pensando che ci fossero profumi presenti dove non c'erano, hanno dato la caccia ai cani. Almeno, questo è ciò che è stato segnalato. Ho letto del documento in Scientific American, il cui titolo era in parte il seguente: "Quando i gestori di cani credevano che ci fossero droghe o materiali per le bombe, i loro cani chiamavano più falsi allarmi".

È vero? Suo

i cani guardano dove guardiamo

un punto sottile, ma il titolo non è del tutto corretto. Il team ha chiamato più falsi allarmi. Cioè, i conduttori hanno riferito che il cane ha trovato il farmaco. Potrebbero essere accadute due cose, ei dati dello studio non li distinguono. O i conduttori hanno tolto i cani a ciò che pensavano fossero luoghi corretti – l'intelligente "effetto Hans" – o semplicemente gli handler hanno descritto erroneamente cosa stavano facendo i cani. Potrebbero aver "pensato" o "intuito" di aver visto il cane all'erta di un profumo. Questo è un classico pregiudizio di conferma: vedi cosa ti aspetti di vedere. Un operatore esperto si aspetta di vedere il suo cane trovare il profumo.

Lo studio è presentato come una ammonizione contro il cueing di un cane, ma penso che sia anche un ammonimento sulla ricerca: i risultati sono spesso più sottili di quanto non lo diranno i titoli successivi. Guarda più da vicino. (Il tuo cane lo è certamente).

Citato : Lit, Lisa, Schweitzer, Julie B., Oberbauer, Anita M. 2011. "Le credenze degli handler influiscono sui risultati dei cani per il rilevamento dei profumi." Cognizione animale (on-line).

Solutions Collecting From Web of "Quando il tuo cane legge le tue piccole battute"