Quando il lavoro può essere dannoso per la salute

L'incessante ricerca dei risultati, la tensione sulle scadenze e lo stress causato dalle ore trascorse nel traffico sulla strada da e verso il ritorno dal lavoro fanno parte della routine per la maggior parte dei lavoratori. Ciò che pochi di loro sanno – o fanno finta di non sapere – è che questi fattori possono portare o peggiorare un disturbo mentale, come la depressione. Nelle statistiche globali, la malattia è elencata tra le tre principali cause di congedo per malattia.

Fonte: cortesia Antônio Geraldo da Silva

Questo triste stato di cose ha richiamato l'attenzione del Ministero della Salute, che per la prima volta ha chiesto all'Istituto brasiliano di geografia e statistica di indagare sul tasso di depressione tra gli occupati. L'indagine, condotta tra persone di 18 anni o più, ha mostrato che il 6,2% della forza lavoro è afflitta dalla malattia.

Questo risultato rafforza solo la nostra preoccupazione per la salute mentale del lavoratore. Il più delle volte gli impiegati, che ogni giorno devono affrontare più richieste sul lavoro, non riescono a vedere cosa può fare una routine stressante per la loro salute a medio e lungo termine. I disturbi mentali sono più comuni di quanto la maggior parte delle persone immagina nell'ambiente di lavoro e sono la terza più alta causa di congedi per malattia, superati solo da lesioni traumatiche e disturbi muscoloscheletrici.

Solo nel 2015, l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INSS) ha concesso oltre 63.000 benefici ai lavoratori diagnosticati con qualche tipo di disturbo mentale. Nella classificazione internazionale delle malattie, utilizzata come base di dati dall'INSS, la depressione è in cima alla lista dei disturbi mentali che più spesso disabilitano i lavoratori. Oltre 27.000 casi sono stati calcolati. Al secondo posto, con oltre 16.000 casi, ci sono disturbi mentali e comportamentali causati dall'uso di più farmaci. In seguito, arriva il congedo per malattia a causa di disturbi mentali causati dall'uso di alcol, con oltre 5.000 casi e quelli causati dall'uso di cocaina, con oltre 2.000 casi.

Fonte: Rosylane Mercês Rocha

Quello che concludiamo da questo scenario è che molte persone soffrono in silenzio. Nascondono fobie, depressione, disturbi d'ansia e, cosa ancora peggiore, non cercano aiuto. A causa di negligenza o anche a causa della paura di essere giudicati. Tutto ciò, ovviamente, influisce sulle prestazioni lavorative e, di conseguenza, peggiora ulteriormente la situazione. È importante ricordare che anche coloro che sono in grado di mettere da parte i loro pregiudizi e cercare un aiuto specializzato si vergognano della loro diagnosi e temono di essere stigmatizzati come matti, pigri e bugiardi. Abbiamo bisogno di cambiare questa realtà.

L'aggravarsi dei disturbi mentali dovuti alle pressioni sul posto di lavoro, la paura della disoccupazione e le crisi finanziarie possono portare il lavoratore a una situazione critica, come il suicidio. Per evitare ciò, il governo deve investire in politiche di salute mentale fondate su fatti scientifici e non su ideologie vuote.

L'assenza di una prevenzione adeguata ha conseguenze non solo per i lavoratori e le loro famiglie, ma anche per la società in generale a causa degli enormi costi che vengono generati, in particolare a causa della perdita di produttività e della tensione nei sistemi di sicurezza sociale. L'Organizzazione internazionale del lavoro stima che gli incidenti sul lavoro e le malattie legate al lavoro comportino una perdita annuale del 4% del PIL mondiale, circa 2,8 miliardi di dollari.

Le aziende dovrebbero, attraverso manager ben addestrati, prestare attenzione al comportamento dei propri dipendenti. È importante essere in grado di distinguere, ad esempio, se una persona è immotivata a causa di un problema specifico sul lavoro se c'è una caratteristica personale. Dobbiamo imparare a vedere davvero l'altra persona. Il medico occupazionale di un'azienda ha un ruolo fondamentale nella salute del lavoratore, perché sarà in grado di vedere i primi segni e sintomi della malattia mentale e raccomandare che il lavoratore si sottoponga alla valutazione specialistica di uno psichiatra. Allo stesso modo, i programmi per la prevenzione della violenza sul posto di lavoro e della dipendenza da sostanze chimiche devono essere parte della routine sanitaria del personale di un'azienda.

È fondamentale che chiunque venga diagnosticato con qualche tipo di disturbo mentale segua correttamente il proprio trattamento e che il proprio datore di lavoro supervisioni questo processo. Prendersi cura della salute mentale del lavoratore rappresenta, sotto ogni aspetto, dei vantaggi per il lavoratore stesso, per chi lo ha assunto e per la società nel suo insieme.

Antônio Geraldo da Silva è uno psichiatra ed è il presidente dell'Associazione Brasiliana di Psichiatria (ABP)

Rosylane Mercês Rocha è medico del lavoro e la Commissione internazionale per la salute sul lavoro (ICOH) Segretario nazionale brasiliano

Solutions Collecting From Web of "Quando il lavoro può essere dannoso per la salute"