Quando il gay torna a casa

Ho un amico che ha credenziali liberali in sterline. Lei supporta la scelta; lei odia le pistole; lei abbraccia tutto; lei va porta a porta per i democratici.

Ha appena saputo che suo figlio è gay.

Ho un amico che ha credenziali liberali in sterline. Lei supporta la scelta; lei odia le pistole; lei abbraccia tutto; lei va porta a porta per i democratici.

Ha appena saputo che suo figlio è gay.

Non è stato uno di quei momenti da "mamma-papà che ho qualcosa da dire" sincero. Si è esibito sulla sua pagina di Facebook con una foto di se stesso e di un amico che non lasciava spazio all'interpretazione.

Mentre lottava tra le rondini di chardonnay per le parole giuste per descrivere come si sente su questa notizia, mi è venuto in mente che dietro le grandi questioni ci sono piccole storie.

Per molti genitori, è la consapevolezza che questo bambino – amato e accettato anche se lui o lei potrebbe essere – è qualcuno, almeno in un grande aspetto della loro vita, diverso da chi quei genitori pensavano di essere. Per molti bambini, è una prova di se l'amore e il rispetto dei loro genitori resiste alle notizie, o ora porta un asterisco.

Quello che succede da quel momento in poi dice molto sulle famiglie, i tempi e la difficile navigazione personale tra opinione e credo; tra ciò che diciamo e ciò che sentiamo.

Negli anni passati, abbiamo assistito ad alcuni esempi affascinanti di quella navigazione, in quanto un'ondata di rabbiosi conservatori di tutti i gay-go-to-hell si occupavano dell'emergere di bambini gay.

A differenza delle legioni di famiglie conservatrici che abbracciano i loro figli gay e lesbiche; questi hanno reagito con sgomento pubblico e arrabbiato. Rappresentavano un'interessante collisione tra la fede nella famiglia e il perdono e la certezza che l'omosessualità non è solo bandita dalla Bibbia, è una scelta: "stai eleggendo per essere qualcosa che aborrisco perché pensi che sia divertente." Alan Keyes, la bibbia che sventola L'attivista conservatrice che si era trasferita in Illinois per correre contro Barack Obama per il Senato ha una figlia gay, Maya. Ha riferito che l'ha buttata fuori di casa e tagliato i suoi fondi per l'educazione. Lui lo nega, ma ripetutamente la chiama "un edonista egoista".

L'anti-aborto e il crociato anti-gay Randall Terry ha un figlio gay, Jamiel. Terry ha detto che suo figlio sta "portando grande tristezza a casa nostra e imbarazzo per la nostra famiglia" e "Non è più il benvenuto nella mia casa".

Il vicepresidente Dick Cheney, al contrario, era stato applaudito per il sostegno della sua figlia gay e dei suoi omosessuali, dicendo: "Penso che le persone dovrebbero essere libere di entrare in qualsiasi tipo di unione che desiderano – qualsiasi tipo di accordo desiderano". ballato oltre la questione della protezione federale e ha detto che spetta agli stati. Ma era ancora piuttosto una dimostrazione di accettazione da parte del ragazzo che non appariva mai a disagio con il soprannome: Darth Vader.

Tuttavia, nella stessa dichiarazione di sostegno, sono rimasto colpito dalla sua scelta di parole. "Come molti di voi sanno," ha detto, "una delle mie figlie è gay, ed è qualcosa con cui viviamo da molto tempo nella nostra famiglia" – molto, mi sembrava, come descriveresti una famiglia membro con una malattia autoimmune.

Alcuni studi mostrano, tuttavia, che possono esserci anche traumi dall'altra parte dello spettro socio-politico. In un articolo della rivista Details sull'accettazione dei genitori di bambini omosessuali, il dott. Edgardo Menvielle, a capo del Programma di sviluppo psicosociale di genere e sessualità al Children's National Medical Center di Washington, riferisce di bambini in età prescolare i cui genitori temono che a loro figlio piacciano le Barbie meglio dei Transformers, o le loro rozze e ruvide figlie sembrano andare oltre il maschiaccio.

Ha detto che questi genitori hanno lavorato molto duramente per essere rilassati sulle questioni di genere. "Ma in fondo", ha aggiunto, "non stanno riconoscendo quello che vogliono, ovvero i loro figli sono i cosiddetti membri" normali "della società".

Per coloro che stanno bene con i figli di amici, vicini e parenti che sono gay, le cose possono diventare complicate quando la sessualità colpisce casa. Nessuna sorpresa.

Il motivo per cui i genitori si vantano dei loro figli è perché riflettono qualcosa di valore dei genitori: duro lavoro, forza, atletismo, intelligenza, bellezza, umorismo. Essere gay preclude nulla di tutto ciò. Ma è probabile che essere gay non sia in cima alla lista dei desideri dei genitori.

Anche le madri lesbiche che ho intervistato nella ricerca del mio libro, Raising Boys Without Men, hanno detto che non avrebbero scelto per i loro figli di essere gay. Come uno mi ha detto: "La vita ti getta abbastanza. Ovviamente starei bene con mio figlio che è gay se questo è quello che è. Viviamo ancora in un mondo in cui essere gay ha delle complicazioni che non devi affrontare quando sei eterosessuale. È per questo che stiamo ancora lottando per il semplice diritto di sposare la persona che amiamo. "

Le cose diventeranno ancora più complicate.

Siamo agli albori di un'epoca in cui possiamo vedere, e presto cambiamo le componenti genetiche della malattia. Se accetti che l'omosessualità sia almeno parzialmente genetica, e pensi che la scienza alla fine ci darà gli strumenti per manipolare il nostro trucco in modi che cambiano i risultati, allora? Supponiamo che uno schianto in utero di una connessione ormonale possa adattare un feto alla cosiddetta "preferenza sessuale normale?" Quanti bambini gay e lesbici potranno sviluppare nella direzione in cui la natura li indica? Prendilo in una conclusione ancora più oscura, ma possibile: supponiamo di vedere la direzione prima di poterla cambiare?

Tornando alla mia amica che stava ancora allenando i suoi sentimenti, e suo marito che non poteva parlarne perché aveva iniziato a piangere. Un bambino gay è naturale, accettabile, inevitabile e, come tutti i bambini, è bello. Lavoreranno attraverso la loro sorpresa e le preoccupazioni iniziali. Amano il loro figlio. Questo non cambierà. Né sarà il fatto che sia un bravo ragazzo.

Ma data la scelta, avrebbe dovuto fare in modo che le cose si rivelassero in un altro modo? Avrei voluto chiederle quella domanda un giorno. Ma non è giusto allora.

La dottoressa Peggy Drexler è psicologa ricercatrice, assistente professore di psicologia in psichiatria presso il Weill Medical College della Cornell University e autrice di Raising Boys Without Men. Il suo nuovo libro Our Fathers, Ourselves: Figlie, Padri e la famiglia americana in cambiamento sarà pubblicato da Rodale a maggio. Segui Peggy su Twitter e Facebook .

Posta originaria di Huffington Post

Solutions Collecting From Web of "Quando il gay torna a casa"